• Home
  • La Grande Milano
  • Storia
  • Disciplinare per gli alunni nella Milano austriaca

Disciplinare per gli alunni nella Milano austriaca

scuola oldNel mio vagabondar tra libri, ho trovato un testo che titola: "Discipline per gli alunni delle Scuole Elementari della Monarchia Austriaca", edito in Milano MDCCCXXV, dall'Imperiale Regia Stamperia. Prezzo cent. 29.

All'interno trovo queste due paginette di "massime morali", numerate 60 e 61 classe IX tabella 4a e 5a, per le scuole milanesi, che adesso vi vado a riportare.

Prima tabella n. 60

  • Fate di meritar sempre l'altrui applauso, e non curatevi poi di conseguirlo.
  • Lodate gli altri. Ma con giustizia e di cuore, e se venite voi lodato, siavi soltanto la lode stimolo a far meglio.
  • Biasimate senza malignità, senza passione, e non mai senza necessità.
  • L'amore alla verità ed il desiderio di renderla nota sianvi i soli eccitamento a sostenerla.
  • Ogni qual volta sarebbe follia parlare, ricordatevi che sarà saviezza il tacere.
  • Pensate due volte prima di parlare una sola, e sarà la vostra parola doppiamente saggia.
  • E' meglio tacere che parlare mal a proposito. Un bel tacer non fu mai scritto; dice il proverbio.
  • Domandate spesso, giudicate di raro, e v'ingannerete difficilmente.
  • E' stoltezza il parlar di ciò che s'ignora, ma è maggior pazzia il biasimar ciò che non si conosce.

Seconda tabella n. 61

  • Chi sa leggere, scrivere e far conti guadagna più facilmente degli altri la sussistenza.
  • L'uomo sano e robusto deve procacciarsi la sussistenza colla propria fatica. È dunque savvia la legge che proibisce di mendicare.
  • L'operaio, il domestico e il giornaliere debbono fare un risparmio sul loro salario, onde prepararsi un sussidio nelle infermità e nella vecchiezza.
  • Tutte le professioni oneste sono onorate ed utili per chi le esercita onestamente.
  • Ponetevi sempre allegramente al travaglio; indurate le vostre mani a maneggiare gl'istrumenti del vostro mestiere, ed abbiate caro l'onorato sudore della fatica.
  • Il levarsi di buon mattino e l'andare a letto di buon'ora sono ottimi mezzi per conservare la salute e la fortuna.
  • Si dev'essere rispettoso senza essere timido. La presunzione ed il disprezzo di sé medesimi sono due difetti da evitarsi.
  • Per le strade si deve cedere il miglior passaggio alle donne, ai vecchi, ai bambini ed alle persone cariche di un peso.
  • L'uomo d'onore non mentisce mai, non si avvilisce dinanzi a nessuno, non teme i pericoli ed è sempre pronto a sostenere la ragione e la giustizia.

Cosa ve ne pare? Sarebbe utile sottoporlo ai nostri studenti di oggi e sentire il loro parere in merito. A mio avviso alcune raccomandazioni comportamentali le trovo più che valide anche ai giorni nostri. Sono quelle norme che si chiamavano "Educazione Civica" e che venivano insegnate a tutti gli alunni, e che andrebbero sicuramente reintrodotte. Si è passati da una eccessiva rigidità a un eccessivo lassismo, con i danni che questi hanno causato e causano. Chissà se si è imparata la lezione!

Leggi anche:

Escape room da casa: giochi in scatola avvincenti 

Copyright © 2006 - 2020 MilanoFree.it, testata registrata Trib. Milano n. 367 del 19/11/2014  IT11086080964