• EVENTI
  • La Befana in Moto 2023 ad Abbiategrasso

La Befana in Moto 2023 ad Abbiategrasso

Per venerdì 6 gennaio il Motoclub Abbiategrasso, con il patrocinio del comune, propone il  24° tradizionale Moto Raduno e Incontro di La Befana in moto, come conclusione delle festività natalizie.donna moto pexels alejandro martinez 14383264

Il ritrovo è previsto dalle ore 8 in Piazza Vittorio Veneto per l'iscrizione e la consegna del materiale di cortesia, con il contributo di partecipazione di 5 euro.

Prima tappa sarà il Parco degli Alpini, seguiranno il  Parco dei Bersaglieri, l’Anfas, Piazza Castello e alle 12 l’arrivo in Piazza Vittorio Veneto.

Tutti i partecipanti riceveranno un simpatico Gadget ricordo dell'evento e durante tutto il percorso saremo gentilmente assistiti dalla  polizia locale.

II ricavato della manifestazione sarà devoluto in beneficenza a Anfas Abbiategrasso, inoltre tornerà anche la Polenta e Vin Brulé del Gruppo La Cappelletta.befmoto 2023

Ma raccontiamo qualcosa della bella Abbiategrasso.

Il nome di Abbiategrasso ha origini celtiche e latine, che attraverso le traslitterazioni portarono al nome attuale e potrebbe derivare dal celtico Abia, che vuol dire acqua, + atis, che è una desinenza toponomastica, per cui la traduzione sarebbe Luogo d'acqua, che corrisponde alle caratteristiche del territorio, dato che la città sorge vicino al Ticino e sulla cosiddetta Linea dei Fontanili, punto di incontro di tutti i corsi sotterranei della Pianura Padana.

In epoca romana il nome celtico fu  latinizzato probabilmente in Habiate, a cui fu aggiunto il titolo di Grassus, dovuto al fatto che il borgo si trovava in quella che era denominata la valle grassa, cioè quella  fertile, poi  i due nomi vennero uniti nell'attuale Abbiategrasso.

Abbiategrasso venne abitata dai Celti a partire dal VI secolo a.C., cui seguirono dal IV secolo le popolazioni galliche che provenivano da oltralpe.

Lo sviluppo maggiore si ebbe solo in epoca romana, soprattutto lungo la via mercantile  della Strada Mercatorum, oggi Strada Mercadante) che scorreva parallela al fiume Ticino.

Alla caduta dell'Impero Romano d'Occidente il territorio della città subì le invasioni barbariche, con l'insediamento dei Longobardi, e successivamente, una serie di  razzie delle tribù ungare tra la fine del IX secolo e l'inizio del X secolo.

Nel 1034 Abbiategrasso era un possedimento dell'Arcivescovo di Milano, a cui si deve la costruzione del primo avamposto di difesa, distrutto nel 1162 dalle truppe di Federico Barbarossa.

Il borgo, che fino a quell'epoca si era sviluppato attorno alla Chiesa di San Pietro, fu poi esteso verso sud, dove nelle vicinanze dell'attuale Chiesa di Santa Maria Vecchia sorgeva un piccolo castello.

Negli anni successivi Abbiategrasso divenne parte dei domini del contado della città di Milano, governata dai Visconti, che iniziarono una serie di opere per fortificare il borgo e nel 1381 venne costruito il Castello Visconteo, collocato nel centro della città.

Con il XV secolo Abbiategrasso giocò un ruolo determinante nella presa del potere da parte di Francesco Sforza, che durante l'assedio di Milano, decise di accanirsi sulla città per attaccare indirettamente il capoluogo lombardo, deviando le acque che giungevano ai suoi mulini e privandola dei rifornimenti di grano.

Dopo la caduta del domino sforzesco Abbiategrasso fu parte della resistenza e della capitolazione del contingente francese contro l'avanzata dell'imperatore Carlo V, che entrò in città nel 1533 per raggiungere il Ducato di Milano, che passò sotto l'influenza spagnola.

Negli anni del Risorgimento Abbiategrasso fu luogo di incontro durante gli avvenimenti della Prima Guerra di Indipendenza Italiana, ricoprendo così un ruolo strategico per l'Unità d'Italia e in quel periodo la città cominciò la sua crescita grazie allo sviluppo industriale.

Potrebbe interessarti leggere anche:

Festa dell'Epifania e della Befana: le differenze

La storia della Befana

Befana: dolci sì, ma quali? Guida alla calza

Pin It

Copyright © 2006 - 2023 MilanoFree.it, testata registrata Trib. Milano n. 367 del 19/11/2014  IT11086080964