Ninne nanne in milanese

ninna nanna bimbo

Un tempo, le mamme o le nonne, erano solite, per far presto addormentare il proprio pargoletto, cantare una ninna nanna, che di solito avevano l’effetto di un sonnifero.

Il repertorio è piuttosto vario, si può ben dire che ogni regione aveva il suo, e che la ninna nanna veniva cantata quasi sempre nel dialetto locale. Oggi sappiamo che di ninne nanne non se ne cantano più, o sono molto rare, almeno nella nostra Italia, tuttavia, e per fortuna, molte di queste sono state scritte evitando così che andassero perdute.

Attingendo dalla tradizione milanese, sono a proporre alcune ninne nanne nel dialetto meneghino, cantate da Nanni Svampa.

La prima si intitola: “Fa ninì popò de cunna”. Ecco il testo.

 

Fa ninì popò de cunna

che’l papà el patiss la luna

la patiss on poo de spess

fa ninì popò de gess.

 

La seconda riporta, con le sue parole, all’arrivo del santo Natale, infatti, recita così: il titolo è Piva Piva.

 

Piva, piva

l’òli d’oliva

l’è ‘ l Bambin

che’l porta i belee

l’è la mamma

che spend i danee

Fa la nanna

o bel bambin

Re divin

Re divin.

 

Una terza simpatica canzone si presta più a essere cantata con l’infante sveglio, tuttavia, variando il timbro di voce e l’impostazione musicale può diventare una ninna nanna. Si intitola: Serafino aveva un siffolo.

 

Serafino aveva un ziffolo che suonava tanto bene

che quando l'era nivolo che quando l'era nivolo

Serafino aveva un ziffolo che suonava tanto bene

che quando l'era nivolo facea venir seren.

 

Ohèj Serafin s’te fet sú lí? Soo mì se foo zifolì!

Ohèj Serafin s’te fet sú lí? Soo mì se foo zifoli!

Ohèj Serafin s’te fet sú lí? Soo mì se foo zifoli!

Ohèj Serafin s’te fet sú lí? Zifolaroo anca mì

Ohèj Serafin s’te fet sú lí? Zifolaroo anca mì.

 

Ed a sentir sto ziffolo tutte le donne belle

venivano sull'uscio venivano sull'uscio

ed a sentir sto ziffolo tutte le donne belle

venivano sull'uscio e dicevano cosi:

 

Ohèj Serafin s’te fet sú lí? Soo mì se foo zifolì!

Ohèj Serafin s’te fet sú lí? Soo mì se foo zifoli!

Ohèj Serafin s’te fet sú lí? Soo mì se foo zifoli!

Ohèj Serafin s’te fet sú lí? Zifolaroo anca mì

Ohèj Serafin s’te fet sú lí? Zifolaroo anca mì.

 

 

Anche quest’altra canzoncina, adattabile, a mio avviso, come la precedente, risulta piuttosto simpatica. Il titolo è: La Tegnoeula.

 

Me regordi che on dí in la mia scoeula,

hoo veduu sgorattà ona tegneoula

tutt stremii me son miss a vosà:

- Te la chí!... Te la lí... Te la là...

 

La maestra, stremida anca lee,

l'ha desmiss de spiegà l'abbecce,

anca lee la dà foeura a strillà:

- Te la chí!... Te la lí... Te la là...

 

I fioeu sbalordii, spaventaa,

resten lí mezz minutt senza fiaa...

e poeu, tracch, tucc insemma a sbragìà:

- Te la chí!... Te la lí... Te la là...

 

Con la scova el va a caccia el bidell,

nun scolar tremm per ari el capell,

dandegh dent a sguagní, sbragalà:

- Te la chí!... Te la lí... Te la là...

 

A man dritta se sent: - Te la chí!...

A sinistra rispond: - Te la lí!...

D'ogni part l'è un tremendo tronà:

- Te la chí!... Te la lí... Te la là...

 

La tegnoeula giamò mezza mòrta,

la gh'ha coeur de scappà de la pòrta

E nun piangem, podend pu vosà:

- Te la chì!... Te la lí... Te la là...

 

Altre ve ne sono, lascio però al lettore il piacere di leggerle e ascoltarle dalla voce del bravo Svampa.

 

Piccola legenda:

Ninì = nanna

Popò = bambinello

Ziffolo = il fischiare

Tegnoeula = il pipistrello

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.