• Home
  • Home
  • Mostre
  • FuturDome presenta Lea Porsager, Andrea Bocca e Fos (Thomas Poulsen)

FuturDome presenta Lea Porsager, Andrea Bocca e Fos (Thomas Poulsen)

In via Giovanni Paisiello 6 e nella chiesa di San Celso in corso Italia 37 a Milano, tra l’8 e il 12 settembre FuturDome inaugura e presenta al pubblico tre interventi espositivi e performativi dedicati a tre diversi artisti: Lea Porsager, Andrea Bocca e Fos (Thomas Poulsen).

futurdome presenta lea porsager andrea bocca e fos thomas poulsen mostra milanoATU XIV ART’ di Lea Porsager

In omaggio al vuoto che ha segnato Milano, Il 9 settembre (giorno di inaugurazione), e fino al 15 dicembre, viene reso pubblico da FuturDome, il più esteso intervento installativo mai realizzato da Lea Porsager. L’opera si intitola ATU XIV ‘ART’ (alchimia) e si tratta di un’opera monumentale che sovverte i fenomeni fisici come gli effetti di gravità e parallasse, valorizzando il rapporto tra spazio e vuoto, come campi di battaglia di forze invisibili. Il tutto sarà documentato nella prossima pubblicazione retrospettiva di Porsager, pubblicata da Mousse Publishing in occasione dell’inaugurazione della sua mostra personale al Moderna Museet di Stoccolma, a novembre 2020.

A cura di Atto Belloli Ardessi e Ginevra Bria

FuturDome

via Giovanni Paisiello 6 - 20131 Milano

Orari: dal 10 al 12 settembre 2020: ore 15 - 19.30; dal 16 settembre: da mercoledi a sabato, ore 16 - 19.30

Ingresso gratuito

Ukiyo di Andrea Bocca

Ukiyo è un percorso che dal 10 settembre al 15 dicembre, con inaugurazione il 9 settembre, ha luogo negli attici di FuturDome e presenta una nuova serie di sculture di Andrea Bocca, posizionate nelle stanze come punti geografici e di orientamento. L’artista ha ragionato su aree e superfici suddivise in fasce architettoniche, i corridoi d’entrata diventano spazi di passaggio, tra un prima e un dopo: canalizzatori di spazio e tempo. Andrea Bocca, con il proprio lavoro incorpora l’isolamento della parte più alta e luminosa di FuturDome, ispirandosi a Hiroshige (1797-1828), grande maestro del paesaggio giapponese e mette in atto un processo scultoreo di pittura idealizzante, mediante l’utilizzo di colori, rossi, blu e grigi sfumati che emergono e trovano la tridimensionalità nei volumi principali degli ambienti.

A cura di Atto Belloli Ardessi e Ginevra Bria

FuturDome

via Giovanni Paisiello 6 - 20131 Milano

Orari: dal 10 al 12 settembre 2020: ore 15 - 19.30: dal 16 settembre: da mercoledi a sabato, ore 16 - 19.30.

Ingresso gratuito

Small White Man di Fos

Fos (Thomas Poulsen) invece, per la prima volta in Italia, presenta l’8 settembre negli spazi della chiesa di San Celso e il 12 settembre da FuturDome, la sua performance Small White Man. Con una serie di rituali legati all’improvvisazione, l’artista sviluppa un concerto all’interno del quale le frequenze immateriali della musica interagiscono con diversi oggetti, creando elegie simultanee. Un intervento architettonico temporaneo che trasformerà gli spazi in veri studi di registrazione. Utilizzando 190 metri di viola Divina, colore 692 e 984, Fos andrà a costruire una stanza temporanea, in cui nel corso di quattro giorni, prenderà vita il suo progetto musicale in corso e registrerà il suo secondo album.

A cura di Atto Belloli Ardessi e Ginevra Bria

Performance:

mercoledì 8 settembre 2020, ore 19 - 22

Chiesa di San Celso

Corso Italia 37 - Milano

sabato 12 settembre 2020, ore 19 - 22

FuturDome

via Giovanni Paisiello 6 - Milano

Ingresso gratuito

Leggi anche:

Orientarsi con le stelle. La mostra alla Casa Museo Boschi Di Stefano

Sotto il cielo di Nut. Egitto divino al Museo Archeologico di Milano

Milano, Duomo evacuato: egiziano armato prende in ostaggio vigilante ma viene arrestato

Copyright © 2006 - 2020 MilanoFree.it, testata registrata Trib. Milano n. 367 del 19/11/2014  IT11086080964