• Home
  • Home
  • Mostre
  • Nudi. le opere di Ren Hang in mostra al Centro per l’arte contemporanea Luigi Pecci

Nudi. le opere di Ren Hang in mostra al Centro per l’arte contemporanea Luigi Pecci

Come vi abbiamo già detto nei giorni scorsi, il Centro per l’arte contemporanea Luigi Pecci di Prato è regolarmente aperto. Dopo la fase di chiusura dovuta all’emergenza Covid-19 si da’ il via alla ripresa delle attività espositive con la mostra dedicata al fotografo e poeta cinese Ren Hang.

nudi le opere di ren hang in mostra al centro per arte contemporanea luigi pecciLa mostra si intitola Nudi e vede la curatela di Cristiana Perrella. Sono esposte una selezione di circa 90 fotografie accompagnate dalla documentazione del backstage di uno shooting dell’artista nel Wienerwald nel 2015, oltre a un’ampia selezione di libri fotografici.

Nonostante le sue fotografie fossero ritenute in Cina pornografiche e sovversive, Ren Hang non si è mai considerato un artista politico, La sua ricerca artistica si fonda sul corpo, sull’identità e sulla sessualità, su un nuovo rapporto uomo-natura, che vede protagonista una nuova gioventù cinese, libera e ribelle.

I suoi “Nudi” appaiono su un tetto tra i grattacieli di Pechino, in una foresta di alberi, in uno stagno tra fiori di loto, in una vasca da bagno con pesci rossi che nuotano o in una stanza spoglia. I loro volti sono quasi sempre impassibili, i loro corpi sono piegati in pose innaturali.

Nelle composizioni compaiono oggetti di scena assurdi e al tempo stesso evocativi come pavoni, cigni,, serpenti, mele, ciliegie, fiori e piante. Sebbene sia visibile l’esposizione di organi sessuali, le fotografie di Ren Hang non hanno facile definizione: sono scottanti e intrise di un senso di mistero, connotate da un’eleganza formale che complessivamente le fa’ apparire poetiche e melanconiche.

 

Le figura immortalate, con corpi esili, dalla pelle bianchissima e capelli neri diventano forme scultoree in cui l’identificazione del genere non ha importanza. Il loro fine è quello di rompere tabù, sfidando la morale tradizionale che ancora governa la società cinese.

Ren Hang

Il fotografo, nato nel 1987 a Chang Chun, ha studiato Comunicazione all’Università di Pechino. Dopo l’interruzione degli studi ha proseguito il suo percorso come autodidatta, mettendo a punto, con un uso crudo del flash e fotocamere digitali a basso costo, lo stile che gli ha permesso di rendere la sua arte differente e riconoscibile per affermarsi fuori dal suo paese.

Tra le sue mostre principali segnaliamo la collettiva FUCK OFF 2 al Groninger Museum nel 2013, curata da Ai Weiwei, la personale nel 2017 al FOAM di Amsterdam e quelle alla Maison de la Photographie a Parigi e a C/O a Berlino, nel 2019.

Ren Hang  ha pubblicato il suo lavoro in diversi libri autoprodotti a bassa tiratura. Accanto alle sue fotografie ha sviluppato anche una produzione poetica che ne condivide temi e toni con versi che sono diventati un altro strumento per infrangere i tabù sociali ed esplorare al tempo stesso i temi della vita, della morte e del desiderio. Ren Hang, era affetto da una grave depressione e nel 2017 si è tolto la vita a Pechino.

Ren Hang. Nudi

4 giugno – 23 agosto 2020

Centro per l’arte contemporanea Luigi Pecci di Prato

Viale della Repubblica, 277 – Prato

Orari: dal giovedì alla domenica dalle 12:00 alle 20:00,
Ingresso intero: 7€; ingresso ridotto: 5€

L'entrata alla altre mostre del Centro Pecci rimane gratuita fino al 31 luglio

Leggi anche:

Truly. Una personale di Fabio Viale nei luoghi simbolo della città

La fase 3 della Cultura: riparte anche la Fondazione Prada

Tutti i dati in crollo. Sotto quota mille gli ospedalizzati. Solo 62 nuovi positivi.

Copyright © 2006 - 2020 MilanoFree.it, testata registrata Trib. Milano n. 367 del 19/11/2014  IT11086080964