Alda Merini

alda merini milanoAlda Merini, grande e amatissima poetessa milanese, nacque in Ripa di Porta Ticinese 47 a Milano il 21 marzo del 1931.

Alda inizia a comporre liriche a 16 anni tormentata dal disagio mentale che la perseguiterà fino alla morte. La sua prima raccolta di poesie "La presenza di Orfeo" esce nel 1953 e riscuote un grande successo di critica. Dal 1961 al 1972 viene ricoverata presso la clinica psichiatrica Paolo Pini dove seppur profondamente segnata riesce infine a tornare agli amati Navigli di Milano. Toccanti i suoi versi tratti da Vuoto d'amore del 1991: "Sono nata il ventuno a primavera/ma non sapevo che nascere folle,/aprire le zolle/potesse scatenar tempesta".

 

Alcuni dei versi dedicati alla sua città: ''Si potrebbe lasciare Milano per sempre soltanto per andare in Paradiso, ma forse desidererei, anche da li', la mia casa sui Navigli'''. Oppure quelli declamati in una sua apparizione in TV: "L'uomo quando è matto è molto bambino. Nella follia uno sta bene, perché ignora voi altri che siete rompiballe". 

I suoi scritti pieni di umanità intrecciati alle vicende personali le sono valsi numerosi e ambiti riconoscimenti. La città di Milano, alla sua morte, avvenuta il 1 novembre 2009, ha voluto tributarle i funerali di stato e la sepoltura presso il Famedio del Cimitero Monumentale.
Leggi anche:

Alda Merini casa: un workshop per ricordare la poetessa

Presepe privato di Alda Merini 

Pin It

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.