Modificato il testo del Codice di Diritto Canonico: cosa cambia

Papa Francesco con la Costituzione Apostolica "Pascite gregem Dei", ha ritenuto opportuno modificare alcune sanzioni di diritto canonico. Il Codice di Diritto Canonico è costituito dall'insieme delle norme giuridiche espresse dalla Chiesa Cattolica, con lo scopo di regolare l'attività dei fedeli e delle strutture ecclesiastiche nel mondo.

papa francesco

Vediamo allora quali sono queste modifiche e di specificarne il motivo.

  • Passano da "delitti contro obblighi speciali" a "delitti contro la vita, la dignità e la libertà dell'uomo". Il riferimento è al delitto di abuso sessuale su minorenni o adulti vulnerabili e ai reati di pedo-pornografica. Saranno altresì perseguibili i fedeli laici che godono di una dignità o svolgono un ufficio o una funzione nella Chiesa.
    Mi pare una modifica necessaria e, rispetto alla prima dicitura, meglio chiarisce il delitto. Sono, queste, azioni davvero degradanti e umilianti, sia per chi le riceve sia per chi le compie, che meritano attenzione e vigilanza e che devono essere perseguite immediatamente.
  • Violazione del segreto pontificio. Entra nel Codice, mentre prima era definita da un provvedimento speciale.
  • Registrazione di confessioni. Ritengo il provvedimento quanto mai opportuno dato il tema delicato che una confessione comporta.
  • L'abbandono illegittimo del ministero. È giusto che chi lo compie ne risponda.
  •  L'omissione dell'obbligo di eseguire una sentenza o decreto penale. Ritengo che se l'omissione non abbia valide ragioni di coscienza, è giusta la pena.
  • L'omissione di dare notizia della commissione di un reato. Vale quanto detto sopra.
  • L'alienazione di beni ecclesiastici senza le prescritte consultazioni o i reati patrimoniali connessi per grave colpa o grave negligenza nell'amministrazione. In fondo sono beni che appartengono a tutto il popolo, ed è più che doveroso evitare speculazioni o azioni improprie.
  • Chi trae illegittimamente profitto dell'elemosina della Messa. È giusto che sia considerato un reato, infatti, chi dona l'elemosina la dona per la carità o i bisogni della Chiesa, o anche per un motivo specifico, ed è più che doveroso che si rispettino le motivazioni del donatore. Questo illecito rientra nei delitti contro i sacramenti.
  • Altro delitto contro i sacramenti è il reato canonico di ordinazione sacerdotale di una donna. La "punizione" è assai pesante, infatti, recita: " Sia colui che ha attentato il conferimento del Sacro Ordine ad una donna, sia la donna che ha attentato la recezione del Sacro Ordine, incorre nella scomunica latae sententiae, ossia in automatico, riservata alla Sede Apostolica; inoltre il chierico può essere punito con la dimissione dallo stato clericale. Già esisteva nel testo delle "Normae de gravioribus delictis", ovvero: norme per reati gravi, già stabilito anche dal "decreto generale della Congregazione per la Dottrina della Fede", però adesso entra a far parte del Codice di Diritto Canonico. Non ritengo che questa presa di posizione sia un atto di misoginia, ma che debba trovare spiegazione nella teologia; è un discorso complesso che non è possibile esaurire in un breve articolo. 

Il Papa scrive ancora: "il pastore è chiamato ad esercitare il suo compito col consiglio, la persuasione, l'esempio, ma anche con l'autorità e la sacra potestà, giacché la carità e la misericordia richiedono che un Padre si impegni anche a raddrizzare ciò che talvolta diventa storto". Parole senza dubbio condivisibili, che trasporto anche ai padri ed educatori laici, che spesso, purtroppo, cedono ad un buonismo deleterio e diseducativo.

Precisa ancora papa Francesco in merito a questa innovazione: "è stato seguito il principio di ridurre i casi nei quali l'imposizione di una sanzione è lasciata alla discrezione dell'autorità, così da favorire nell'applicazione delle pene l'unità ecclesiale, specie per delitti che maggiore danno e scandalo provocano nella comunità". Un principio a mio avviso necessario e utile.

La revisione entrerà in vigore l' 8 dicembre, festa dell'Immacolata Concezione.

Copyright © 2006 - 2021 MilanoFree.it, testata registrata Trib. Milano n. 367 del 19/11/2014  IT11086080964