Le Contrade e gli Stemmi nel Palio di Legnano

palio di legnanoNon potrebbe esserci il Palio di Legnano se non ci fossero le Contrade che ne disputano il torneo, vediamo allora di conoscere più da vicino la loro storia.

Otto sono le contrade che si battono, e precisamente:

  • Contrada La Flora
  • Contrada Legnarello
  • Contrada San Bernardino
  • Contrada San Domenico
  • Contrada San Magno
  • Contrada San Martino
  • Contrada Sant’Ambrogio
  • Contrada Sant’Erasmo.

È doveroso precisare che vi erano anche le Contrade della Ponzella, di Mazzafame e dell’Olmina, che però furono inglobate da La Flora, Legnarello e San Bernardino. Poiché hanno rappresentato la storia di Legnano, è giusto farne un accenno.

La contrada della Ponzella identificava il rione, dove sorgeva la cascina omonima e che anticamente era chiamata “cascina poncena”. I colori del gonfalone erano il blu e il giallo, e, nel Palio partecipa alla sfilata, lo stemma presentava una giovane sul rogo. La contrada ha partecipato solo al Palio del 1935 perché soppressa l’anno successivo.

La contrada Mazzafame deve anch’essa il nome alla presenza di una cascina così chiamata, conosciuta anche col nome di “ cascinone”. In loco si ricorda anche uno scontro avvenuto nel 1944 tra partigiani e forze di regime.

La contrada dell’Olmina prende anch’essa il nome di un’antica cascina, conosciuta come “cassina d’ul Mina”. I suoi colori erano il rosso e il bianco, mentre lo stemma presentava un Olmo stilizzato di colore nero su sfondo bianco ornato di rosso. Anch’essa è presente nella sfilata del Palio. Ha partecipato, senza mai ottenere nessuna vittoria, al Palio del 1935, 1936 e 1937, anno della sua soppressione.

Conosciamo ora le otto attuali contrade. Preciso che nel 1955 sono stati introdotti anche dei motti che ogni contrada ha scelto.

contrada sovrana la flora sienaLa contrada Sovrana La Flora, il cui motto è “sia seme la virtù, vittoria il fiore”. In origine il nome era contrada “dei fieri”, poi storpiata in “fiori”, in “floridi” e infine in “Flora”. Poiché tutte le contrade fanno riferimento a una costruzione religiosa, questa appartiene alla “Chiesa dei Santi Martiri”. I suoi colori sono il rosso e il blu, mentre lo stemma si presenta Trinciato merlato di blu, un fiore quadripetalo blu in semiscudo, il tutto in campo rosso. Il suo avversario ufficiale e la contrada di San Martino. Sette sono state le vittorie, nel 1938, 1960, 1997, 2005, 2008, 2009,2010.

contrada legnarello legnanoContrada Legnarello, col motto “Soli nel Sole”, nei colori Giallo e Rosso tinte che si vogliono legate a un fatto storico e a una leggenda.
Lo stemma presenta un Sole raggiante giallo, al centro una Croce orientale rossa, il tutto in campo rosso. La contrada prende il nome dall’antico quartiere Legnanello di origini medievali. La Contrada fa riferimento alla Chiesa del Santissimo Redentore, consacrata nel 1902. Dieci sono state le vittorie conseguite da questa contrada, e precisamente nel 1936, 1952, 1953, 1954, 1965, 1966, 1983, 1989, 1991 e 2015. La sua contrada avversaria è quella di Sant’Ambrogio.

