• Home
  • La Grande Milano
  • Storia
  • Borbone di Napoli: riconciliazione nel Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio

Borbone di Napoli: riconciliazione nel Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio

atto-riconciliazione-borboneI due rami della Real Casa di Borbone di Napoli e di Spagna hanno siglato un atto di riconciliazione familiare nel quale riconoscono reciprocamente i titoli dinastici. Un giorno storico per i Borbone e per il Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio, che fino ad oggi era diviso al proprio interno a causa di dispute dinastiche.

Fautrice della riconciliazione è la defunta Regina Maria Cristina di Savoia, sposa di Ferdinando II di Borbone, Regina delle Due Sicilie e madre di Francesco II, che è stata proclamata beata a Napoli con una cerimonia nella Basilica di S. Chiara il 25/1/2014, ava in comune. E' stato questo evento a riunire i discendenti dei Borbone e dei Savoia e riconciliare i due rami dei Borbone, quelli di Napoli e Spagna, che da decenni si contendevano i diritti di successione sull’Ordine Costantiniano di San Giorgio.

Nello storico documento di riconciliazione sottoscritto a Napoli in occasione della beatificazione della regina Maria Cristina di Savoia, si riconferma l'impegno dell’Ordine Costantiniano al servizio della Chiesa, della glorificazione della Santa Croce, della Propaganda della Fede, il soccorso e la carità verso i poveri, i profughi e gli infermi. IN HOC SIGNO VINCES!riconciliazione-borbone

A prevalere è stata la linea della Real Casa ramo spagnolo, infatti se l’attuale pretendente al trono dei Borbone Due Sicilie non dovesse avere eredi maschi (ad oggi ha 2 figlie), la successione passerebbe alla sua morte a Don Jaime di Borbone (figlio di Don Pedro, nipote di Don Carlos), del ramo spagnolo.

Con questo atto si pone fine ai dissidi che hanno lacerato l’illustre famiglia e dato luogo alla creazione di due contrapposi ordini cavallereschi sotto le insegne costantiniane.

Trascrizione del documento:

CONSAPEVOLI entrambe le parti dei continui sforzi dei nostri ultimi Sommi Pontefici e, in particolare, del nostro attuale Santo Padre, Papa Francesco, in favore della rievangelizzazione dell’Europa e dell’unità di tutti i cristiani

DICHIARANO il proprio comune desiderio di conciliazione, tanto familiare quanto costaniniano, di entrambi i rami ed il proprio desiderio di porre fine alle rivalità ed incomprensioni familiari e tra i rispettivi sostenitori, sotto un rinnovato spirito cattolico e costantiniano di servizio alla Santa Chiesa e di diffusione della nostra Santa Fede.

CONFIDANDO entrambe le parti che la Divina Provvidenza si incaricherà di indicare il cammin verso l’unità dinastica della Casa Reale di Borbone delle Due Sicilie,

CONCORDANO entrambe le parti di porre nel frattempo tutto il proprio impegno dinastico e familiare al fine di raggiungere uno spirito di concordia e comprensione non solo tra di esse ma egualmente tra i propri sostenitori, RICONOSCENDOSI RISPETTIVAMENTE COME CUGINI, CON IL TRATTAMENTO E I TITOLI CHE ATTUALMENTE SONO DI USO COMUNE DI AMBEDUE LE PARTI ED I PROPRI DISCENDENTI, E AGENDO PUBBLICAMENTE ALL’UNISONO COME UN’UNICA FAMIGLIA.

E in buona fede e concordia familiare invitano ad unirsi a questo ATTO DI CONCILIAZIONE tutti i membri della Dinastia di Borbone delle Due Sicilie, ai quali entrambe le parti si impegnano a rendere privatamente noto questo ATTO DI CONCILIAZIONE.

Firmato a Napoli il 25 gennaio 2014costantiniano-san-giorgio

Pedro di Borbone delle Due Sicilie – Duca di Noto

Carlo di Borbone delle Due Sicilie – Duca di Castro

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.