• Home
  • La Grande Milano
  • Storia
  • Una radio diversa, Radio Maria

Una radio diversa, Radio Maria

radio maria

Moltissime sono le emittenti radiofoniche presenti sul nostro territorio nazionale, da quelle più conosciute e ufficiali a quelle meno note e "di paese". Nell'articolo vi voglio parlare di una radio un po' diversa, presente non solo nella nostra Italia, ma in altre parti del mondo, appunto di Radio Maria.

Tutto nasce nel 1987 dove una piccola radio parrocchiale di una frazione del comune di Erba, siamo in provincia di Como, viene rilevata dall'Associazione Radio Maria. Questa Associazione si prefiggeva di creare una emittente che portasse agli ascoltatori l'annuncio di una possibile conversione, attraverso un palinsesto, ossia un prospetto dei programmi inerenti le trasmissioni radiofoniche e televisive, fondato sulla preghiera, la evangelizzazione e della promozione umana, il tutto basato sulla presenza di volontari e senza nessun messaggio pubblicitario. Una impresa sicuramente non facile ma che, a quanto pare, è perfettamente riuscita. La Radio ha un suo slogan che recita: Ovunque ci sia un uomo, Radio Maria sarà al suo fianco.

Nel triennio 1988 – 1990 è stato possibile normalizzare i 500 ripetitori della rete nazionale, prima che entrasse in vigore una nuova normativa di Legge. Ad oggi i ripetitori sul territorio nazionale ammontano a 850.

Una radio con queste finalità non può limitarsi al territorio nazionale, ma ampliarsi al mondo intero, infatti, nel 1992 ecco che inizia le trasmissioni anche a New York con un programma italiano trasmesso negli USA, per poi proseguire in Canada e in tutta Europa. Cinque anni dopo iniziano le trasmissioni in America Latina e Africa. Questa apertura porta i responsabili, nel giugno del 1998, a creare "l'Associazione World Family of Radio Maria", Organizzazione non Governativa riconosciuta anche dall'Onu, con sede a Roma. Con l'evoluzione della tecnica, dai telefonini, ai nuovi mezzi digitali satellitari via internet, Radio Maria offre anche agli immigrati, italiani e non, di ascoltare nella loro lingua i programmi giornalieri.

Le Radio Maria nel mondo sono 81, così divise:

  • 29 radio in Europa
  • 22 radio nelle Americhe
  • 23 radio in Africa
  • 6 radio in Asia
  • 1 radio in Oceania

Tutte rappresentate da associazioni no profit e condotte da volontari.

È innegabile che una radio che non trasmette pubblicità, che non ha nessuna sponsorizzazione né finanziamenti da Enti privati, che possano limitarne la libertà, sia stata capace di espandersi nel mondo grazie soprattutto al volontariato e, per chi crede, con l'aiuto Celeste, è davvero una impresa di non poco conto.

Il palinsesto di Radio Maria è fondato su quattro colonne: la preghiera, la catechesi, la promozione umana e l'informazione. Non manca, anche se in forma ridotta, l'intrattenimento e la musica. L'obiettivo è anche quello di coinvolgere nelle trasmissioni, sacerdoti, religiosi/e, laici, associazioni, movimenti, eccetera, questo per dare spazio a una pluralità, che comunque deve essere di matrice cattolica e credente.

La preghiera sappiamo tutti l'importanza che ha per un credente, ecco perché rappresenta la "prima colonna".

La catechesi prende in considerazione tutte quelle discipline che si possono trovare in una facoltà teologica, questo per permettere a un pubblico più vasto possibile e curioso di conoscere materie che sono parte dell'uomo. Diciamo che la Radio diviene come una Università religiosa popolare, dove usa un linguaggio semplice e comprensibile a tutti per dei temi a volte un po' ostici.

La promozione umana è presa in seria considerazione nel palinsesto della Radio, incarnandosi nei problemi della quotidianità, contribuendo alla promozione sociale, apprezzata anche dai non credenti. Affronta temi come l'educazione, la salute, la famiglia, il lavoro eccetera, dando spazio a interventi qualificati.

L'informazione, che si qualifica per l'essenzialità, evitando di spaziare nel gossip fine a se stesso o nel pettegolezzo.

La musica, anche qui Radio Maria si concede una scelta, dando spazio a musica religiosa o meno, ma che annoveri un contenuto di spessore.

Trasmissioni particolari. A volte nel palinsesto sono inserita trasmissioni con tematiche particolari, con collegamenti in occasione di avvenimenti, soprattutto ecclesiali, particolari. Oppure con tavole rotonde con la presenza di esperti su argomenti o avvenimenti di attualità, spesso coinvolgendo persone da ogni parte del mondo. Sono previsti anche momenti per i giovani e i ragazzi, ad esempio intercettando i giovani all'uscita dalle discoteche per avere con loro uno scambio di vedute e presentare il Messaggio Evangelico.

Insomma, una Radio assolutamente diversa dalle "normali", che continua il suo cammino nel mondo per portare il messaggio di Maria e Gesù.

Pin It