• Home
  • CRONACA
  • Nascere ai tempi del coronavirus: #andràtuttobene, col pannolino arcobaleno

Nascere ai tempi del coronavirus: #andràtuttobene, col pannolino arcobaleno

Neonato a Milano vestito d'arcobaleno e speranza
È nato a Milano il bimbo della fotografia che sta facendo il giro del web: sul pannolino del piccolo è stato disegnato un arcobaleno e sopra campeggia la scritta "Andrà tutto bene", il semplice e nel contempo forte messaggio emblema ormai della lotta contro il coronavirus

#andràtuttobene

Il bimbo prematuro del reparto di Terapia Intensiva Neonatale si trova all'ospedale Niguarda, sul suo pannolino è stato disegnato un arcobaleno e sopra compare la scritta "Andrà tutto bene".
Domenica sera, la fotografia del neonato a pancia in giù è stata postata su Facebook da NEO Associazione Amici della Neonatologia del Niguarda, un gesto che invita tutti a sperare e a rallegrarsi per la forza e la bellezza della vita. Lunedì mattina l'Ospedale Niguarda ha iniziato la settimana postando proprio quell'immagine sottolineando il buon auspicio che comunica.

Più forte di tutto c'è la vita

Preziosa la didascalia che accompagna l'immagine: "Più forte di tutto c’è la vita! ❤️ Benvenuti a tutti i bimbi che stanno nascendo in questi giorni difficili... Siete la prova che la vita #nonsiferma!"
Bimbo nato a Milano

Nascere al tempo del coronavirus 

Com'è nascere al tempo del coronavirus? In un altro ospedale milanese, parliamo della Mangiagalli - per antonomasia l'ospedale di Milano dove nascono i bambini - una persona posta all'entrata avverte che per accedere occorre prima disinfettare le mani e misurare la febbre.
Al piano terra c'è il triage di isolamento per i casi sospetti. Nel reparto di ginecologia sono isolate le sale parto e i anche i posti letto. Qui le donne positive al coronavirus vengono rassicurate dal personale sanitario: "Non ci sono rischi per il feto, il virus non passa attraverso la placenta". 
"Il momento è difficile, è un po' come essere in guerra. La sensazione per tanti è quella" spiega la responsabile dell'area ostetrica Stefania Zorzan. Solo i padri possono vedere i bambini. Non fanno entrare nonni o altri parenti. E i genitori dei neonati - orgogliosi come in ogni epoca - ora sono provvisti di mascherina.
 

 
 
Potrebbero interessarti anche:

Copyright © 2006 - 2020 MilanoFree.it, testata registrata Trib. Milano n. 367 del 19/11/2014  IT11086080964