• Storia
  • Miracoli eucaristici in Italia: i fenomeni straordinari inspiegabili

Miracoli eucaristici in Italia: i fenomeni straordinari inspiegabili

Sicuramente alcuni avranno già sentito di fatti ritenuti prodigiosi avvenuti durante una celebrazione eucaristica, come ad esempio quella di un'ostia che si mette a sanguinare, orbene di questi miracoli ve ne sono stati parecchi, tra l'altro tutti documentati, e in questo articolo ve ne voglio svelare alcuni, se pur sinteticamente nel suo racconto, lasciando al lettore il piacere di documentarsi più dettagliatamente.miracoli pexels gerhard lipold 6043062

È giusto precisare che per "miracolo" si intende un fenomeno straordinario che avviene al di fuori delle normali leggi della natura, e che la scienza umana non sa spiegare. Mentre per eucaristia, che è uno dei sacramenti della Chiesa Cattolica e il momento più solenne della santa Messa, si evidenzia che sotto le specie del pane e del vino, vi sono realmente il corpo, il sangue, l'anima e la divinità di Gesù Cristo.

L'ostia che si trasforma in carne

Il primo miracolo di cui vi voglio raccontare è probabilmente il più famoso accaduto nel nostro Paese è quello detto di Lanciano. Questa è una città in provincia di Chieti che risale intorno al 1200 a.C. In una sua chiesa, oggi dedicata a San Francesco d'Assisi, nel 750, durante una cerimonia eucaristica, un monaco basiliano, ossia seguace della regola monastica di san Basilio, dopo aver celebrato la consacrazione del pane e del vino, iniziò a dubitare che in quell'ostia vi fosse realmente la presenza di Cristo. Immediatamente dopo questo pensiero dubitativo l'ostia usata dal monaco si trasformò subito in carne, mentre il vino presente nel calice, si tramutò in sangue. Ovviamente si gridò al miracolo, e subito venne steso, su pergamena, il fatto. Pergamena poi rubata da due monaci e di cui si è persa la traccia. Dopo il fatto miracoloso, le reliquie furono messe al sicuro. Nel corso del tempo furono eseguite parecchie ricognizioni, e precisamente nel 1574, nel 1637, nel 1770, nel 1886 e nel marzo del 1971. Quest'ultima, eseguita, in maniera rigorosa, dal docente di anatomia e istologia patologica dottor Odoardo Linoli, il quale nella sua relazione scrisse che "la carne miracolosa è veramente carne costituita da tessuto muscolare striato del miocardio" e che "il sangue miracoloso è vero sangue umano con certezza assoluta e indiscutibile".

L'ostia che sanguina

Il secondo miracolo cui voglio accennare è quello accaduto a Bolsena, siamo in provincia di Viterbo, e precisamente nella chiesa di Santa Cristina. Questa volta è un sacerdote boemo a dubitare della reale presenza di Gesù nella consacrazione, e per questo supplicava, nelle sue orazioni, che Iddio gli desse una prova, affinché la sua anima si desse pace. Decide allora di fare un pellegrinaggio a Roma per pregare sulla tomba degli Apostoli. Durante il viaggio si ferma a Bolsena, e chiede la possibilità di celebrare la Messa; cosa che gli viene concessa. Al momento della consacrazione nello spezzare l'ostia, iniziò a sgorgare sangue tanto da impregnare il corporale e anche i paramenti del sacerdote, con alcune gocce che andarono a cadere sul pavimento. Dopo lo sbigottimento suo e dei fedeli presenti alla Messa, subito si gridò al miracolo. Il prete allora decise di recarsi nella vicina Orvieto, dove vi era, in quel momento, papa Urbano IV, al quale raccontò l'accaduto e chiese perdono per la sua poca fede. Sappiamo, per gli scritti lasciati, che il Papa decise di fare una indagine per accertare i fatti, e quando gli portarono l'ostia, il corporale e i lini dell'altare bagnati di sangue non gli rimase che constatare la verità dell'accaduto.

Le ostie intatte dopo l'incendio

Il terzo miracolo è quello accaduto nella cittadina di Morrovalle, siamo in provincia di Macerata. Nella chiesa di San Francesco, tra il 16 e 17 aprile del 1560 si sviluppò un furioso incendio che distrusse tutti gli arredi tanto che della chiesa rimanevano solo le macerie fumanti. Dieci giorni dopo alcuni volontari si diedero da fare per scavare tra le macerie e ripulire ciò che restava dalla furia del fuoco e con sorpresa si accorsero che il tabernacolo, che era in legno, la pisside e il corporale dove erano custodite le ostie erano completamente bruciati e fusi, mentre le sacre ostie erano tutte completamente intatte. L'allora papa Pio IV volle fare degli accertamenti, ma alla fine dichiarò che sicuramente si trattava di un miracolo poiché erano gli stessi fatti a dimostrarlo.

Mi sono limitato a questi tre, ma ve ne sono altri, che lascio comunque al lettore il piacere di scoprire.

Copyright © 2006 - 2021 MilanoFree.it, testata registrata Trib. Milano n. 367 del 19/11/2014  IT11086080964