• Home
  • BAMBINI
  • Ancora a casa: si protrae ancora questa pausa scolastica

Ancora a casa: si protrae ancora questa pausa scolastica

  • Maestra Nadia

scuola pixaE così, si protrae ancora questa inaspettata pausa scolastica... E ora, ammettiamolo, la scuola “on life” ci manca... eccome!!!

Questa chiusura forzata, l’attivazione della didattica a distanza, utile e preziosa per carità ma nuova, mi fa venire in mente le parole che tante, tante volte ho ripetuto ai miei alunni, negli anni, quando si creava qualche situazione di tensione o di difficoltà relazionale: c’è un aspetto dello “stare a scuola” che non può essere sostituito da nessun precettore privato, da nessuna didattica digitale.. è l’imparare a stare insieme e a crescere insieme, quell'educazione civica che deve attraversare ogni momento della giornata scolastica, e che nelle scuole a tempo pieno vive la sua massima espressione.

Il nostro “gruppo classe” ci manca, con tutte le sue dinamiche, con tutte le sue caratteristiche e le sue modalità di partecipare ai vari momenti della giornata, quelli didattici e quelli ricreativi, guidati con professionalità e impegno dagli insegnanti, che ne sono parte integrante.

Ma come già detto nel precedente articolo, “persone piene di risorse quali siamo”, non lasciamoci scoraggiare e, nello stesso tempo, “manteniamo la calma”.

Noi insegnanti potremo cogliere l’occasione per sperimentare nuove forme di didattica, tenendo conto che siamo tutti in una situazione nuova, che richiederà quindi tempi di avvio e di assestamento anche per le famiglie, che si troveranno a dover seguire e gestire modalità diverse proposte dalle varie scuole frequentate dai figli.

Sarà richiesta a tutti quindi, in questo periodo, una dose supplementare di pazienza, bella sostanziosa direi! Quella pazienza che accompagna le nostre giornate di genitori, di figli, di lavoratori, di cittadini... quella pazienza, che non dimentichiamolo, è teologicamente definita “la virtù dei forti”.

Cerchiamo di trasmettere serenità e fiducia ai nostri figli, con molta semplicità: la scansione della giornata in momenti che si ripetono quotidianamente aiuta a vivere tutto con maggior tranquillità. Anche i compiti possono essere collocati in fasce orarie concordate in modo che la gestione delle attività scolastiche non occupi tutto il tempo disponibile: nella nostra famiglia abbiamo introdotto l’ora per la musica, l’ora per la ginnastica (in casa!), l’ora per la lettura, oltre al gioco libero, ai giochi da tavolo, ai film insieme e alla cucina di cui vi avevo già parlato...

A volte il tempo sembra non bastare per tutto quello che vorremmo fare: le giornate incredibilmente volano, pur restando in casa...!!!

Cogliamo questa occasione  per scoprirci vicini in un modo nuovo...uniti nell'intento di superare questa difficoltà,  e sperimentando una nuova coscienza civica.

Buon proseguimento... supereremo questo momento INSIEME!... E ANDRÀ TUTTO BENE!!!

Maestra Nadia

Leggi anche:

Scuola 4.0: come si sta affrontando l’emergenza Coronavirus

Copyright © 2006 - 2020 MilanoFree.it, testata registrata Trib. Milano n. 367 del 19/11/2014  IT11086080964