• TEATRO
  • La cosa brutta al Teatro Libero

La cosa brutta al Teatro Libero

  • Ilaria Federico

Sarà in scena al Teatro Libero fino a domenica 20 maggio  La cosa brutta, di Tobia Rossi, regia di Manuel Renga, con Francesca Vitale, Ilaria Marchianò, Eugenio Fea, coproduzione Chronos3 e Associazione La Memoria del Teatro. Ogni spettacolo, parte della della terza edizione della rassegna teatrale Palco Off dedicata ad “attori, autori, storie di Sicilia” sarà preceduto da una degustazione di vini e prodotti tipici siciliani. Le serate termineranno con un incontro con gli attori.

la cosa brutta 1

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

È la storia di una madre e un figlio che dopo la morte del capofamiglia si ritrovano persi in un bosco di notte. Cercano Martina, la sorella autistica scappata dopo il funerale per trovare quella "cosa brutta" che ha portato via suo padre. Cercandola, Fiore e Davide imparano a conoscersi, a riconoscersi simili e scoprono parti delle loro vite che ignoravano.

Le lotte quotidiane di Martina per farsi comprendere e per capire cosa le succede intorno non sono forse così diverse dagli sforzi di Fiore e Davide di sentirsi reciprocamente ascoltati e di comprendersi. È un'incomunicabilità diversa, certo, ma è forse più grave quella di una madre e di un figlio che per anni si sono taciuti momenti di sofferenza e di difficoltà ma anche gioie e successi.

L'inseguimento disperato di un mostro, di qualcosa che non c'è, da parte di Martina, e la ricerca altrettanto spaventosa di Fiore e Davide della ragazza, tra le zanzare, i percorsi impervi e l'umidità del bosco, è anche una quête simbolica, forse un tentativo di conoscere l'altro, l'altro che pur essendo un parente è un estraneo, o il desiderio di guardarla in faccia questa "cosa brutta". Mostro peloso e con le zampe da ragno che ricrea l'atmosfera delle storie dei fratelli Grimm o dei racconti di Hoffman è ciò che terrorizzava il padre. Erano forse i debiti che lo preoccupavano o un male più profondo, un'ansia e un male di vivere che è il tarlo di questa famiglia, ma che può essere sconfitto rimanendo uniti.
Tobia Rossi ha scritto una storia veramente toccante e avvincente. Vi renderete conto che tutti abbiamo una cosa brutta che ci perseguita ma anche solo questa consapevolezza, ovvero sapere che il dolore e la paura appartengono anche a chi ci è accanto, vi farà sentire meno soli e più speranzosi.
Aggiungiamo soltanto un bravo per l'interpretazione degli attori, specie quella di Ilaria Marchianò che diventa Martina, ragazza autistica. 

Teatro Libero
via Savona 10, Milano

In scena fino al 20 maggio alle ore 21.00

Prezzi: Biglietto intero: 18 euro, Biglietto ridotto: 13 euro Scuole di Teatro, Under 18, Studenti: 10 euro

Info e prenotazioni: 02 8323126 

Leggi anche:

Rossini Ouvertures al Teatro Carcano

IN.TER.NOS. in scena a Teatro Libero

Acqua di colonia al Teatro Filodrammatici

Pin It

Copyright © 2006 - 2023 MilanoFree.it, testata registrata Trib. Milano n. 367 del 19/11/2014  IT11086080964