• Home
  • La Grande Milano
  • Storia
  • Origini celtiche di Milano

Origini celtiche di Milano

I ORIGIN CELTEGH DE MILÀN

origini celtiche milano

origini celtiche milanoSora la stòria de la fondazion del nòst Milàn, o mej cognossu ne l’antichità come “Medhelan”, se ne senten de tucc i color, minga ultima la soa origin romana !
Bon, poeudom dìi che l'è minga vera: Milàn l'è stà fondaa d’ona antiga tribù celtega ciamada “Insubri”, che l'era gianmò stanziada in del territori lombard, avant de l'imperador Giulio Cesare. L'è lu medem ch'el scriv sul sò "De Bello Gallico".

El Cesare el diseva che el villag de Medhelan (perché se trattava minga gianmò de ona cittaa come la intendom nunch) l'era la capital de tutta la Gallia Cisalpina e che tutt i tribù celtegh la consideraven lor capital "maxima"; el diseva anca che l'era stada fondada già de temp (cioè gianmò prima del Cesare) appunto di Insuber, ona di tribù pussèe granda e importanta de tutta la Gallia Cisalpina.
La data de la fondazion l’è minga quèlla che tutt i alter creden de savè, (IV° sec. a.C.), ma l’è pussè vègia: la devom portalla almen al VII° sec. a.C. come ch’el dis vun di pussè important storegh “Tito Livio”. Segond quest chi, Milàn l’era sta fondaa, quand che sora Roma regnava el Tarquinio Prisco (616-579 a.C.). Ona tribù de la Gallia Transalpina, che se ciamava Insubri, ha ciappaa la strada di valichi alpini e quand che se sera accorgiuda ch’el territori in doe seren capità el se ciamava “Insubrio”, consideraren el nòmm de bon auspici. Inscì el re Belloveso el domandava ai sò sacerdotti (Druidi) de fa ona preghiera ai Dee per savè in che sitt fa suu el villag: quest chi ghe domandaren de bon agli Dei che gh’hann mandà giò on segnall sòtta i sembianzi d’ona “scrofa semilanuta” bianca d’on purscell del bosch. I Druidi el consideraven on sègn magic provenient di dèi, perché el bianc l'è el simbol del candor, sicchè gh'erenn andà adrèe, fina d'ona sces de biancospin e chi hann impiantàa ona prèia e intòrna a quèsta chi hann scomincià a tràa suu ona cinta.
Attornà a quest'ultim hann fàa suu el lor villag.
El legn de biancospin l'era la rappresentazion de la dea Belisama e del dio Belenos.
Ciamaren el lor villag "Medhelan" ch'el significa minga "in mèzza a la pianura" ma "santuari de mezz" , in d'on loeugh considerà sacher, de la presenza d'on spègg d'acqua pura: i vii come Pantano e Laghetto fàn memòria de la lor presenza.
Pussèe innanz, de on quaj secol, hann fa suu on santuari proppri in onor de la dea Belisama cont di insègna dòr che i Insubri cont l'arriv di roman, hann trà su e nasconduu in di montagni.
Gh'è de savèe che i Insubri come tucc i alter tribù celtegh, faseven minga i ròbb inscì come'l vègnen: quand doveven fa suu di villag, o di templi, consideraven la posizion geografica, la presenza di particolàr corrent enèrgetegh, la vicinanza di font retegnuu sacre e l'allinèament cont di aster particolari o element del tèrritori consideràa significativ.
Tutt quest perché el doveva rappresentà on center d'equilibri intra el Ciel e la Terra, in d'ona perfetta armonia.
De l'origin celtegh de Milàn, in quej dìi d'incoeu, se poeuden vedè anmò di simbol particolari.
Avant de tutt l'è ben regordà la "scrofa semilanuta" che la poeudom vedè in de la piazza Mercanti, vun di simbol pussèe antig del nost Milàn.
Poeu la gh'è la rogora che l'era la pianta pussèe magic di Druidi, visibil in sul porton del Domm de manzina, quand quel chi l'è minga avert.
Denter al Domm, in sul plafond de drizza se poeuden vedèe tant di bell "triskell", el simbol per eccelenza celtegh ch'el rappresenta el percors ch'el sol el fa in de l'ann ma anca el spirit e el ciclo de la Vita di Omenn.
Minga ultim la gh'è quèlla prèia tant simpatega e minga tant piscinina ch'l San Barnaba utilizzò pe evangelizàa i cittadin de Milàn.
L'è ona prèia antiga e importanta per i popol Celtegh Insubri perché la rappresenta cont i so 13 ragg el calendari luni-solari e anca la roeuda della Vita. L'è anca quèsta on simbol solar del dio Belenos.
I sciori ch'eren intorna alla prèia serenn adrèe celebrà on ritual celtegh quand che l'è rivàa el San Barnaba.
La se tratta della prèia del famos (per i milanès) "tredesin de marz", che la se troeuva in de la gesa della Santa Maria della Passione.
Ma l’è minga finida chi…… nunch scontinom a fàa di ricerchi sora el nost Milàn celtegh perché sèmm convint che ona città la poeu nascond di sègrètt sòtta i fondamenti ch’hinn lì anmò che spètten de vess scovert.


