• Storia
  • Apparizione Mariana a Milano

Apparizione Mariana a Milano

Qualche anno fa, per una mostra a tema religioso, feci una ricerca sulle apparizioni mariane in Italia e nel mondo, e così scoprii che anche a Milano ci fu un’apparizione, e precisamente il 31 maggio 1938. Abbiamo altre due apparizioni nella provincia, e precisamente a Corbetta il 17 aprile 1555 e a Cernusco sul Naviglio il 6 gennaio e il 23 febbraio 1924.

Madonnina a expo milanofree tiziana leopizzi

Prima di tediarvi con alcune statistiche, vado a illustrare la prima delle tre apparizioni, iniziando, ovviamente, da quella che riguarda la nostra Milano. Protagonista di quest’apparizione è stata Giuseppina De Micheli, nata a Milano l’11 settembre del 1890, che, a ventiquattro anni decide di vestire l’abito religioso delle Figlie dell’Immacolata Concezione, assumendo il nome di suor Maria Pierina; siamo nel maggio del 1914. L’indirizzo della giovane suora è da subito rivolta alla continua contemplazione del volto di Gesù, sentimento che sentiva in se fin da bambina. Nel 1919 è inviata a Buenos Aires, e rientra a Milano, in via Elba 18, due anni dopo.

È eletta superiora della Casa di Milano. In tutto questo periodo lei ha colloqui con Gesù, e un giorno di maggio del 1938, mentre era assorta in orazione, sulla predella, la piattaforma dell’altare, in un fascio di luce, gli si presenta una signora, bella e piena di luce, che teneva in mano uno scapolare formato da due flanelle bianche unite da un cordoncino. Una di queste flanelle portava incisa l’immagine del Volto di Gesù con attorno scritto: “Illumina Domine Vultum Tuum super nos”, ossia Illuminaci col tuo volto Signore; mentre l’altra riportava un’Ostia circondata da raggiera, con una scritta che recitava: “ Mane nobiscum Domine”, che tradotto è rimani con noi Signore. L’apparizione invita la suora a far conoscere a tutti il potere taumaturgico di questo scapolare.

A questo punto, per suor Pierina, nasce l’esigenza di far stampare, su medaglietta, quanto richiesto dalla Madonna, tuttavia il primo ostacolo da superare è la mancanza di denaro per affrontare la spesa, anche se suor Pierina non intendeva arrendersi così facilmente. L’esperienza della vita, almeno per chi ha fede, ha insegnato che, dove ci sono impegno e buona volontà, la Provvidenza viene in aiuto, e fu così anche per lei, poiché un giorno un fotografo, Cav. Giovanni  Bruner, si offrì per la stampa, e anche la Curia di Milano, a conoscenza della questione, diede il suo benestare.

Nonostante questo intervento il problema denaro non era ancora risolto del tutto, poiché per la coniatura della medaglia occorreva una somma non indifferente. La nostra suora, a questo punto, si ritirò in preghiera, esponendo la sua difficoltà. Una mattina, alzatasi per iniziare la giornata, si accorse che sul tavolino della cameretta c’è una busta sigillata. Quando la aprì per vedere il contenuto, quale non fu lo stupore nel costatare che all’interno vi era del denaro, 11.200 lire, esattamente la cifra necessaria. Subito si diede da fare per ottemperare alla richiesta voluta dalla Madonna, e questo fu l’inizio, per lei, di continue vessazioni, di strani incidenti, d’immagini e di quadri che si laceravano, ma lei sopportò con pazienza e con fede questi ostacoli di sicura origine diabolica. Il 7 aprile del 1943 la madonna, le appare un’altra volta, tranquillizzandola e dicendole di far conoscere tutto al Papa affinché dia anche la sua benedizione all’iniziativa. La medaglia ha avuto, e mantiene tuttora, l’effetto miracoloso delle conversioni, delle guarigioni, dalle liberazioni sataniche.

Suor Pierina si spegne a questo mondo il 26 luglio 1945 nella casa del Volto Santo in Centonara d’Artò in provincia di Novara. Il 30 maggio del 2010 fu beatificata nella Basilica di Santa Maria Maggiore a Roma. Il miracolo che permise la beatificazione di suor Pierina, fu la guarigione completa di un uomo in punto di morte colpito da un aneurisma.  
Questa è la medaglia del Santo Volto di Gesù fatta coniare da suor Pierina.  Come si può costatare il Volto è molto simile a quello che appare sulla Sacra Sindone.  Dopo quanto riportato, abbiamo la conferma che anche nella nostra città la Madonna ha operato un’apparizione. In un prossimo articolo parlerò di quelle avvenute a Cernusco sul Naviglio e a Corbetta. Ecco adesso una breve statistica. Le apparizioni Mariane sono state, dal 2009, duecentosessantatrè, così suddivise:

N.38 apparizioni dall’Assunzione di Maria al 1400
N. 76 apparizioni dal 1400 al 1600
N. 43 apparizioni dal 1600 al 1800
N. 86 dal 1800 al 2009
N. 11 sono le apparizioni che non hanno una data certa
N. 9 sono le apparizioni ritenute leggendarie.
Le tre città, con relative provincie, dove sono avvenute le maggiori apparizioni sono: Bergamo con quindici apparizioni, Torino con nove e Genova con otto.
I mesi dell’anno che annoverano più apparizioni sono: Maggio, Luglio e Agosto.

Copyright © 2006 - 2021 MilanoFree.it, testata registrata Trib. Milano n. 367 del 19/11/2014  IT11086080964