• Home

Società del Quartetto di Milano

violoncello pixabayNella nostra indaffarata e sempre operosa e innovativa Milano vi è un altro primato, ossia quella di detenere, tra le associazioni concertistiche italiane, la più lunga programmazione ininterrotta.

Tutto ciò si deve, siamo nel 1864, ad Arrigo Boito, letterato, librettista, compositore e Maestro di musica con il dottorato in musica honoris causa, e ad alcuni "cultori della buona musica" quali Filippo Filippi, critico musicale e compositore; Franco Faccio, compositore e direttore d'orchestra; Tito Ricordi, editore musicale, alcuni frequentatori del famoso Salotto Maffei, i quali decisero di promuovere la "costituzione di un'Accademia di musica dando il titolo di Società del Quartetto, con sede a Milano.

Da quel lontano 1864, salvo un parentesi di due anni causa seconda guerra mondiale, non ha mai interrotto i suoi programmi musicali e concerti, ospitando i massimi protagonisti della musica, dai più grandi interpreti dell'Ottocento e del Novecento, sino ai massimi concertisti d'oggi. Il primo concerto, tenuto nella Sala del Regio Conservatorio, il 29 giugno 1864 prevedeva in programma musiche di Beethoven, Mendelssohn e Mozart.

Un frequentatore assiduo del Quartetto è Arturo Toscanini, che dirigerà quattro concerti. Nel 1911 la prima esecuzione a Milano della Passione secondo Matteo di Bach. Nel 1990, dopo una diatriba piuttosto accesa, viene istituita una nuova associazione: I Concerti del Quartetto, con concerti aperti a tutta la città e non solo a soci qualificati. Finalmente nel 2014 il Quartetto riceve l'Ambrogino d'Oro, la massima onorificenza cittadina, riconoscendogli l'obiettivo di incoraggiare e diffondere la buona musica. Insomma un continuo di successi che onorano la nostra città ancora oggi. Dopo questo brevissimo riassunto, ecco cosa scriveva Delio Tessa, scrittore e poeta milanese, in occasione del primo concerto del Quartetto Musicale.

Il titolo della poesia, ovviamente in dialetto è:

 Quartett Musical

 

Ei! ma si! per fatt piasé

disaroo ona bosinada

ancamò; chè tant, asnada

pu, asnada men, quand gh'è

la salud...già...no se falla,

vera? bravo!..sicchè donca...

- trii conchin fan ona conca-

gh'ho de dilla o de cantalla?

Giust in vuna di sti sir

per andà a pagà la tassa

del Quartett che me salassa

el borsin – vottanta lir...

Dio te mazza! - propri lì

sul zerbin dell'uss che gh'à

scritt sul veder – Società

del Quartetto – troeuvi lì

sui duu pee dò tusanett

ch'èren drèe a cuntalla sù

" Ei...chi l'è ch'el cerca... èi lù

in doe el và?" " Voo chi al Quartett

per servilla... me rincress

de dovella disturbà...

me dispias... ma gh'òo de andà

giust chi denter... compermess!..."

"L'è saraa... gh'hinn nò... gh'hinn minga!"

" Oej che sprella!... t'è andada a mal

i bigatt?... infili i scal

pesg che in pressa!...se gh'hinn minga

fa besogn de mangiamm viv?!

Oeu la peppa... che accident

d'ona portinara! sent...

anca lor sti lavativ...

però... sent... la ghe voeur tutta

de famm cor innanz... indree

per andà a portagh danee...

tira e molla e no se butta

a trovaij!" e ghe casciavi

duu saracch al segretari"...

e sentivi su per ari

i vosett – intant che andavi.

 

Leggi anche:
Le Bosinade: antiche poesie satiriche in dialetto milanese

Dialetto milanese

Parolacce in dialetto milanese

Copyright © 2006 - 2019 MilanoFree.it, testata registrata Trib. Milano n. 367 del 19/11/2014  IT13181390157 MILANO TORINO PAVIA RIMINI