• NEWS
  • Guerra in Ucraina, Intervista al professore italiano dell’Università di Kiev Valerio Vermiglio

Guerra in Ucraina, Intervista al professore italiano dell’Università di Kiev Valerio Vermiglio

vermiglio

La guerra in Ucraina non si ferma: l’esercito russo, dopo gli attacchi alle maggiori città del territorio, non ha voluto risparmiare nemmeno la capitale.

Ingenti carri armati sono entrati a Kiev e la situazione si sta facendo sempre più pericolosa.

Valerio Vermiglio, 42 anni, di Isola Delle Femmine, in provincia di Palermo, sposato con Irina, ha tre bambini,  insegnante  presso l’ università statale della capitale,  vive a Kiev  dal 2015.

E’ successo quello che non doveva accadere : l’esercito russo è riuscito ad entrare  anche  a Kiev.

Tu vivi da tanto tempo nella capitale.

Come state vivendo questa situazione?

Ieri è stata la serata più dura fino ad ora.

Verso  mezzanotte e mezza, ho visto sparare sotto casa, nel quartiere di Vinogradar, la periferia Nord est della città, proprio il punto da dove arrivano i carri armati russi.

Ci sono tanti che   distribuiscono  fucili  e munizioni  ai civili ucraini, ormai per strada  tante sono le persone armate.

 Ieri sera dal cielo  sono partiti dei razzi, si sentivano   esplosioni fortissime, c’è molta paura anche perché ci sono voci che i russi vorrebbero attaccare la centrale elettrica.

Però voglio sottolineare sono solo voci, spero che non accada mai qquesto.

Nella città si notano le forze armate russe?

Ormai i russi sono dentro la città ,  entrando dal lato nord , sono entrati nel cuore di Kiev,  lo dimostra anche il fatto che si sente combattere tanto.

Ieri sera abbiamo sentito  sparare  fino a mezzanotte e mezza, poi dopo  il silenzio della notte , questa mattina verso le  ore 7,30 ancora colpi di artiglieria, un palazzo è stato distrutto da bombardamenti  ,  non ci sono stati morti per fortuna perché i civili  erano tutti  nascosti  nei rifugi.

Quali sono i rifugi dove ci si nasconde?

C’è ne sono molti come per esempio  la metropolitana ,  gli scantinati.

Ieri sono andato in un grande garage sotterraneo  vicino casa mia.

I governi occidentali stanno emanando  delle prime sanzioni.

Cosa ne pensi di questo, potrebbero  fermare l’esercito di Putin?

Non sono un politico e quindi non ho  le competenze  per rispondere a questa domanda.

Dal mio punto di vista non credo  che possano essere tanto  utili.

Al di fuori delle sanzioni,  sarebbe fondamentale  agire attraverso la diplomazia, solo in questo modo si riesce a risolvere qualsiasi problema.

Putin ha detto che quando il presidente  Ucraino   Volodymyr Zelens'kyj se ne andrà, in quel momento finirà di combattere.

Credi che succederà questo?

Non credo assolutamente.

 Il  presidente sta dimostrando coraggio, ha detto che non andrà mai via e poi il popolo ucraino lo sta appoggiando.

I cittadini ucraini sono un popolo orgoglioso  ed unito che non si arrenderà facilmente.

In questo momento vorresti  rimanere oppure andare via?

Se avessi la possibilità di andare via , lo farei subito.

Ho solo un pieno di benzina, qui non c’è più carburante, non ho la possibilità di arrivare in Polonia.

In questo momento muoversi è molto pericoloso , con tre bambini non mi sento di iniziare un viaggio cosi difficile.

Cosa ti aspetti in questi giorni?

Sperò che L’Occidente intervenga  dando la possibilità a tanti civili di scappare e mettersi in salvo.

Non è giusto che devono morire  tante persone innocenti.

Quando finirà questo conflitto?

Spero che finisca al più presto, la guerra è causa  soltanto  di vittime innocenti.

Noi non odiamo i russi, vogliamo solo la pace!

Copyright © 2006 - 2021 MilanoFree.it, testata registrata Trib. Milano n. 367 del 19/11/2014  IT11086080964