• Home
  • Trasporti
  • Orario Trenord settembre 2021: Lecco perde il diretto più frequentato per Milano Centrale

Orario Trenord settembre 2021: Lecco perde il diretto più frequentato per Milano Centrale

Nuova tegola per i pendolari che troveranno un’amara sorpresa dal primo settembre. Uno dei treni più utilizzati dai viaggiatori  il Colico-  Milano Centrale  verrà definitivamente dirottato a Milano Rogoredo.

Come di consueto, vengono adottate decisioni all’insaputa dei Rappresentanti dei viaggatori e dei Pendolari.

La locomotiva d’Italia viaggia indisturbata. I viaggiatori/pendolari sono diventati sudditi.

Riportiamo il comunicato integrale.

ORARIO TRENORD SETTEMBRE 2021

LECCO PERDE IL DIRETTO PIU’ FREQUENTATO PER MILANO CENTRALE

Stando a quanto pubblicato nell’orario estivo di Trenord, dal prossimo primo settembre uno dei treni più frequentati del lecchese, il Colico-Milano Centrale ex 2555 (ora 2855), con orario di partenza da Colico alle 6.09, da Lecco alle 7.19 e ora di arrivo alle 8.07, verrà permanentemente dirottato a Milano Rogoredo.

Già nel novembre scorso abbiamo denunciato questa modifica arbitraria ed ingiustificata alla programmazione del servizio sulla nostra linea, che, nelle intenzioni di Regione Lombardia, di Trenord e di RFI, prevede anche analoga sorte per le altre tre corse dei cd “direttini” tra Lecco e Milano (RE Lecco-Milano delle 8.21, nonché RE Milano-Lecco delle 17.50 e delle 18.48).

Come noto, la modifica all’orario era stata congelata da Regione in conseguenza dell’emergenza sanitaria, il che costituisce obiettivamente una ammissione implicita del disagio cui verranno sottoposti i pendolari ed i viaggiatori utenti del treno, peraltro senza alcuna mitigazione in termini riduzione dei tempi di percorrenza, che vengono invece aumentati, o di potenziamento dei servizi.

L’ex 2555 è dunque la prima vittima dell’Accordo Quadro siglato tra Regione Lombardia, responsabile della programmazione del Servizio Ferroviario Regionale, e RFI (DGR 9 marzo 2020, BURL n. 12 del 16 marzo 2020), all’insaputa del Territorio interessato nonché dei Rappresentanti dei Viaggiatori e dei Pendolari, nonostante la L.R. 6 e il Contratto di Servizio con Trenord prevedano il loro coinvolgimento mediante incontri regolari, con cadenza almeno due volte all’anno, in merito alla programmazione dei servizi.

In conseguenza di tale Accordo, le corse tra Colico, Lecco e Milano dei “direttini” le tracce, ovvero gli “slot” che vengono assegnati per accedere alla stazione Centrale, non sono più state prenotate a RFI da parte di Regione Lombardia, e quindi il gestore dell’infrastruttura, non essendo più vincolato a mantenerle disponibili per il servizio regionale, ne può disporre commercialmente.

Probabilmente in Regione Lombardia non sanno che la domanda di mobilità col treno dal nostro territorio verso Milano è storicamente molto forte, mentre non sarebbero certamente sufficienti i treni da 8 pezzi o i Coradia da Sondrio/Tirano per trasportare i viaggiatori ed i pendolari. D’altra parte, i diretti di Tirano non possono essere potenziati né con un numero di vagoni maggiore, né con carrozze a due piani per via dei noti limiti infrastrutturali della linea. Ciò senza contare il fatto che moltissimi pendolari del lecchese non disporranno più di un treno che consenta di raggiungere il capoluogo in orario congruente con quello del luogo di lavoro.

Il cambio del capolinea a Milano costituisce quindi, di fatto, un arretramento di circa 20 anni nei servizi tra Lecco e Milano, che diverranno più lenti e meno efficaci in un momento in cui il Paese si appresta alla ripartenza e si vuole avviare verso la transizione ecologica e la decarbonizzazione.

Non solo, ma dato che occorrerà ancora molto tempo perché il COVID venga definitivamente debellato, la modifica dell’orario ferroviario finirà per aumentare l’affollamento sugli altri treni e, di conseguenza, aumentare le probabilità di contagio, in aperto contrasto con le direttive governative che prevedono il rinforzo del servizio di TPL sino al termine dell’emergenza sanitaria.

Torniamo nuovamente a chiedere non solo a Regione Lombardia di rivedere l’accordo-quadro con RFI, ma anche ai Consiglieri regionali, al Presidente della Provincia di Lecco ed ai Sindaci rappresentanti del territorio di compiere tutte le azioni possibili volte ad assicurare il mantenimento dei treni diretti tra Lecco e Milano Centrale.

Lecco, agosto 2021
trenord pixabay

Copyright © 2006 - 2021 MilanoFree.it, testata registrata Trib. Milano n. 367 del 19/11/2014  IT11086080964