• NEWS
  • FINCHE' MORTE NON CI SEPARI: Storia di Mario Daghini e della moglie ebrea Frankas Fruma

FINCHE' MORTE NON CI SEPARI: Storia di Mario Daghini e della moglie ebrea Frankas Fruma

  • Roberto Daghini

Mario Daghini, era nato a Milano il 2-11-1902, di famiglia povera, era figlio di Giuseppe e Clementina Pezza. Come lavoro faceva l'imbianchino. Iscritto prima al Partito socialista e poi comunista, fece attività politica,, collaborando anche con L'UNITA'. Condannato per piccoli reati, tra cui oltraggio a pubblico ufficiale, venne schedato nel novero dei sovversivi.mario daghini giornata memoria

Nel 1930 gli fu negato il passaporto per la Francia. Espatriato grazie a documenti falsi ottenuti dal fratello Carlo, anche lui antifascista schedato, raggiunse Parigi lo stesso anno. Appena arrivato prese contatto con i fuoriusciti italiani, tra cui Terraccini e Rovida. Per la sua attività politica venne espulso dalla Francia nel 1932. Giunto in Belgio, ripara a Barcellona dove aderisce al Fronte unico (1934).

Anche in questo caso le autorità lo cacciarono dal paese. Rientrato a Parigi, sposerà con rito civile il 6-2-1935 l'ebrea Lituana di Kaunas, FRANKAS FRUMA, e autorità italiane acconsentirono a registrare il matrimonio anche in Italia. Con l'occupazione nazista, iniziarono i rastrellamenti, la moglie fu arrestata nel marzo 1943. doveva essere portata a Drancy e poi a Auschwitz. Mario riuscì a farla liberare convincendo le autorità che era cittadino di un paese ancora alleato della Germania quindi amico. Consapevole del pericolo, inoltra alle autorità fasciste una nuova richiesta di passaporti, per portare la moglie a Milano. Anche stavolta gli furono negati. Solo con la caduta del fascismo e solamente alla moglie, nel luglio 1943, fu concesso, tramite il valico di Bardonecchia di raggiungere Milano, dove rimase nascosta in casa del fratello Paolo, fino alla liberazione, salvata da morte sicura.

Mario riuscirà a raggiungerla solo nel 1947. Ancora considerato "COMUNISTA PERICOLOSO" le restrizioni gli furono tolte solo nel 1954. La sua amata FRUMA morirà a Milano il 28-10-1964. Dopo una vita vissuta da perseguitato, l'8-10 1974 la raggiungerà.

Fonti:

ACS (Archivio centrale dello stato) Casellario politico centrale fascicolo : Mario Daghini

R.DAGHINI : I fratelli Daghini: storia di due antifascisti milanesi.

Stato civile di Milano : atti di morte Mario Daghini e Frankas Fruma.

Archivio: Croce rossa Arolsen, scheda Frankas Fruma.

Copyright © 2006 - 2021 MilanoFree.it, testata registrata Trib. Milano n. 367 del 19/11/2014  IT11086080964