• Home
  • FUORI PORTA
  • Viaggiare sicuri all'estero: cosa conoscere per evitare problemi

Viaggiare sicuri all'estero: cosa conoscere per evitare problemi

viaggi foto pixabayQuando si deve partire per una vacanza ma ancora di più quando si viaggia all'estero per lavoro è necessario stare attenti a tutta una molteplicità di possibili incognite (infortuni personali, epidemie, eventi idrogeologici e sismici, atti terroristici, eventi sociopolitici violenti, ecc).

Vediamo in questo articolo come programmare un viaggio in piena sicurezza.

Prima della partenza è bene premunirsi per evitare situazioni spiacevoli o peggio, situazioni pericolose, che possono causare il fallimento della vacanza tanto agognata o un danno ancora peggiore, lo stesso approccio poi è necessario sia durante il viaggio che al nostro arrivo.

Il nostro consiglio principale è quello di procedere con un'attività preventiva volta ad anticipare possibili problemi una volta giunti a destinazione. Il primo step è quello di conoscere nel dettaglio la location di vacanza o di lavoro dove si è diretti. Sembra scontato ma non lo è affatto, infatti sono moltissimi i viaggiatori che partono credendo di conoscere la location perché ormai,  complici anche i media ed i social, siamo a conoscenza di un po' di tutto anche se spesso in modo superficiale.

Guardando però più nel dettaglio vi sono tante possibili situazioni di pericolo che solo con una visione approfondita si possono conoscere per porre in atto comportamenti adeguati al Paese di destinazione, per una permanenza quanto più possibile sicura ed in linea con gli aspetti normativi e amministrativi locali, non tralasciando anche usi e costumi locali differenti dai nostri.

Prima di partire

Informarsi bene sul paese di destinazione. Quali sono i possibili rischi e pericoli? Vi sono mesi in cui è assolutamente sconsigliato per ragioni meteo o vi sono condizioni sociali/economiche/sanitarie particolari? 

La prima risorsa da utilizzare per una bella panoramica principale è quella consultabile accedendo al sito del Ministero Affari Esteri www.viaggiaresicuri.it.

Qui vi sono tutte le informazioni generali aggiornate giornalmente sui Paesi esteri., compresi gli avvisi di rischi particolari, eventuali restrizioni agli ingressi o documentazione necessaria, indicazioni per la propria sicurezza ed incolumità, usi e costumi particolari, situazione sanitaria, ecc. Prima di partire vi invitiamo anche a compilare con i vostri dati l'apposito form presente sul sito del Ministero degli Affari Esteri al sito appositamente creato: www.dovesiamonelmondo.it, cosi' da permettere l'attivazioni di particolari procedure di avviso o recupero in casi di grave emergenza.

Inoltre verificare:

  • di avere sempre con sé il passaporto o altro documento valido per l’espatrio, verificando la scadenza (prima di partire il documento deve avere almeno 6 mesi di validità) e la presenza di pagine libere per eventuali timbri di ingresso/uscita;
  • di avere con sé anche una copia cartacea o elettronica del documento per poterla esibire alle autorità in caso di furto o smarrimento del documento originale;
  • di avere con se una piccola somma di denaro contante locale e che le proprie carte di credito siano accettate in quel paese;
  • che la propria compagnia telefonica mobile sia abilitata in quel paese;
  • di avere con se le proprie informazioni sanitarie principali che diventano essenziali in caso di incidente o malore (es. gruppo sanguigno, vaccinazioni, farmaci che si assumono, ecc).

In viaggio

Prima di giungere a destinazione si possono riscontrare grossi problemi anche nella fase di viaggio. Stiamo parlando dei mezzi per raggiungere la destinazione e per l'eventuale transfer fino al luogo di soggiorno. Occorre quindi valutare con attenzione non solo il mezzo principale che verrà utilizzato (es. vettore aereo) ma anche gli eventuali mezzi secondari dove spesso si riscontrano problematiche inattese (es. auto a nolo, taxi, mezzi pubblici locali, ecc). Molti non sanno che sopra i nostri cieli viaggiano aeromobili di compagnie inserite in una black list dall'ENAC e che per diversi motivi sconsigliamo quindi di utilizzare.

Coperture sanitarie

Una delle note dolenti in alcuni stati esteri è proprio il sistema sanitario locale che può essere poco efficiente o molto caro tanto da non poterselo permettere. Per un'informazione puntuale ed aggiornata a riguardo  della copertura sanitaria per i cittadini italiani e stranieri che usufruiscono del Servizio Sanitario Nazionale, si invita all'apposita sezione sul portale del Ministero della Salute www.salute.gov.it (Sezione “Assistenza italiani all'estero”), che fornisce una guida interattiva che permette a tutti gli assistiti di avere informazioni sull'assistenza sanitaria fruibile in un qualsiasi Paese del mondo. A seconda della destinazione potrebbe quindi essere necessario valutare l'attivazione di ulteriori coperture assicurative. 

Arrivati a destinazione

Una volta giunti finalmente a destinazione è opportuno informare i propri cari rimasti a casa della propria posizione (agganciarsi al wi-fi locale se possibile), cosi' come è fondamentale aggiornarsi localmente su particolari situazioni inerenti alla situazione locale e alla sicurezza.

Ambasciate e consolati

In caso di furto o smarrimento dei documenti di viaggio, gli uffici consolari italiani in loco (ove presenti) possono emettere un nuovo documento oppure rilasciare un documento di viaggio provvisorio. La procedura richiede della denuncia di furto o smarrimento alle autorità locali e di due due foto formato tessera oltre alla copia di un documento valido o di due testimoni.

I recapiti e gli indirizzi delle ambasciate e dei consolati si trovano sempre sul sito del Ministero Affari Esteri.

Ricordiamo che nei Paesi esteri dove non è presente una Rappresentanza diplomatica/consolare italiana è possibile richiedere l'assistenza delle Rappresentanze in loco degli altri Stati Membri dell'Unione Europea, ai sensi dell'art. 20 del Trattato di Amsterdam -ex art. 8C).

Non ci resta che augurarvi una buona permanenza all'Estero ed un buon rientro nel Bel Paese a fine vacanza o missione lavorativa.

 

Copyright © 2006 - 2020 MilanoFree.it, testata registrata Trib. Milano n. 367 del 19/11/2014  IT11086080964