• Home
  • NEWS
  • Precari e aspiranti docenti scrivono al Ministro Azzolina: quale sarà il nostro futuro?

Precari e aspiranti docenti scrivono al Ministro Azzolina: quale sarà il nostro futuro?

scuola pixabayIl mondo della scuola sta vivendo uno dei momenti più difficili tra didattiche a distanza, incertezza sul rientro, rischio di chiusura delle paritarie.

Tra le varie problematiche "rimaste irrisolte" c'è quella del mondo dei precari della scuola e dei nuovi inserimenti, che aspettavano l'aggiornamento della Terza fascia per le graduatorie ferme al 2017

Con il decreto approvato, sembra che siano state chiuse le porte a queste possibilità.

Riportiamo di seguito le lettere che sono pervenute in redazione, che rappresentano le voci di chi sta dedicando la propria vita all'insegnamento.

LETTERA DEI PRECARI DELLA SCUOLA AL GOVERNO E ALLA POLITICA: RIAPRITE LA TERZA FASCIA

Siamo un gruppo di docenti e poniamo alla vostra attenzione un tema scottante ormai all'ordine del giorno: la scuola. 

Si parla tanto di didattica a distanza nella quale tutti ci siamo cimentati e sperimentati col massimo dell'impegno e del buon senso; un'avventura quotidiana fatta di dedizione ed affrontata con l'amara consapevolezza che la stragrande maggioranza dei docenti non potrà rivedere la propria classe a settembre.

Ci riferiamo ai docenti precari, un esercito che vive nell'incertezza del proprio futuro professionale motivato solo dalla passione per l'insegnamento.

L'ennesima stangata è arrivata con l'approvazione del decreto cura Italia, con cui il ministro Azzolina ha affermato l'impossibilità di riaprire la terza fascia.

Abbiamo dovuto cimentarci con mezzi personali: computer, connessione internet, smartphone, in una situazione emergenziale che chiedeva di proseguire nel sacrosanto diritto sancito nella nostra Costituzione: il diritto all'istruzione.

Lo abbiamo fatto mettendo sul tavolo le strategie più consone, per venire incontro alle esigenze di ogni singolo alunno lavorando oltre tempo senza chiedere nulla in più.

Alla luce di questo ci chiediamo perché non sia possibile attuare e mettere in campo gli strumenti necessari per la riapertura della terza fascia?

Le modalità si possono trovare pur in una situazione emergenziale qual è quella attuale, ma noi docenti precari abbiamo per l'ennesima volta la sensazione di essere stati lasciati da parte, come l'ultimo dei problemi malgrado quello della scuola sia diventato un nodo centrale del nostro paese, specie in questo importante frangente storico.  

Nella situazione di necessità ci è stato chiesto di intervenire subito e lo abbiamo fatto, ci saremmo aspettati una tempestiva strategia anche per venire incontro ad uno nostro sacrosanto diritto cioè quello al lavoro.

Perché non riaprire la terza fascia e consentire a tutti di aggiornare una posizione lavorativa ormai statica e ferma da ben tre anni?

Ci hanno insegnato che "la scuola non si ferma" che "volere è potere".

Abbiamo studiato, ci siamo formati, abbiamo speso soldi per prendere le certificazioni richieste dal ministero... e ora...? Ora siamo diventati carne da macello!

Non è solo la battaglia dei precari storici o di chi in un modo o nell'altro già lavora, ma è la battaglia di un'Italia disunita, che non crede nelle menti giovani, perché a questi ultimi gli viene negata la possibilità d'inserimento.

Quindi, le possibilità in Italia sono dettate dalla fortuna o vale ancora la meritocrazia?

Il Ministero dell’Istruzione, ha deciso di disattendere legittime aspettative, giustificando questa scelta con la "scusa" che i mezzi attraverso i quali vengono aggiornate tali graduatorie siano vetusti, pertanto di difficile digitalizzazione in pochi mesi.

Questa spiegazione si contrappone all'accorata richiesta della stessa Ministra Azzolina, la quale in più occasioni ha invitato i docenti ad auto formarsi per usare le piattaforme online, di modo da garantire con i propri mezzi a disposizione, il servizio di Didattica a Distanza.

Nella decisione del governo risiede una grande responsabilità: quella di aver chiuso nel cassetto il diritto al lavoro, ma anche quello all'istruzione perché il futuro dell'Italia e quindi l'istruzione è anche e soprattutto nelle mani di noi docenti precari e di giovani neolaureati.

Ci aspettiamo un emendamento del decreto, ci aspettiamo che il governo attui una strategia consona per la riapertura della terza fascia.

Aspettiamo strategie e risposte nella convinzione che la tecnologia ci aiuterà anche in questa occasione. Noi le abbiamo date in tempi record ora le aspettiamo da voi! 

DOCENTI DI TERZA FASCIA

Comunicato: I giovani chiedono a gran voce: nuovi inserimenti per la terza fascia... e per aggiornamenti. Lottiamo uniti per i nostri diritti!

