• Home
  • Trasporti
  • I comitati denunciano il disastro del Trasporto Ferroviario, ma Il Presidente Fontana di Regione Lombardia non risponde

I comitati denunciano il disastro del Trasporto Ferroviario, ma Il Presidente Fontana di Regione Lombardia non risponde

Circa una settimana fa  i comitati della Lombardia (24) e i rappresentanti dei viaggiatori avevano scritto una lettera al Presidente Fontana di Regione Lombardia per chiedere le dimissioni dell’assessore ai trasporti Claudia Maria Terzi.

A fronte di questa richiesta c’è stato un rumoroso silenzio da parte del Presidente sia a mezzo stampa sia sulla sua pagina Facebook.

L’assessore Terzi ha concesso un’intervista su un giornale nella quale ha parlato di una task force da avviare sul servizio. In alcuni passaggi ha accusato i comitati di fare politica.

Comunque le Associazioni dei pendolari non demordono e a fronte della mancata risposta del Presidente  e della replica dell'Assessore , rilanciano con la seguente lettera denunciando l'ennesima mancanza di rispetto da parte delle istituzioni regionali di governo"  nei confronti dei viaggiatori.

 

                                                                                                             Al Presidente della Regione Lombardia

Dott. Attilio Fontana

Milano, 24 gennaio 2022

Oggetto: Decadimento del Servizio Ferroviario Regionale

Egregio Presidente Fontana,

a una settimana dall'invio della lettera dei comitati non ci è giunta alcuna risposta da parte Sua in merito al quesito che ponevamo sul costante degrado del SFR lombardo a partire dal 2018.

Registriamo però da più parti diversi tentativi per giustificare il disastro del servizio di Trenord nascondendosi dietro la pandemia.

Chiudiamo subito la questione osservando che, per giustificare le difficoltà di Trenord, vengono dichiarate percentuali di assenze per positività e quarantene che sono diverse volte superiori sia a quelle medie della popolazione italiana sia a quelle medie registrate nelle aziende italiane di qualsiasi settore merceologico.

Qualcosa sicuramente non va in questi dati, comunque non ufficiali, oltre che nella stessa Trenord.

Presidente, chiediamo a Lei di conoscere quale sia l'effettivo stato dell'organico di Trenord rispetto al fabbisogno per il ripristino pieno del servizio ai livelli del 2018.

Ribadiamo e sottolineiamo però che non contestiamo gli effetti, comunque transitori ed evidentemente sovrastimati, della pandemia, ma il progressivo smantellamento del servizio in atto dal 2018, ben due anni prima che si manifestasse la pandemia, e su questo richiamiamo l'Assessore alle Sue Responsabilità.

I Rappresentanti dei Viaggiatori e dei Comitati dei Pendolari Lombardi

Seguono firme

Associazione MI.MO.AL.

Associazione Pendolari Novesi (APN)

Comitato Pendolari Bergamaschi

Comitato Pendolari Como – Lecco

Comitato Pendolari Cremaschi

Comitato Pendolari della Bassa Bergamasca

Comitato Pendolari del Meratese

Comitato Pendolari di San Zenone al Lambro e comuni limitrofi

Comitato Pendolari Gallarate – Milano

Comitato Pendolari Lecco-Milano

Comitato Pendolari linea S6 Milano – Novara

Comitato Pendolari Romano

Comitato Pendolari Busto Nord

Comitato Trasporti Lecchese

Comitato Viaggiatori e Pendolari della Milano – Asso

Comitato Viaggiatori S9/S11

Comitato Viaggiatori TPL Nodo di Saronno

Coordinamento Provinciale Pendolari Pavesi

InOrario: Comitato Pendolari linea Mantova Cremona Milano

PendolariComo

Pendolino della Brianza – S7 Besanino

Rappresentanti della linea Domodossola – Arona – Milano

#sbiancalafreccia

UTP – Utenti del Trasporto Pubblico Regione Lombardia

Rappresentanti Regionali dei Viaggiatori:

Franco Aggio

Giorgio Dahò

Stefano Lorenzi

Francesco Ninno

Sara Salmoiraghi

 fontana non risponde ai pendolari

 

Copyright © 2006 - 2021 MilanoFree.it, testata registrata Trib. Milano n. 367 del 19/11/2014  IT11086080964