Una gita al Parco delle Cornelle

lecornelleAncora un mesetto e poi la primavera farà la sua gradita apparizione, e con essa inizieranno le gite domenicali anche con i bambini. Ebbene, la gita che vi propongo è al Parco delle Cornelle, luogo conosciuto e che vale la pena di visitare. Tuttavia è bene conoscere un poco anche la storia di quest’affascinante Parco, ed è quello che ora vi vado a raccontare. Il Parco Faunistico le Cornelle nasce nel 1981 sulla sponda orientale del fiume Brembo, in località Valbrembo.
La costruzione del Parco si deve al signor Angelo Ferruccio Benedetti, il quale ha voluto accogliere animali offrendo loro un ampio spazio abitativo e favorire l’incontro tra uomo e animale, infatti, le staccionate sono piuttosto basse, in modo da permettere ai visitatori di avvicinarsi il più possibile agli animali, sempre, ovviamente, usando il buon senso. Il signor Benedetti era un alpino con la passione per gli animali che condivideva con la moglie Luigina, e il loro inizio era con la presenza di pochi animali poi, visto il successo dell’iniziativa, gli spazi si sono allargati così come la flora e la fauna del Parco. Il papà del Parco, nel novembre del 2011, a settantadue anni, lasciava questo mondo, donandoci in eredità un Parco davvero magnifico.
La visita al Parco è rigorosamente a piedi, con possibilità di seguire un itinerario appropriato che permette di conoscere meglio gli animali e la loro classificazione.
Il nome “ Cornelle”, si deve a un toponimo locale, che indica i sassi del fiume levigati dalla corrente.
Il Parco si sviluppa su un’area di 126.000 mq, e accoglie, tra mammiferi, rettili e volatili, ben 120 specie. Si può richiedere la visita guidata, che varia per durata, infatti, è possibile aderire alla visita di un’ora, due o quattro, sempre accompagnati da personale specializzato. È anche possibile usufruire di un’area pic nic, di un ristorante o un self-service, e di una pizzeria. Vari sono i negozi di souvenir, e di diversi bar sparsi lungo il tragitto. Al suo interno è presente un parco giochi per bambini, mentre un grande parcheggio esterno permette la sosta degli autoveicoli.

Tra i tanti animali che si possono vedere, nomino la Tigre bianca, il Leone bianco, la Volpe Volante, l’Ibis Sacro, l’Aquila delle Steppe, il Pitone Reale e moltissimi altri conosciuti e meno conosciuti, ma tutti affascinanti.  

 

Vediamo ora i costi del biglietto:

ORDINARI SINGOLI

biglietto intero – dai 12 anni  - euro 13

biglietto ridotto – dai 3 agli 11 anni – euro 10

PER COMITIVE

Biglietto intero – minimo 15 partecipanti dai 12 anni – euro 11

Biglietto ridotto – minimo 15 partecipanti dai 3 agli 11 anni – euro 8

Scuole materne – euro 6

Scuole elementari e medie – euro 7

Un insegnante beneficia di un ingresso gratuito ogni 15 alunni.

 

Come arrivare al Parco delle Cornelle da Milano:

Autostrada A4 Milano – Venezia, uscita a Dalmine. Proseguire in direzione Valbrembana e, dopo Curno, seguire indicazioni per il Parco.

In pullman, o treno, arrivare sino a Bergamo, poi prendere l’ATB n. 8 sino a Loreto, poi il n. 10 sino al Parco. Da marzo a settembre, per tutte le domeniche, c’è un autobus ogni ora.

Il Parco è aperto tutto l’anno, da aprile a settembre dalle ore 9,00 alle 19,00, i restanti mesi dalle 9,00 alle 17,00. 

 

LEGGI ANCHE

Gita fuori porta con bambini

Il Castello di Gropparello e il Parco delle Fiabe

Cowboyland

Giocabosco: parco didattico con gnomi e fatine

Parchi avventura Lombardia

Seguici su Facebook

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.