La via Valeriana, un cammino tra storia e natura

sentiero pixabayCon quest'articolo, il primo di due, sono a proporre, a chi piace camminare o pedalare, un interessante itinerario, quello detto della "Via Valeriana", via tracciata probabilmente dal generale romano Gaio Publio  Licinio Valeriano. I due itinerari sono stati promossi e fondati da Andrea Grava e Antonio Votino, tra l'altro ospitati anche alla trasmissione di RAI TRE, GEO, dove hanno presentato i due cammini, che sono integrati nella rete di Cammini e del Turismo Lento. Sono loro i punti di riferimento per chi volesse informazioni e/o approfondire l'itinerario e conoscere i punti di ristoro e pernottamento. E-mail amiciviavaleriana@libero.it o turismovallecamonica.it Gruppo FB Amici della Via Valeriana A. Grava – A. Votino.

La Via Valeriana è un antico tracciato che percorre l'intera Valle Camonica, dal Lago Sebino – Iseo, sino a Edolo dove si biforca. Prendendo sulla destra si raggiunge il Passo del Tonale, sulla sinistra si raggiunge l'Aprica. Il percorso si snoda per circa 130 Km, partendo dalla località di Pilzone, sul Lago d'Iseo sino a raggiungere il Passo del Tonale.

Il cammino si divide in 9 nove tappe, tutte regalano affascinanti panorami con presenza di arte e storia davvero interessanti. Ecco descritte brevemente le nove tappe.

1ma tappa: da Pilzone a Pisogne,  località sul Lago d'Iseo, 23 Km. Da Pilzone si raggiunge Zone e superare il passo di Croce di Zone per poi scendere verso Pisogne, dove termina la tappa presso la Chiesa di Santa Maria della Neve, famosa per gli affreschi del Romanino.

2da tappa: da Pisogne a Boario Terme, circa 16 Km. Qui si possono ammirare le Terme e anche ristorarsi.

3za tappa:  da Boario Terme a Malegno, circa 16 Km. Si raggiunge Erbanno, dove si può visitare la Chiesa di Santa Maria del Restello con affreschi del pittore Callisto Piazza. Si raggiunge il Santuario dell'Annunciata a Piancogno per poi scendere verso Malegno, tra sentieri nel bosco.

4ta tappa: da Malegno a Ono San Pietro, 11 Km. Ottimi scorci panoramici, tra cui il Castello di Breno, il Pizzo Badile e la Concarena.

5ta tappa: da Ono San Pietro a Malonno, 17 Km. Via bosco si raggiunge il bel paese di Pescarzo per poi, tra boschi di castagni, raggiungere Sellero e proseguire per Forno Allione.

6ta tappa: da Malonno a Edolo, Km 12. Tappa sopratutto a carattere naturalistico.

7ma tappa: da Edolo a Ponte di Legno, circa 21 Km. Tappa non troppo impegnativa tra boschi e vicinanza al fioume Oglio.

8va tappa: possibile scegliere la Edolo Aprica, circa 17 Km. Il percorso è tutto costeggiato dal fiume Ogliolo, tra boschi e paesini tipici montani.

9na tappa: da Ponte di Legno al Passo del Tonale, 9 Km. Un percorso non lungo ma piuttosto difficoltoso, essendo sempre in salita.

Dopo quanto detto non resta che preparare il necessario e poi mettersi in cammino.

Il secondo itinerario è la via chiamata di Carlo Magno, ma ve la racconterò la prossima volta. Un riconoscimento e un grazie va sicuramente al Grava e al Votino che hanno pensato, percorso e mappato i percorsi.

Leggi anche:

Milano, gite fuori porta

Pin It