Prolungamento M2 Milano: verso la metro leggera

m2 milanoIl tema del prolungamento della M2 di Milano è stato affrontato lo scorso giovedì, in occasione di un incontro tra i Sindaci del  territorio,  l’assessore della Mobilità del Comune di Milano Marco Granelli e Regione Lombardia.

Durante questo incontro sono stati sottolineati alcuni punti tecnici:

  • l’esigenza di un  collegamento fino a Vimercate e non “troncato”;
  • l’importanza che l’analisi costi benefici tenga maggiormente conto dell’impatto positivo di avere un collegamento diretto con Milano, del miglioramento della qualità dell’ambiente e della qualità della vita per la riduzione del traffico, dello sviluppo potenziale dell’attività produttive presenti sul territorio, del fatto che quest’opera coinvolge sicuramente un territorio più vasto dei soli comuni interessati al tracciato;
  • la necessità di ragionare con i progettisti sui tracciati effettivi con una particolare attenzione alle tematiche ambientali e alle eventuali compensazioni, qualora sia proprio necessario intervenire su aree verdi protette dai PGT e alla pianificazione provinciale;
  • la necessità di prevedere almeno una o più fermato su ogni comune.

Al termine dell’incontro, MM e Comune di Milano si sono impegnati a rivedere lo studio tenendo conto dei punti di cui sopra e dando vita a una ipotesi progettuale che sia un mix lo scenario della metrotranvia (intervento stimato in 200 milioni) e della metropolitana (intervento stimato in 900 milioni).

Una sorta di “metropolitana leggera” che abbia le caratteristiche tipiche della metrotranvia (costi ridotti, passaggi “ostici” in viadotti, tracciati più facilmente gestibili) e della metropolitana (buon numero di persone trasportate, velocità, ecc…); quindi un nuovo scenario molto simile alle “metrotranvie” presenti in molte città francesi come Lione, Strasburgo.

Regione Lombardia ha avanzato l’idea di cercare di collegare questa tratta alla ferrovia, magari ipotizzando un prolungamento da Vimercate ad Arcore.

In questa fase però si è deciso, per non rallentare i tempi di progettazione dello studio di fattibilità, di inserire questa progettualità in una fase due. Al termine dell’incontro si è giunti alla conclusione che ci sarà una nuova convocazione a metà gennaio, dove MM  presenterà questo nuovo studio e le modifiche apportate.

In quella data saranno così presentati i costi dell’opera e saranno definiti i costi necessari per la progettazione dello studio di fattibilità.

Riportiamo di seguito alcune dichiarazioni dei soggetti presenti:

Cristina Maranesi,  fondatrice del  comitato mobilità ecosostenibile del vimercatese crise prima firmataria della petizione: https://www.change.org/p/regione-lombardia-portate-la-metropolitana-a-vimercate-metroavime"Dobbiamo operarci tutti per sollecitare Regione Lombardia a mettere quest’opera tra le priorità ed inserire nel bilancio 2020 i soldi necessari per la progettazione.

Ritengo sia utile lavorare su più fronti in maniera coordinata e senza mai perdere di vista l'obiettivo che un collegamento efficiente della Brianza Est con Milano serve a noi ma anche alla città metropolitana tutta".

 

Per quanto riguarda, invece l’assessore Marco Granelli, lo stesso ha dichiarato:

29178199 10216293038707708 991755429509857280 n

Oggi si sono incontrati i sindaci del vimercatese, comune di Milano, Città metropolitana, Provincia di Monza e Brianza e Regione Lombardia per approfondire la prima parte dello studio di fattibilità di una infrastruttura di trasporto per l'asta tra Cologno e Vimercate.

Sono emersi aspetti importanti per implementare lo studio verso una soluzione progettuale capace di realizzare un sistema di trasporto alternativo alle auto, efficace per collegare questi territori tra di loro e i Comuni con Milano.

Ora MM approfondirà i temi chiesti dai sindaci così che sia possibile scegliere uno scenario e su questo fare la seconda fase completando il Progetto di Fattibilità Tecnica Economica. Il PFTE è fondamentale per chiedere le risorse al governo e rendere finalmente realtà una infrastruttura di trasporto di qualità.

Interviene anche il consigliere regionale Luigi Ponti:

 Credo  lo sviluppo della M2 sia fondamentale per il sistema di trasporto pubblico della Brianza.

Quest’infrastruttura andrà a coprire un’ area strategica anche per Milano riequilibrando l’offerta di trasporto pubblico oggi inadeguata per il vimercatese.

Seguirò con attenzione il tema e cercherò di sostenerlo in modo utile in Regione Lombardia a partire dall'attività dedicata al bilancio regionale del 2020.

Leggi anche:
Metropolitana M5 da Bignami a Monza: firmata la convenzione

Copyright © 2006 - 2019 MilanoFree.it, testata registrata Trib. Milano n. 367 del 19/11/2014  IT13181390157 MILANO TORINO PAVIA RIMINI