Treno del Foliage, boom di prenotazioni

  • Federica Sallustro

Un boom di prenotazioni per il gettonato e suggestivo Treno del Foliage che nei weekend fino al 15 novembre, in occasione della promozione autunnale, ha già registrato il tutto esaurito. Non c'è comunque da disperarsi, il viaggio può essere fatto in tutta tranquillità anche durante la settimana, nei giorni feriali.

Il famoso convoglio alpino accompagna dolcemente i passeggeri attraverso un tour straordinario da Domodossola a Locarno, unendo i due confini.
Incoronata come una delle dieci ferrovie più belle al mondo, la Vigezzina Centovalli, storica linea che si snoda tra Italia e Svizzera dal 1923, non smette mai di stupire con i suoi scenari idilliaci.
Complice l'autunno, che in un percorso costellato da panorami mozzafiato, regala giochi di luci e ombre incredibili, sprigionando un'infinità di sfumature che solo questa stagione sa regalare.

treno-foliage-pixabay

BIGLIETTI

La prenotazione del posto a sedere è obbligatoria, in base alle norme vigenti, per evitare sovraffollamenti e si effettua sul sito dedicato: vigezzinacentovalli.com/foliage
Il biglietto ha validità per uno o due giorni e comprende un viaggio di andata e uno di ritorno su tutta la linea e per l'eventuale supplemento panoramico, è gratis per i bambini sotto i 6 anni.
Lo stesso ticket offre inoltre la possibilità di effettuare una fermata intermedia (all'andata o al ritorno) per dare la possibilità a chi lo desiderasse di fare una sosta in uno degli splendidi borghi disseminati sul percorso.

Incluso nel ticket un buono per ritirare un omaggio presso una delle caratteristiche bancarelle del mercatino di prodotti locali, aperto ogni giorno 10.00 alle 17.00, alla stazione ferroviaria di Locarno.

Costi:
Adulti: 43€ per la 1^classe, 33€ per la 2^classe.
Ragazzi dai 6 ai 16 anni: 21.50€ per la 1^classe, 16.50€ per la 2^Classe.

IL TERRITORIO E GLI APPUNTAMENTI DA NON PERDERE

Il sito web dedicato offre inoltre una panoramica di quanto il territorio ha di meglio da offrire: borghi tipici, gastronomia locale, passeggiate nel verde, visite culturali e appuntamenti da non perdere.

Ecco qualche dritta:

Partendo da Domodossola, denominata Borgo della Cultura, ci si immerge immediatamente nel cuore pulsante della Val d'Ossola. Scrigno di palazzi storici e cinte murarie, conserva nei pressi del centro storico il Sacro Monte Calvario, dal 2003 Patrimonio Mondiale dell’Umanità UNESCO.

Locarno accoglie i suoi visitatori a fine corsa e li attrae in tutta la sua unicità.
Rinomata per il famoso Film Festival ed elegantemente posta sulla sponda svizzera del LAGO MAGGIORE, si distingue con il suo bel Castello Visconteo e la pittoresca Piazza Grande, simbolo della città. La si può ammirare persino dall'alto, raggiungendo con la funicolare il Santuario della Madonna del Sasso.

Imperdibile inoltre, nella località di Re, il Santuario della Madonna del Sangue che colpisce al cuore in tutta la sua maestosità.

Punti panoramici di notevole interesse e suggestione si possono inoltre scovare salendo in una delle funivie situate in località di interesse paesaggistico come Verdasio o Intragna.

Nella cornice del bellissimo e coloratissimo borgo di Santa Maria Maggiore si può fare un tuffo nel passato visitando i suoi storici musei: il Museo dello Spazzacamino, la Casa del Profumo e la Pinacoteca della Scuola di Belle Arti Rossetti Valentini. 
La zucca sarà protagonista del centro fino al 18 ottobre nel consueto evento annuale di forte richiamo per il territorio.
Fino al 25 ottobre sarà invece possibile deliziare il palato alla fiera dell'Autunno Gastronomico del Lago Maggiore e Valli, mentre fino al 22 novembre presso il Palacinema di Locarno, si può godere della mostra multimediale “Klimt Experience” un percorso virtuale davvero coinvolgente, dedicato al padre fondatore della Secessione Viennese.

Buon foliage a tutti!

TI POTREBBE INTERESSARE

Viaggio sulla riva piemontese – svizzera del Lago Maggiore

Lugano: la Svizzera a 1 ora da Milano

Copyright © 2006 - 2020 MilanoFree.it, testata registrata Trib. Milano n. 367 del 19/11/2014  IT11086080964