• TEATRO
  • Il Principio dell'Incertezza al Teatro Libero

Il Principio dell'Incertezza al Teatro Libero

incertezza

 

 

Scienza e arte si incontrano al Teatro Libero nella inusuale lezione di meccanica quantistica proposta da Andrea Brunello, autore e attore di uno spettacolo impegnativo per gli argomenti trattati, ma estremamente delicato nei toni e adatto alla comprensione di tutti, anche di coloro i quali non possiedano nozioni specifiche di fisica e alta matematica.

Un uomo in scena gioca a lanciare delle monetine. Dice di essere uno scienziato, venuto per parlare al pubblico di meccanica quantistica, di comprendere come per molti possa essere un argomento ostico, difficile da capire. L'unica maniera di farlo è lasciarsi travolgere dalla meraviglia, dallo stupore nei confronti della bellezza della natura. Lo stesso stupore che provano i bambini nel guardare le cose. Che poi spesso finiscono per perdere crescendo, travolti come sono dalle pressioni della società ad accettare passivamente la realtà che si trovano di fronte senza interrogarsi sul senso profondo di essa.

Proprio come se parlasse a un bambino, lo scienziato, prende il pubblico per mano e lo trascina alla scoperta di alcuni tra i più complessi esperimenti della fisica moderna sconvolgendone le certezze tramite paradossi come quello del Gatto di Schrödinger  in cui vita e morte condividono misteriosamente lo stesso spazio.

E d'altra parte non c'è certezza nell'universo! È questa l'incredibile verità che la fisica quantistica offre all'uomo attraverso il principio dell'Indeterminatezza di Heisenberg che lo scienziato in scena preferisce chiamare Principio dell'Incertezza. La scienza, lungi dal consegnare al genere umano un universo completamente spiegato e definito in tutte le sue parti, non fa che celebrarne la meravigliosa imprevedibilità.

Mano a mano che avanza, la lezione si trasforma in una confessione. Le riflessioni sull'universo si intrecciano con la vicenda personale dello scienziato la cui vita, sconvolta da un tragico evento, acquisterà un nuovo e inaspettato significato alla luce delle scoperte sulla natura e sulle leggi della probabilità.

La regia dello stesso Andrea Brunello in collaborazione con Michela Marelli punta molto sulla continua interazione tra attore e pubblico creando un'atmosfera di intima condivisione in cui la ricerca, come il teatro, si fa rituale che avviene nel magico qui e ora della scena. Il panorama generale è completato da caleidoscopici giochi di luce e dalle raffinate partiture musicali eseguite in presa diretta dal bravo Enrico Merlin.

Lo spettacolo, già in scena, presso il celebre Edinburgh Festival Fringe nel 2013 è alla sua prima milanese e sarà in scena al Teatro Libero dal 4 all' 11 novembre (dal lunedì al venerdì alle ore 21.00, sabato 8 novembre alle ore 21.30, domenica 9 alle ore 16.00). Giovedì 6novembre lo spettacolo verrà recitato in lingua inglese.

Per chi fosse interessato ad approfondire le tematiche contenute nello spettacolo sono previsti degli incontri di approfondimento gratuiti nei giorni 5,7 e 10 novembre dalle ore 17.00 alle ore 18.00 sempre presso il Teatro Libero.

Copyright © 2006 - 2021 MilanoFree.it, testata registrata Trib. Milano n. 367 del 19/11/2014  IT11086080964