Dolores: Al Teatro Libero un dramma sulla violenza di genere

DoloresUna cucina in disordine, giocattoli in terra, panni da stirare, un vecchio sofà, peluche disseminati qui e là disegnano la scena che lo spettatore si trova di fronte appena fa il suo ingresso in teatro.

Il quadro è quello di una tranche de vie di periferia napoletana dove va in scena Dolores, black comedy di Edward Allan Baker che, in virtù dell'adattamento curato dalle attrici stesse, Lisa Vampa e Alessandra Basile, viene contestualizzata in un'ambientazione più immediatamente riconoscibile per il pubblico italiano.

È domenica pomeriggio. Sandra si gode il suo momento di libertà settimanale, quello in cui suo marito Vinnie porta fuori i bambini e lei può rimanere sola in casa ad ascoltare la musica e a leggere in santa pace qualche rivista scandalistica. Inaspettata pertanto e sgradita, giunge la visita della sorella Dolores, con un occhio tumefatto, dopo l'ennesimo pestaggio subito dal di lei compagno Jerry.

Sandra, furiosa per l'irruzione di Dolores, tenta subito di metterla alla porta ma dopo le preghiere della sorella, si convince a lasciarle bere un caffè a patto che dopo se ne vada immediatamente.

Comincia, a questo punto, un dialogo serratissimo tra le due protagoniste in cui Sandra rinfaccia a Dolores la sua incapacità a scegliersi un uomo per bene e la esorta a risolvere da sè i propri problemi. Dolores, da parte sua, racconta dei tentativi fatti per fronteggiare la situazione con una psicologa del consultorio, capace unicamente di dirle a proposito del suo compagno: «Lei deve renderlo consapevole», in un quadro generale in cui la vittima  finisce paradossalmente per apparire la vera responsabile delle sevizie che subisce dal suo carnefice.

Tra battute ironiche e frecciatine sarcastiche le due sorelle arrivano a rievocare gli anni dell'infanzia con un padre violento e una madre che, per punire Dolores quando faceva i capricci, non esitava a legarla al letto.

Terrorizzata dall'idea che il compagno sia venuta a cercarla per ucciderla, Dolores estrae una pistola dalla borsetta minacciando di farla finita una volta per tutte. Sandra comprende allora la serietà della situazione e, sconvolta dal dolore, confida a Dolores che anche suo marito la picchia e promette di proteggerla. Giunge improvvisa una telefonata a svelare il tragico epilogo della vicenda.

Questo atto unico da cinquanta minuti, essenziale e ficcante, con la regia di Adriana Milani, illustra con puntuale autenticità e crudo realismo la situazione di molte donne immerse in contesti in cui il rapporto di coppia appare dominato quasi esclusivamente dalla brutale e perversa violenza maschile. Donne vittime della solitudine e dell'indifferenza, condannate dall'isolamento sociale a una vita senza vie d'uscita.

Dolores è in scena al Teatro Libero dal 15 al 17 dicembre alle ore 21.00

Copyright © 2006 - 2021 MilanoFree.it, testata registrata Trib. Milano n. 367 del 19/11/2014  IT11086080964