• Home
  • Trasporti
  • A Ida, Pierangela e Alessandra, in ricordo delle vittime dell’incidente ferroviario di Pioltello

A Ida, Pierangela e Alessandra, in ricordo delle vittime dell’incidente ferroviario di Pioltello

Con un messaggio sulla loro pagina Facebook il Comitato Pendolari Cremaschi ricorda Ida, Pierangela e Alessandra morte nell’incidente di Pioltello il 25 gennaio 2018.ricordo vittime pioltello

Sono passati 4 anni, ma il tempo si è fermato in quella stazione.

Il messaggio di cordoglio

É doloroso e quasi impossibile spiegare cosa voglia dire prendere un treno e mai arrivarci a Milano.

La sensazione di vuoto è entrata prepotentemente nelle case delle famiglie delle vittime, dei feriti e nel vissuto di ogni pendolare.

Da allora niente è come prima:

  • paura: nel riprendere un treno, negli scossoni sugli scambi, nel non sentirsi sicuri.
  • rabbia: perché mentre si va al lavoro o a scuola con un mezzo pubblico non si possono perdere 3 donne e avere decine di feriti in quella che crediamo non sia una tragica fatalità
  • determinazione: nel ricordare quanto è successo e chiedere giustizia piena.
  • sgomento: negli occhi e nel cuore di 800mila pendolari che oggi chiedono nuovamente attenzione perpetua e risposte concrete.

Senza un cambio di rotta, la morte di Ida, Pierangela e Alessandra oltre a essere ingiusta e dolorosa diventa vana e ancora più lacerante.

Guada il video qui: https://www.youtube.com/watch?v=Vtm7l8Ib5po

{youtube}v=Vtm7l8Ib5po{/youtube}

Matteo Piloni, consigliere regionale, commenta " 25 gennaio. Quattro anni fa l’incidente ferroviario di Pioltello, nel quale si contarono 46 feriti e in cui persero la vita tre donne: Alessandra Pirri, Ida Milanesi e Pierangela Tadini.

Questa mattina sono stato alla stazione di Capralba per ricordarle, davanti alle pietre d’inciampo posate in loro memoria.

Un anniversario che è doveroso e necessario ricordare. Per non dimenticare le vittime e per rinnovare ogni sforzo per migliorare il servizio ferroviario della nostra Regione. Per garantire la sicurezza e la qualità del viaggio dei nostri pendolari e dei lavoratori".

Francesco Ninno, rappresentante del Tpl: "“Sono passati quattro anni dall’incidente di Pioltello. Da quella mattina tre di noi non ci sono più: Ida, Alessandra e Pierangela non sono state vittima di una fatalità. Occorre che i viaggiatori tornino al centro del TPL e che la sicurezza divenga la mission delle imprese ferroviarie.”

Copyright © 2006 - 2021 MilanoFree.it, testata registrata Trib. Milano n. 367 del 19/11/2014  IT11086080964