Gita fuori porta in bici ai Laghi Carcana

  • Paola Fontana

laghi carcanaCi sono due fattori concomitanti e positivi: l’arrivo della bella stagione e l’allentamento del lockdown. Per gli amanti della bici, anche quelli occasionali, è dunque il momento di tirar fuori le due ruote e approfittare delle giornate di sole per salire in sella.

ll territorio intorno a Milano è infatti ricchissimo di luoghi incantevoli, spesso poco conosciuti e facilmente raggiungibili. Tra questi i Laghi Carcana, situati  presso il paese di San Pietro Cusico, frazione di Zibido San Giacomo, all’interno del Parco Agricolo Sud Milano, che distano dal capoluogo meneghino una quindicina di km e sono una meta ideale per una gita fuori porta domenicale in bici.

veduta laghi carcanoI Laghi Carcana nascono nel 1975 a seguito del recupero di alcune cave utilizzate per l’attività di estrazione di sabbia, ghiaia e argilla. Il complesso è oggi costituito da quattro laghetti in un contesto naturale piacevole e tranquillo, con fiori, prati e boschi. Presentano aeree attrezzate, con tavoli da picnic e postazioni barbeque, e sono molto frequentati anche dagli amanti della pesca sportiva. 

Il percorso si snoda principalmente su piste ciclabili immerse nella natura; la prima parte segue il naviglio Pavese per poi inoltrarsi in stradine secondarie in aperta campagna e in mezzo alle risaie dove si è accompagnati dal gracchiare delle rane. Lungo la strada si incontrano anche numerose cascine che producono riso, salumi, formaggi, confetture, carni e verdure. Tra queste la bellissima cascina Ca’ Granda, che risale al trecento, sede dell’azienda agricola Zipo dove anche in questo periodo è possibile acquistare latte, yogurt, formaggi e riso.

L’itinerario passo passoveduta alzaia naviglio pavese

  • Si parte da milano imboccando l'Alzaia Naviglio Pavese, la strada che, uscendo dalla città, scorre sul lato destro del canale; si passa la Conca Fallata, Cascina Venina e si passa alle spalle del centro commerciale Milanofiori. Giunti al ponticello vicino alla rotonda di Rozzano inizia la pista ciclopedonale.
  • Si passa sotto al ponte della tangenziale ovest e si costeggiano dei vecchi stabilimenti in prossimità dell’Ex Genio Civile Guardiano Idraulico.
  • Appena oltrepassato il Museo Salterio si raggiunge un ponticello e si svolta a destra su Via Zibido seguendo il cartello cascina Luisa: qui inizia una strada in mezzo ai campi, a tratti pista ciclabile a tratti strada asfaltata.
  • Si svolta a destra in viale Longarone e si attraversa il cavalcavia sull'autostrada Milano-Genova
  •  Si svolta poi sulle strisce pedonali a sinistra in via S.Giacomo e, sulla sinistra si trova la cascina Ca Grande e l’azienda agricola ZIPO
  • Dalla cascina si torna indietro fino all'incrocio tra via San Giacomo e Via Longarone, si prosegue fino ad una curva dove una freccia indica il percorso “Camminando sull’Acqua”, una strada leggermente sterrata che passa in mezzo alle risaie. 
  • Si raggiunge infine via XXV aprile, asfaltata, che porta al piccolo abitato di San Pietro Cusico. Poco prima dell’abitato a destra si imbocca la via Privata Laghi Carcana che arriva all’ingresso dell’area dei laghi.

Paola Fontana

Il cammino di Sant'Agostino: 25 tappe da Monza a Vimercate

Copyright © 2006 - 2020 MilanoFree.it, testata registrata Trib. Milano n. 367 del 19/11/2014  IT11086080964