Quartiere Brera a Milano

brera milanoBrera è un quartiere di Milano tra i più suggestivi e famosi di Milano dove fin dal XIX secolo è meta degli artisti che gravitavano attorno all'Accademia di Belle Arti. Fino al secondo dopoguerra era chiamata ai meneghini doc la Contrada de’ Tett per la presenza nella zona di meretrici e case chiuse.

Oggi Brera è un quartiere famoso per lo stile e per i negozi di antiquariato, le boutique in stile vagamente parigino e il famoso mercatino di ogni terza domenica del mese in via Fiori Chiari.

Nel quartiere ha sede l'L’Accademia di Belle Arti di Brera, il Mercatino di Brera e la Pinacoteca di Brera.

L'Accademia di Belle Arti di Brera

Conosciuta come Accademia di Brera, è un ateneo pubblico con sede in via Brera 28 a Milano. Secondo l'attuale offerta formativa (MIUR) l’Accademia di Brera è compresa nel comparto universitario, nel settore dell'Alta Formazione Artistica e Musicale e rilascia diplomi accademici di 1° livello (equipollenti alla laurea) e di 2° livello (equipollenti alla laurea magistrale).

via brera primi900

Il mercatino di Brera

E' formato da una settantina di banchetti che vengono dislocati tra Via Fiori Chiari, Via Madonnina e Via Formentini. Il mercatino è davvero particolare e affascinante e vi consigliamo di farci un salto ogni terza domenica del mese, agosto escluso, quando via Brera e via Fiori Chiari si animano di bancarelle d'antiquariato con gioielli, vetri lavorati e oggetti di modernariato.

La Pinacoteca di Brera

Situata nel famoso e caratteristico quartiere di Milano, ha sede al primo piano del Palazzo Brera del XVII sec e raccoglie in 38 sale capolavori di artisti italiani dal XIV al XIX secolo e di alcuni dei più grandi artisti stranieri.

Tra gli artisti più famosi Piero della Francesca, Mantenga, Raffaello, Bramante, Caravaggio, Tintoretto, Bellini, Bronzino. Nel cortile d'ingresso si può vedere l’opera del Canova che rappresenta l’effige di Napoleone.

Cosa vedere nelle vicinanze: 

Copyright © 2006 - 2020 MilanoFree.it, testata registrata Trib. Milano n. 367 del 19/11/2014  IT11086080964