Salomè di Oscar Wilde allo Spazio Tertulliano

2. salome min

Va in scena allo Spazio Tertulliano dal 9 al 19 novembre Salomè di Oscar Wilde, opera capace di generare forti polemiche all'epoca della sua pubblicazione (1891) tanto che la grande Sarah Bernhardt si rifiutò di recitarla per non ritrovarsi coinvolta dallo scandalo che aveva travolto lo stesso Wilde.

La storia prende spunto dallo sviluppo dell'episodio evangelico in cui è narrata l'uccisione per decapitazione di Iokanaan (Giovanni il Battista) per volontà del re di Giudea Erode, istigato dalla figliastra Salomè, ragazza dalla bellezza fuori dal comune e diabolica, che per vendicarsi del rifiuto del Battista di concedersi a lei, convince Erode stesso a decretarne la morte.

La regia della pièce (una produzione AIraune teatro) è affidata a Luca Ligato che parla di Salomè come di una “brillante storia di lussuria, avidità e vendetta che accoglie nel suo ventre le perversioni dell'umanità diventando così la rappresentazione, allo stesso tempo, di Eros e Thanatos”. 

Curiosità trapela per la messinscena in cui i personaggi saranno intrappolati in un gioco di corde che si ispira allo Shibari, antica tecnica caratteristica delle celebrazioni religiose tradizionali giapponesi, tutta tesa a simboleggiare il legame tra l'umano e il divino.

Interpreti della tragedia saranno Valentina Mandruzzato (Salomè), Nicole Guerzoni (Iokanaan) e Mauro Bernardi (Erode e Narraboth).

Il lavoro proposto si annuncia particolarmente interessante, per la volontà dichiarata del regista di mostrare il lato umano di personaggi che, partendo dalla narrazione biblica, siamo abituati a vedere quasi come archetipici, espressioni universali di materialità (Salomè) e spiritualità (Iokanaan). Salomè e Iokanaan, invece possono essere viste come semplici creature umane, imperfette, fragili, capaci di paura ed esposti alla forza prorompente delle passioni. 

AIraune teatro intende continuare con Salomè a lavorare su spettacoli che pongono l'attenzione ai rapporti umani con i loro equilibri (fragili) e squilibri (sempre possibili) già esplorati gli anni scorsi, con i drammi di Dennis Kelly, After the end e Orphans.

Teatro Spazio Avirex Tertulliano

Via Tertulliano, 70 Milano

Dal 9 al 19 novembre

Orari: giovedì, venerdì, sabato ore 21.00, domenica ore 18.30, lunedì, martedì e mercoledì riposo

Prezzi: Intero 16 euro/over 60 11 euro/Under 26 10 euro

Per info e prenotazioni: tel. 02 49472369 oppure 320 6874363 - biglietteria@spazioavirextertulliano.it

 

Copyright © 2006 - 2021 MilanoFree.it, testata registrata Trib. Milano n. 367 del 19/11/2014  IT11086080964