• Home
  • La Grande Milano
  • Storia
  • Cappella della Madonna dei Miracoli

Cappella della Madonna dei Miracoli

cappella madonna miracoliAncora una volta Milano ci racconta di un edificio storico, questa volta una piccola cappella votiva legata al sentimento popolare, distrutta dai bombardamenti della seconda guerra mondiale e non ancora fatta rivivere.

Presso via delle Orsole, nel cuore di Milano, adagiata sul fianco destro della chiesa di Santa Maria della Porta, si possono vedere i resti ormai consumati dal tempo di una piccola cappella con all’interno un affresco della Madonna coperto da alcune travi di legno.

E’ quello che rimane della cappella consacrata alla Madonna dei Miracoli, una cappella ottagonale eretta alla fine del Seicento dopo un fatto miracoloso che aveva coinvolto un operaio del luogo.

Si racconta che, nel 1651, dopo aver scoperto il dipinto nel corso di alcuni lavori di restauro in un’abitazione accanto alla chiesa, quell’operaio venne beneficiato dalla Madonna con la miracolosa guarigione della sua gamba sinistra, che da alcuni anni lo aveva reso zoppo ed estremamente scontroso e solitario.

Spinte da questo fatto, le autorità ecclesiastiche di Milano decisero di far erigere una cappella per contenere il gran numero di fedeli che, da quel giorno, si recava in processione al dipinto. 

La cappella era composta di quattro nicchie, che al loro interno contenevano la statua di una sibilla, mentre le decorazioni erano marmi policromi e lesene, anche se al centro di tutto rimaneva il dipinto miracoloso, posto sull’altare, racchiuso in una cornice di marmo e custodito da una grata chiusa con lucchetto.

porta-ticinese-milanoPer anni i milanesi fecero visita alla Madonna del Miracoli, che divenne uno dei simboli della Milano popolare, si diceva fosse in grado di guarire malati e di aiutare i più poveri a superare tutte le loro difficoltà.

Ma tutto questo ebbe tragicamente fine nella notte tra il 12 e il 13 agosto 1943, quando Milano venne bombardata dagli alleati per fiaccare la resistenza fascista nel capoluogo lombardo.

Alla fine dei bombardamenti la piccola cappella era in pratica semidistrutta, tranne l’affresco, rimasto miracolosamente intatto.

Dopo la fine del conflitto, il dipinto venne restaurato, ma non fu mai presa una decisione definitiva per il ripristino della cappella.

Oggi molti chiedono, anche in vista di Expo 2015, il ritorno della Cappella della Madonna dei Miracoli, ma fino ad adesso tutte le richieste sono cadute nel vuoto.

Pin It

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.