• WEB
  • SEO: di cosa stiamo parlando?

SEO: di cosa stiamo parlando?

seo search engine optimizationSe si vuole che il proprio sito web o il proprio articolo venga posizionato ai primi posti sui motori di ricerca (es. Google), con l’obbiettivo di raggiungere molti lettori, è necessario capire quando sia fondamentale rispettare alcune regole. 

SEO è l'acronimo di “Search Engine Optimization”, ovvero le tecniche per l’ottimizzazione di un sito web o di un particolare articolo sui motori di ricerca.

La SERP: “Search Engine Result Page”,  è invece la pagina dei risultati del motore di ricerca, che compare dopo che avete inserito i termini da cercare. Chi di voi scorre oltre alla terza pagina dei risultati? Nessuno vero? Ora forse iniziate a capire l'importanza di queste tecniche. 
Le Keywords: “parole chiave”, sono le parole che inserite nel campo di ricerca. Per keyword si intendono non soltanto singole parole ma anche stringhe di testo, ad esempio la ricerca “Mappa Metro Milano” è una keyword. 
Il Robot, chiamato anche spider o crawler, è il software che tutti i motori di ricerca utilizzano per scandagliare tutti i siti web in modo automatico passando di pagina in pagina per mezzo dei link. I robot effettuano una copia testuale di tutti i documenti visitati e li inseriscono in un indice. Il robot di Google si chiama Googlebot. 
L'Indicizzazione è l'inserimento delle nuove pagine trovate online dal robot al database del suo motore di ricerca per restituirlo poi all'utente quando viene effettuata una ricerca inserendo determinate chiavi di ricerca. 
Il Ranking è invece la classifica dei risultati rispetto ad una determinata ricerca. Quando inseriamo una keyword, il motore di ricerca ci fa visualizzare una SERP di risultati ordinati in base alla pertinenza dei documenti indicizzati rispetto a tale parola chiave. 
Si parla quindi di Ottimizzazione in ambito SEO, seguendo tutte le regole che facilitano il più possibile il lavoro dei robot, fornendogli contenuti facilmente accessibili e rendendo più facile la comprensione da parte del software dell’argomento trattato dal documento. Se abbiamo lavorato bene il Posizionamento del nostro sito o del nostro articolo sarà molto migliore in relazione a determinate keyword. Il posizionamento è la conseguenza naturale del lavoro di ottimizzazione.

Strategia SEO: la scelta delle keyword
Scegliere le giuste parole chiave è indubbiamente fondamentale in quanto qualunque attività SEO risulta essere priva di senso se non viene fatta prima un’analisi accurata delle parole chiave da scegliere; analisi che può essere effettuata con strumenti software dedicati, analisi della concorrenza e utilizzando lo stesso motore di ricerca.
E' consigliabile scegliere parole chiave non troppo generiche (es. Milano), visto che sarebbe quasi impossibile raggiungere buoni risultati in tempi utili, ma neppure troppo specifiche, poiché, se sono poco cercate, generano di conseguenza poco o nessun traffico al sito.
Nella scelta delle keyword è applicabile la teoria della “Long Tail” di C. Anderson, secondo la quale i prodotti di nicchia avranno molte più possibilità di profitto. Per applicare questa teoria in ottica seo, è quindi preferibile scegliere molte parole chiave specifiche piuttosto che poche generiche. 
I contenuti sono una parte importantissima del SEO, infatti i motori di ricerca riescono a leggere i contenuti testuali di un documento. E’ opportuno quindi che un sito contenga realmente contenuti utili e interessanti al fine di ottenere un buon posizionamento sui motori di ricerca. Un articolo povero di contenuti non potrà essere ben posizionato o comunque la perderà dopo poco tempo. E’ di importanza fondamentale, oltre ad avere buoni contenuti, avere contenuti unici, quindi non copiati da altri siti. Google si accorge immediatamente quando un contenuto non è originale e lo penalizza nei suoi risultati. Ovviamente il contenuto deve includere le parole chiave con cui vuole essere trovato, senza però farlo diventare illeggibile al visitatore.

TITOLO: come scrivere un titolo efficace
Si consiglia di limitare la lunghezza del titolo tra 50 e 80 caratteri - inclusi gli spazi! Massimo 6/7 parole!
Le keyword nel titolo sono fondamentali per la SEO e quindi per il posizionamento ma non esageriamo infarcendo il titolo con troppe keywords: il titolo deve essere scritto per gli utenti e non pensato solo per i motori di ricerca.  Consigliamo di includere una o due parole chiavi nel titolo del documento. Cerca di usare le parole chiavi all'inizio del titolo.
Rendi i titoli interessanti. Leggendo il titolo l’utente deciderà in pochi attimi se vale la pena leggere il tuo articolo, quindi è giusto incuriosirlo tenendo sempre a mente con quali parole cerchereste quell’argomento sul motore di ricerca.  Perciò cerca di inserire un messaggio non solo rilevante ma anche accattivante, perché anche se sei in prima posizione, se il tuo messaggio non ti genera click svanisce il risultato di tutto il lavoro di ottimizzazione.
Evitare inoltre di scrivere il titolo TUTTO MAIUSCOLO. Oltre al titolo è fondamentale approfondire l’argomento nella meta description.

PUNTEGGIATURA NEL TITOLO: Google non ama particolarmente punti esclamativi e interrogativi, ma per gli altri segni di interpunzione non si hanno particolari indicazioni, se non di evitare il punto a fine frase nei titoli.

IMMAGINI:
Lo sapevi che ogni immagine può aiutare il tuo posizionamento?  Il nome stesso dell'immagine è fondamentale e può contenere parole chiavi. Meno pesa l'immagine, meglio è: comprimila online con tinyjpg.com. Ovviamente non copiare immagini da altri siti: cerca un immagine senza copyright ad es. su pixabay.com.

CONTENUTI DI QUALITA’:
Sembra inutile ribadirlo: i visitatori vogliono contenuti di qualità, attuali, coinvolgenti, che diano un motivo per tornare. Scegli con cura le parole e le frasi e soprattutto fai una lettura prima di pubblicare. Per ottenere risultati migliori si consiglia di avere almeno 300 parole in ciascun articolo. Ci sono casi nei quali questa quantità di informazione è difficoltosa ad essere inserita, ma i motori di ricercano la amano davvero.

METADESCRIPTION: Dopo il titolo della pagina, la meta description è forse il fattore SEO più consistente. Si tratta di una descrizione breve che viene introdotta nelle pagine web e questo testo viene quindi utilizzato da Google come descrizione nei risultati di ricerca. Come per il titolo delle pagine, anche la descrizione non può superare una lunghezza di circa 150 caratteri altrimenti viene troncata da Google.

Posizionamento di successo: fare tutto “in casa” o affidarsi ad una web agency?

Se siete smanettoni potete sicuramente fare un buon lavoro ma non è detto che dopo pochi mesi ci sia da rimetterci le mani visto che gli algoritmi di  Google sono sempre in mutamento. In questo caso quindi è necessario aggiornarsi di continuo o affidarsi ad una SEO Agency che farà un’attenta analisi insieme al cliente con l’obiettivo di concentrarsi sul core business del cliente stesso.

Copyright © 2006 - 2021 MilanoFree.it, testata registrata Trib. Milano n. 367 del 19/11/2014  IT11086080964