origini celtiche milano LE ORIGINI CELTICHE DI MILANO

Sulla storia della fondazione del nostro Milano, meglio conosciuta nell’antichità come “Medhelan”, se ne sentono di tutti i colori, non ultima la sua origine romana !
Ebbene possiamo affermare che non è così: Milano è stata fondata da una antica tribù celtica chiamata "Insubri”, che era stanziata sul territorio padano, già prima dell’arrivo dell’imperatore Giulio Cesare.
È lui stesso che lo afferma nel suo “De Bello Gallico”.
Cesare dicesa che il villaggio di Medhelan (perché non si trattava già di una città come intendiamo noi oggi) era la capitale di tutta la Gallia Cisalpina e che tutte le tribù celtiche la consideravano loro “ capitale maxima ” ; affermava anche che era stata fondata già da tempo (cioè già prima di Cesare) appunto dagli Insubri, una delle tribù più grandi e importanti di tutta la Gallia Cisalpina.
La data della fondazione non è quella che tutti credono di conoscere, (IV° sec. a.C.), ma deve farsi risalire ad un’epoca anteriore : la dobbiamo riportare attorno ad almeno il VI° sec. a.C., come afferma uno degli storici più autorevoli “ Tito Livio ”. Secondo questo, Milano fu fondata quando su Roma regnava Tarquinio Prisco (616-579 a.C.)
Una tribù della Gallia Transalpina, che si chiamava Insubri, ha intrapreso la strada dei valichi alpini e quando si è accorta che il territorio dove erano capitati si chiamava “ Insubrio ”, considerò il nome di buon auspicio.
Così il re Belloveso chiese ai suoi sacerdoti (Druidi) di invocare gli Dei per sapere dove fondare il villaggio : questi pregarono gli Dei che gli mandarono un segnale sotto le sembianze di una “ scrofa semilanuta ” bianca di cinghiale.
I Druidi lo considerarono un segno magico proveniente dagli dei, perché il bianco è il simbolo della purezza per eccellenza, così la seguirono, fino ad una siepe di biancospino e qui vi posero una pietra e attorno a questa cominciarono ad edificare una cinta. Attorno a quest’ultima hanno edificato il loro villaggio.
Il legno di biancospino era la rappresentazione della dea Belisama e del dio Belenos. Chiamarono il loro villaggio “ Medhelan ” che non significa “ in mezzo alla pianura ” bensì “ santuario di mezzo ”, in un luogo considerato sacro, anche per la presenza di uno specchio d’acqua pura : le vie come Pantano e Laghetto ne ricordano la presenza. Più avanti, di qualche secolo, edificarono un santuario proprio in onore della dea Belisama con delle insegne auree che gli Insubri all’arrivo dei romani, prelevarono per nasconderle sui monti.
Bisogna sapere che gli Insubri come tutte le altre tribù celtiche, non costruivano a caso : quando doveva edificare un villaggio, o un tempio, prendevano in considerazione la posizione geografica, la presenza di particolari correnti energetiche, la vicinanza di fonti ritenute sacre e l’allineamento con astri particolari o elementi del territorio significativi.
Tutto questo perché doveva rispecchiare un centro di equilibrio tra Cielo e Terra, in un’armonia perfetta.
Dell’origine celtica di Milano, ai giorni nostri, se ne possono ancora vedere dei particolari simboli.
Prima di tutto è bene ricordare la “ scrofa semlanuta ” che la possiamo vedere nella piazza Mercanti ; uno dei simboli più antichi del nostro Milano.
Abbiamo poi la quercia che era la pianta magica dei Druidi, visibile sul portone di sinistra del Duomo, quando questo non è aperto.
Dentro al Duomo, sul soffitto di destra si possono vedere tanti bei “ triskell ”, simbolo celtico per eccellenza che rappresenta il percorso che il Sole fa durante l’anno ma anche lo spirito e il ciclo della Vita dell’Uomo.
Non ultimo vi è la pietra tanto simpatica e non tanto piccola che San Barnaba utilizzò per evangelizzare i cittadini di Milano.
Questa rappresenta una importante e antica pietra per i popoli celtici Insubri perché rappresenta con i suoi 13 raggi il calendario luni-solari e ancora la ruota della Vita.
Anch’essa rappresenta uno dei simboli del dio Belenos.
I cittadini si erano radunati attorno alla pietra per celebrare un rituale celtico quando è arrivato San Barnaba.
Si tratta della pietra del famoso (per i milanesi) “ Tredesin de Marz ”, che si trova custodita presso la chiesa di Santa Maria della Passione.
Ma non è finita qui…… continuamo a portare avanti le nostre ricerche sulla Milano celtica perché siamo convinti che una città possa nascondere sotto le sue fondamenta dei segreti che sono ancora lì che aspettano di essere svelati.




Bibliografia essenziale:

“Storie” - Polibio (200 a.C.)
“Storie”- Posidonio (150 a.C.)
“Geographia” - Strabone (64 a.C.)
“Biblioteca storica” - Diodoro il Siculo (60 a.C.)
“Storia di Roma dalla fondazione” - Tito Livio (59 a.C. - 17 a.C.)
“De Bello Gallico” - Giulio Cesare (44 a.C.)
“ De Magnalibus Mediolani ” - Bonvesin de la Riva (1288 d.C.)

Vedi anche la Breve storia di Milano

Pin It

Copyright © 2006 - 2019 MilanoFree.it, testata registrata Trib. Milano n. 367 del 19/11/2014  IT13181390157 MILANO TORINO PAVIA RIMINI