• NEWS
  • Cosa cambia nella santa Messa dal 29 novembre 2020

Cosa cambia nella santa Messa dal 29 novembre 2020

Con domenica 29 novembre 2020, prima domenica d'Avvento, cambiano alcuni contenuti della Messa, ecco quali e la motivazione.messa chiesa foto cicala

La prima modifica è relativa alla preghiera del Padre nostro, infatti, con la formula attuale si dice: "non ci indurre in tentazione", mentre con la nuova si dovrà dire: "non abbandonarci alla tentazione". Questo cambiamento non è frutto di un improvviso capriccio, ma di una più logica e sensata affermazione teologica. Nessuno vuole cambiare la preghiera insegnata da Gesù, ci mancherebbe altro, ma dare una giusta interpretazione anche alla traduzione letterale che per secoli è stata tradotta come "inducere", da cui "indurre" in italiano. Se riflettiamo attentamente non può essere Dio a gettarci nella tentazione (conoscendo bene tra l'altro le nostre debolezze), ma la tentazione può venire solo dal "principe di questo mondo" ossia Satana, è lui che cerca di indurci a compiere il male (presentandocelo tra l'altro travestito da bene). Ecco che allora quel "non abbandonarci alla tentazione" è riconoscersi deboli e chiedere l'aiuto di Dio che ci dia una mano per non cadere nella tentazione.

Un'altra aggiunta è dove si recita: "e rimetti a noi i nostri debiti" verrà aggiunto il congiuntivo "anche", quindi si dirà: "come anche noi li rimettiamo ai nostri debitori". Quel "anche" mi pare diventi più impegnativo.

All'inizio della Messa si recita il Confiteor- Confesso, ebbene sino a oggi si pregava così:  Confesso a Dio onnipotente e a voi fratelli" da domenica 29 si dovrà dire così: "Confesso a Dio onnipotente e a voi fratelli e sorelle". Mentre prima con il termine fratelli si intendeva riferirsi anche alle sorelle, ora si è messa la distinzione che meglio precisa. Questa modalità riguarda ogni passaggio della Messa in cui ci si rivolge ai fratelli; ecco un altro esempio nella recita di questa preghiera: "E supplico la beata sempre Vergine Maria, gli Angeli, i Santi e voi, fratelli e sorelle...".

Altre piccole variazioni sono le seguenti: nella recita del Gloria al punto in cui si dice "pace in terra agli uomini di buona volontà" diventerà: "pace in terra agli uomini, amati dal Signore", questo per dare una più giusta interpretazione al verbo greco eudokéo.

Alle invocazioni "Signore pietà" e "Cristo pietà" si prediligerà le invocazioni greche, ossia: "Kýrie eléison" e "Christe eléison".

Sempre nei riti di introduzione il verbo "sia", usato sino ad oggi, sarà coniugato al plurale divenendo "siano", quindi si reciterà la preghiera così: "la grazia del Signore nostro Gesù Cristo, l'amore di Dio Padre e la comunione dello Spirito Santo siano con tutti voi".

Anche dopo il Santo vi è un cambiamento, infatti, invece di recitare: Padre veramente santo, fonte di ogni santità, santifica questi doni con l'effusione del Tuo spirito", il sacerdote dirà: "veramente santo sei Tu, o Padre, fonte di ogni santità. Ti preghiamo: santifica questi doni con la rugiada del Tuo Spirito". (probabilmente il riferimento al termine rugiada è usato in senso figurato come ristoro invisibile e silenzioso dell'anima. Si legge nel Salmo 110,3 e nel libro dei Proverbi al numero 19,12).

All'inizio del racconto sull'istituzione dell'Eucaristia, le nuove parole sono queste: "consegnandosi volontariamente alla passione" anziché "offrendosi liberamente alla passione". (qui è sicuramente questione di sottigliezza linguistica).

Nella preghiera eucaristica dove si diceva: "prese il calice del vino", si dirà "prese il calice colmo del frutto della vite". Qui la sottigliezza è più profonda.

Sempre il sacerdote durante la preghiera eucaristica al posto di "beati gli invitati alla cena del Signore", dirà "beati gli invitati alla cena dell'Agnello". Qui è chiaro il riferimento a Gesù Agnello di Dio.

Nella preghiera di intercessione per la Chiesa al posto di "con tutto l'ordine sacerdotale" si dirà: "con i presbiteri e i diaconi". Indubbiamente più completo.

Al termine della Messa ci si congedava con "scambiatevi un segno di pace", che diverrà "scambiatevi il dono della pace". Giusto a mio avviso sottolineare che il gesto di pace deve essere un dono e non un semplice gesto.

Infine, la nuova formula del congedo diventa "andate e annunciate il Vangelo del Signore". Precisazione attinente a ogni cristiano che si dice tale.

Potrebbe interessarti anche:

Gli Abiti liturgici e il loro significato

 

Copyright © 2006 - 2021 MilanoFree.it, testata registrata Trib. Milano n. 367 del 19/11/2014  IT11086080964