• NEWS
  • Solo silenzio e sguardi vuoti. Riflessioni dell’artista e scrittore Roberto Bombassei

Solo silenzio e sguardi vuoti. Riflessioni dell’artista e scrittore Roberto Bombassei

“Perché quasi niente quanto la guerra, e niente quanto una guerra ingiusta, frantuma la dignità dell'uomo.” ORIANA FALLACI

La guerra è una brutta e malefica bestia che gira il mondo.

Un mostro, brutto da definire, brutto da identificare.

Perché è un mostro che nasce e che viene generato dalla mancanza di coscienza.

La guerra bisogna combatterla in tutte le maniere?

Si, ovvio. Ma se uno viene a casa mia a fare la guerra, beh, io devo pur difendermi. Quindi l’unica guerra accettabile è quella per difendere la propria libertà e la propria terra.

Ma ne vale la pena a combattere per la propria patria?guerra ucraina pexels matti 1128454

Perché la guerra non è altro che la continuazione della politica fatta con altri mezzi. Una politica malata, fatta di gente con poca coscienza, con poco spessore morale ed etico.

Dobbiamo imparare a dire no. E una parola composta solo da due lettere ma molto più importante del sì. Il no è un potere “salvatico”. Tutto quello che è contrario alla nostra coscienza di uomo dovrebbe essere un no.

Oggi la gente assimila informazioni come se fosse  una spugna, riempendosi di acqua sporca, attraverso mass media, televisione  ma soprattutto dai social che ricordo essere il mezzo più falso per imparare, come ben definito dalle seguenti parole del nostro leggendario Umberto Eco ”i social media danno diritto di parola a legioni di imbecilli che prima parlavano solo al bar dopo un bicchiere di vino, senza danneggiare la collettività. Venivano subito messi a tacere, mentre ora hanno lo stesso diritto di parola di un Premio Nobel. È l’invasione degli imbecilli.

Impariamo a porci la domanda, quando sentiamo notizie “questa notizia va contro la mia coscienza?”. Se la risposta è sì allora bisogna gridare un NO a tutto quello che ci dicono.

Le motivazioni che hanno spinto il sovietico a invadere l’Ucraina è che essa è, secondo Lui, sempre stata russa.

Vorrei ricordare al caro sovietico e a tutti quelli che si sentono storici che l’Europa è sempre stata del Sacro Romano Impero.

Quindi, come la mettiamo? Dobbiamo anche Noi invadere?

Come disse Gianni Agnelli al suo chef Giulio “prepara testicoli di toro stasera che abbiamo a cena un importante ospite. Quando inviti un coglione devi sapere come trattarlo”.

Ecco, dovremmo fare così anche noi.

Copyright © 2006 - 2021 MilanoFree.it, testata registrata Trib. Milano n. 367 del 19/11/2014  IT11086080964