• Home
  • CRONACA
  • 5.000 decessi, forse è il caso di dire Stop a Sanremo sui balconi

5.000 decessi, forse è il caso di dire Stop a Sanremo sui balconi

balconiForse all'inizio era stata una trovata carina ma ora, dopo aver superato quota 5.000 decessi e 50.000 contagiati di Coronavirus, credo sia venuto il momento di smetterla di improvvisarsi cantanti da balcone e alimentare stupide parodie da caricare sui social per un minuto di notorietà o peggio per far ridere i propri amici. 

Chi in famiglia ha perso qualcuno, magari nemmeno una di quelle che molti media chiamano "persona anziana con patologie pregresse", non ci trova proprio nulla di divertente a vedere video di strimpellatori seriali o imitatori di Achille Lauro. Non nascondiamoci dietro il fatto che è necessario sdrammatizzare ed essere positivi perché queste sceneggiate invece lasciano il tempo che trovano.

A Bergamo, giusto per fare un esempio, nessuno canta e balla come se dovesse prepararsi a salire sul palco dell'Ariston appena finita la pandemia. Qui si piangono i propri cari e i conoscenti che sono usciti di casa a bordo di un'ambulanza per non tornare mai più. C'è una tristezza infinita nei cuori di chi ha perso qualcuno a causa di questo infido virus invisibile e l'Italia intera dovrebbe stringersi attorno a chi vive questo dramma evitando invece certi stupidi siparietti che rendono spesso ridicoli ma soprattutto insensibili chi li fa. 

C'è chi probabilmente ancora non ha capito nullo del momento storico che stiamo vivendo e forse mai lo capirà e ha pensato bene di sfruttare questa occasione per esibirsi con i vicini, fare lo spiritoso e lanciarsi in repertori più o meno improvvisati coprendo con il rumore il silenzio di chi soffre davvero. In questo momento c'è bisogno di tutt'altro che ironizzare sul Coronavirus e trasformare il balcone di casa in un palco dell'Ariston. Il rispetto per chi sta combattendo questa guerra nelle case e negli ospedali prima o poi passerà anche dai balconi e per i cervelli di chi si unisce al gregge? Quando mai una catastrofe viene quasi festeggiata con gare canore dalle proprie case?

Se proprio c'è cosi' tanta gente che non riesce a svangare la giornata, la Croce Rossa cerca volontari!!! 

Leggi anche:

Coronavirus Lombardia, nuova ordinanza: da 22 marzo rilevazione temperatura e stop corse

Emergenza Coronavirus: le scuole italiane lanciano la Fiaccolata Virtuale

Copyright © 2006 - 2020 MilanoFree.it, testata registrata Trib. Milano n. 367 del 19/11/2014  IT11086080964