Rischio contagio covid: il Sindacato attacca Trenord

A poche ore dall'inizio dell’agitazione sindacale,  l’Or.S.A. risponde alle dichiarazione di Trenord,  in merito al rischio di contagio covid che sarebbe accentuato in caso di sciopero.

In una precedente nota lo stesso sindacato aveva spiegato i motivi, che avevano portato allo sciopero,  misura pesante non solo per l’utenza, ma anche per gli stessi lavoratori che subiscono trattenute sullo stipendio.

Riportiamo la nota del sindacato:

COMUNICATO STAMPA 27.09.2020 ORE 21.00

Nella giornata odierna abbiamo letto e ascoltato le dichiarazione di Trenord in merito al rischio di contagio Covid che, nella giornata di domani, sarebbe accentuato a causa del nostro sciopero.

Trenord con queste dichiarazioni tenta di attribuire al sindacato ed ai lavoratori una responsabilità che risiede solo ed esclusivamente nell’arroganza della sua dirigenza.affollamento treni

In particolare, con presunzione e supponenza, non rispetta il Contratto di Lavoro e gli accordi sottoscritti, infatti se Trenord, come qualsiasi altra azienda, li avesse rispettati ed intrattenuto corrette relazioni industriali lo sciopero di lunedì non sarebbe mai stato dichiarato. Oltretutto la società ha avuto l’arroganza di non rispettare neanche gli impegni assunti in Prefettura lo scorso 04 Agosto.

A questo si aggiunga che i numerosi nuovi assunti, in questi anni ed in violazione al CCNL, partecipano ai corsi di formazione senza ricevere alcuna retribuzione, i turni di lavoro non rispettano gli accordi, le condizioni logistiche sono insufficienti e vi è un utilizzo immotivato e spropositato delle sanzioni disciplinari ( sei giorni di mancata retribuzione) adottate nei confronti di quei lavoratori che hanno preteso il rispetto di svolgere il loro turno e le mansioni per cui sono stati assunti.

QUINDI IRRESPONSABILE NON E’ CERTAMENTE OR.S.A. FERROVIE LOMBARDIA, MA CHI QUESTO SCIOPERO L’HA CERCATO E CAUSATO GESTENDO L’AZIENDA CON INCAPACITA’, ARROGANZA E SUPPONENZA.

OR.S.A. Ferrovie è lo stesso sindacato che, con responsabilità e senso civico, ma con dirigenti aziendali dialoganti, ha contribuito nel 2015 alla piena riuscita dell’evento mondiale EXPO. Noi siamo sempre lo stesso sindacato !!!!

Infatti, non abbiamo mai dichiarato scioperi a cuor leggero, ed in particolare in questi momenti, consapevoli che l’adesione comporta una perdita di centinaia di euro ai lavoratori che aderiscono e causano forti disagi a migliaia di cittadini lombardi, molti dei quali anch’essi lavoratori. Di questo ne siamo consapevoli molto di più di tanti dirigenti aziendali.

Rispetto al paventato rischio nei confronti dell’utenza, ed in particolare degli studenti, Trenord dovrebbe iniziare a rispettare le disposizioni in materia di prevenzione COVID previsti per il servizio di Trasporto Pubblico, come più volte richiesto anche dalla nostra organizzazione sindacale.

Nello specifico Trenord opera in costante e quotidiana violazione, come da nostra nota inviata ai vari Ministeri, al DPCM del 07.09.200 mettendo a rischio contagio migliaia di clienti, rischio accentuato dalle inefficienze aziendali: vedasi i mancati rifornimenti idrici di centinaia di treni.

Milano 27 Settembre 2020

Copyright © 2006 - 2020 MilanoFree.it, testata registrata Trib. Milano n. 367 del 19/11/2014  IT11086080964