Nanni Svampa al Teatro della Memoria 13 febbraio 2016

  • Beatrice Cicala

Nanni5Dopo lo scioglimento dei Gufi, Nanni Svampa continua la collaborazione con Patruno, incentrando la sua attività negli spettacoli teatrali, quali Addio Tabarin e Un giorno dopo l'altro, e soprattutto nella creazione di un'antologia delle canzoni popolari milanesi. Suddivise in dodici volumi, Milanese - Antologia della canzone lombarda, rappresenta una delle maggiori collezioni di studio e ricerca sulla storia musicale e dialettale della città. Parallelamente non cessa il suo interesse verso Brassens, del quale continuerà a curare le traduzioni, sia in italiano che in milanese, delle sue canzoni. (Spettacolo Fuori Abbonamento)

Il 13 Febbraio 2016 ore 21,00 al Teatro della memoria NANNI SVAMPA canta BRASSENS A MILANO

Per celebrare il ventennale della scomparsa del più grande poeta e umorista della canzone europea. Sono note ed amate ormai da più di trentanni le traduzioni in lingua dialettale milanese che Svampa ha interpretato ed interpreta con largo successo di pubblico e di critica (da “El Gorilla” al “El Bamborin de la miee d’on ghisa”, da “La Rita de l’Ortiga” ai “Tromboni de la pubblicità”, da “La vocazion” a “La Cesira”, da la “Canzon per el Rotamatt” a “La prima tosa”). Oggi Svampa, dopo aver maggiormente approfondito negli ultimi anni la conoscenza dello stupendo mondo di Brassens, presenta anche bellissime traduzioni in italiano di canzoni non ancora rivisitate e la lettura di testi poetici e umoristici nella traduzione letterale italiana, a dimostrazione del fatto che le canzoni di nannisvampaBrassens possono vivere autonomamente come poesia sia in italiano che in milanese.

In una versione o nell’ altra sono temi bellissimi che presentano un Brassens capace di guardare dentro e oltre le malvagità degli uomini, e soprattutto di raccontare storie dense di umanità, di poesia, ma anche di ironia (con un particolarissimo gusto della satira e dell’umorismo). Un ricco e articolato programma quindi, omaggio al grande Tonton Georges, maestro non solo di Nanni ma di numerosi cantautori italiani (primo fra tutti Fabrizio De Andrè).Il tutto supportato e sottolineato dalla chitarra di Luca Maciacchini, musicista di grande sensibilità che oltre a dare un preciso senso ritmico è bravissimo a darci le coloriture che i vari brani richiedono: dall'irriverenza alla poesia, dallo “sfottò” al grande pathos.

Biglietti : Posto Unico  € 22

Teatro della Memoria
Via Cucchiari, 4 - Milano

Copyright © 2006 - 2020 MilanoFree.it, testata registrata Trib. Milano n. 367 del 19/11/2014  IT11086080964