Il Segreto di Piazza Fontana

piazza fontanaDomani, 28 maggio 2009, alle ore 14.30 presso la sede di Piazza Fontana del Monte dei Paschi di Siena (sede storica della Banca Nazionale dell'Agricoltura, ovvero il luogo dell'attentato) - in piazza Fontana 4 - si terrà la conferenza stampa di presentazione del volume di Paolo Cucchiarelli IL SEGRETO DI PIAZZA FONTANA (Ponte alle Grazie), in libreria da domani.

Insieme all'autore, Paolo Cucchiarelli, discuteranno delle tesi inedite del libro e risponderanno alle domande dei giornalisti:

- Giovanni Pellegrino, già presidente della Commissione Stragi, attualmente presidente della provincia di Lecce.
- Rosario Priore, ex giudice istruttore dei processi Moro, Ustica e sull'attentato a Giovanni Paolo II, oggi magistrato di Cassazione.
- Federico Sinicato, rappresentante legale dell'associazione dei familiari delle vittime di piazza Fontana


Il segreto di Piazza Fontana

piazza fontana targa strage milano

Ponte alle Grazie

Finalmente la verità sulla strage: le doppie bombe e le bombe nascoste, Pinelli, Calabresi, Feltrinelli, i servizi deviati e quelli paralleli, la DC, il PCI, la NATO e gli Stati Uniti. Il racconto tragico e sconvolgente del pasticciaccio che ha ammalato l'Italia.

12 dicembre 1969, il nostro venerdì nero. In un Paese che dopo il fascismo e la guerra civile si credeva innocente, quattro esplosioni lacerano il pomeriggio invernale, una a Milano e tre a Roma. Per la più grave, alla Banca nazionale dell’agricoltura di piazza Fontana a Milano, moriranno in diciassette. I feriti sono in tutto centocinque. Comincia la strategia della tensione, comincia la stagione dei sotterfugi e delle manipolazioni, della corruzione e dei soprusi: la stagione che dura ancora oggi. Leggete, leggete questo libro. La sua serietà, la sua passione per la verità – in un Paese in cui questi sono pregi rari – ha portato l’autore a indagare per dieci anni e a penetrare la cortina di acciaio di un segreto coltivato da tutte le parti politiche. Il segreto indicibile delle doppie bombe, piazzate dagli anarchici e raddoppiate dai fascisti; il segreto delle altre due bombe scomparse e dell’esplosivo utilizzato in quel giorno fatidico; quel che sapeva la DC, quel che sapeva il PCI, quel che sapevano gli USA e la NATO. Un segreto che non salva nessuno. E che spiega anche la tragica morte di Pinelli, Calabresi, Feltrinelli. Dopo troppe assoluzioni, dopo che con l'ultima sentenza i parenti delle vittime sono stati condannati a risarcire le spese processuali, il nostro Pasticciaccio finalmente si sbroglia, in un libro che riserva tanti colpi di scena quante sono le sue pagine. Un libro che, ci auguriamo e crediamo, contribuirà a riscrivere un pezzo della storia d’Italia: perché l’Italia merita, oggi, una storia migliore.

Copyright © 2006 - 2020 MilanoFree.it, testata registrata Trib. Milano n. 367 del 19/11/2014  IT11086080964