contrada san bernardino legnanoContrada San Bernardino, i cui colori sono il Bianco e il Rosso e il motto, in latino recita così: “Pons gloriae virtutem ligat”, ossia “ il ponte lega la virtù alla gloria”.
Lo stemma, Tagliato, in alto a sinistra rosso, in basso a destra bianco, con un Sole giallo al centro che racchiude il monogramma NBS. Il suo nome si deve a una visita avvenuta nel 1444 da parte di San Bernardino da Siena. Gli avversari di sempre sono quelli di San Magno. La chiesa di riferimento è, non poteva essere diversamente, quella di San Bernardino, consacrata nel XVII secolo. Nove sono le vittorie della Contrada, e precisamente nel 1956, 1959, 1961, 1978, 1980, 1982, 1995 e 2007. Una finale memorabile fu quella del 1981, dove San Bernardino toccò il traguardo contemporaneamente alla contrada di San Domenico, per cui si decise di disputare una nuova gara solo tra le due contrade, San Domenico si aggiudicò la vittoria.

contrada san domenico legnanoContrada San Domenico, con il motto “nel verde la speranza”.
I colori della contrada sono il Bianco e il Verde, legati a due diverse leggende, mentre lo stemma presenta due bande oblique situate in basso a destra, mentre un cane con una torcia in bocca è posto in alto a sinistra, entrambi di colore bianco, il tutto in campo verde. Gli avversari principali sono identificati nella contrada di Sant’Erasmo. La chiesa di riferimento è ovviamente quella dedicata a San Domenico di Guzmàn. Sei sono le vittorie, e precisamente nel 1935,1972,1981,1984,1996 e 2013.

Contrada di San Magno, il cui motto recita: “non sempre vincitori, ma sempre primi”. contrada san magno legnano
I suoi colori, legati a una leggenda, sono il Rosso, il Bianco e il Nero. Lo stemma si presenta interzato in palo, ai lati rosso e al centro bianco, con i simboli della Basilica Romana Minore di San Magno, ovvero mitra, ombrello vescovile, pastorale e chiavi prepositurali. La contrada di San Bernardino è considerata i principali avversari. La chiesa di riferimento è la Basilica Romana Minore di San Magno. Undici sono le vittorie di questa contrada, conseguite nel 1963, 1971, 1973, 1979, 1987, 1990, 1993, 1999, 2000, 2001 e 2011.

contrada san martino legnanoContrada di San Martino, il cui motto è “Usque ad finem”, ossia “Fino alla fine”.
I colori sono il Bianco e il Blu, anch’essi con due leggende che ne raccontano la storia. Lo stemma è crociato bianco in campo blu, nel centro vi è la figura di San Martino che divide il suo mantello con il povero. La contrada La Flora è l’avversaria. La chiesa di riferimento è San Martino di Tours. Le vittorie sono state quattro, avvenute nel 1957, 1967, 1992, 2003.

contrada sant ambrogio legnanoContrada di Sant’Ambrogio, con il motto che recita “Mi abbiano in odio, purché mi temano”.
Giallo e verde sono i suoi colori e fanno riferimento a un fatto storico e a una leggenda. Lo stemma si presenta Tagliato, in alto a sinistra due quadratini gialli in campo verde, sulla destra in basso lo staffile del Santo in campo giallo. La chiesa di riferimento è di Sant’Ambrogio. Gli avversari di contrada sono i Legnarello. Sei sono i palii vinti, precisamente nel 1962, 1968, 1986, 1988, 2004, 2012.

contrada sant erasmo legnanoContrada Sant’Erasmo, che eleva il motto “Amore e fulgore in battaglia sul colle grazie al corvo”. I suoi colori sono il Bianco e l’Azzurro, mentre lo stemma si presenta Contornato di una merlatura azzurra, con un corvo nero in campo bianco; colori e stemma sono legati a un’antica leggenda. La chiesa di riferimento è quella di Sant’Erasmo di Formia. La contrada di San Domenico è l’avversaria. Tredici sono le vittorie conseguite, nel 1937, 1939, 1958, 1964, 1969, 1970, 1974, 1975, 1976, 1994, 1998, 2002 e 2014.

Quale sarà la Contrada che si aggiudicherà il Palio 2016? Non ci rimane che attendere il fatidico giorno partecipando allo storico evento.

Pin It

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.