Siamo giovani, neolaureati, ITP, Docenti del Gruppo Uniti X la terza Fascia che ad oggi conta 2000 utenti, che avrebbero voluto inserirsi in terza fascia, per alcuni la prima volta, in occasione dell’aggiornamento delle graduatorie previste per l’anno 2020/2021.

Il blocco delle graduatorie è un duro colpo ai precari lavoratori della scuola.

Con due righe il governo taglia i diritti di milioni di lavoratori che ancora credono nel futuro e nel proprio paese.

Siamo ragazzi e ragazze, giovani, padri e madri di famiglia, che amano questa professione e vogliono lavorare. Abbiamo dovuto fare enormi sacrifici e spendere tantissimi soldi per aggiornarci e formarci ai fini dell’apertura della graduatoria 2020/2021.

Noi giovani, dopo un percorso universitario, con due lauree, dottorati di ricerca, master, 24 cfu, certificazioni di ogni genere, conseguite per la suddetta graduatoria, non abbiamo avuto nessuna possibilità d’inserimento, dato che ci è stato letteralmente negato. Alcuni di noi, è dal 2017 che attendono l’occasione per poter entrare nel mondo della scuola.

Per un giovane che ha come aspirazione l’insegnamento ritardare ancora di un anno l’apertura delle graduatorie di terza fascia significa rimandare ancora un sogno per il proprio futuro, e ancor di più significa dare adito ad un sistema spregiudicato, quale quello delle MAD (messa a disposizione). Dato che il sistema Mad ad oggi, sembra non essere chiaro e oggettivo.

Il mancato aggiornamento delle graduatorie di terza fascia per molti precari di vecchia data significa anche, e soprattutto, non poter cambiare provincia. Molti infatti da tre anni insegnano in una provincia lontana dal luogo di residenza, dove spesso hanno famiglia e affetti come nel caso di precari.

Cos’altro volete inventarvi? Avere due lauree, dottorati di ricerca, master, 24 cfu, certificazioni, può bastare per avere accesso all’insegnamento scolastico oppure dobbiamo scontarla ancora?

Quindi, le possibilità in Italia sono dettate dalla fortuna o dalla meritocrazia?

Non riaprire la terza fascia significa legittimare una mobilità degli insegnanti e non, a costi onerosi senza alcuna tutela. I precari con le Mad vengono chiamati con sistemi opachi, con graduatorie spesso discrezionali e attraverso favoritismi, conoscenze dirette e per periodi così brevi da non garantire la possibilità di un sostentamento dignitoso e neanche l’accesso alla NASPI.

Nonostante la nostra preparazione, oggi ci ritroviamo nel limbo del precariato e della disoccupazione grazie ad un ministro che non ci ascolta, non vuole saperne, non si mette nei panni di chi suda ogni giorno a testa alta e con trasparenza per sopravvivere.

Per anni abbiamo dovuto subire scelte scellerate a causa di una instabilità di governo che va avanti da anni e cambia le carte in tavola ad ogni mandato. Per anni abbiamo dovuto abbassare la testa e rincorrere le nuove direttive dei vari governi. Siamo stanchi. Ora basta! Siamo cittadini attivi, parte di questa società, e come tali oggi ci presentiamo.

Ora vediamo i nostri diritti, quelli inviolabili della Costituzione, disconosciuti. Per questo citiamo gli articoli 4 e 35 della nostra Costituzione:

Art.4: “La Repubblica riconosce a tutti i cittadini il diritto al lavoro e promuove le condizioni che rendano effettivo questo diritto ...”

Art. 35 “ La Repubblica tutela il lavoro in tutte le sue forme ed applicazioni...”.

Ora che i nostri diritti sono negati, siamo pronti per lottare a dimostrazione del fatto che, se lasciamo in mano del silenzio la nostra causa, rischiamo di fare il gioco di chi ci vuole schiavi e senza alcuna dignità.

Tutto questo sta accadendo anche a causa di coloro che, con la propria indifferenza, ci stanno lasciando in completa solitudine.

Gran brutto paese è l’Italia: non solo per colpa dei nostri governanti ma anche a causa degli italioti, quelli che guardano solamente il proprio orticello voltando le spalle al proprio vicino in caso di bisogno, ad eccezione di quando possono trarne benefici di qualsiasi natura, che siano economici o di immagine.

In Italia, l’insegnamento è un mestiere sottopagato e con una considerazione molto bassa, provocato dalla struttura burocratica soffocante e non meritocratica che imbriglia anche le migliori intenzioni. Spesso le mortifica. Se gli insegnanti non gettano la spugna, è per la vocazione che nutrono e le soddisfazioni che ricevono dai ragazzi.

Non siamo marionette, siamo persone comuni che combattono per i propri sogni e ambizioni.

Il ministro vuole che i docenti debbano fare didattica a distanza obbligatoriamente, attraverso una trasformazione nel modo di insegnare, e noi dovremmo adeguarci e voi no? Ma non doveva essere l'era della digitalizzazione?

La provincia autonoma di Bolzano ha stabilito che la procedura per l'aggiornamento delle graduatorie e i nuovi inserimenti avverrà, pena l'esclusione, tramite pec o mail ordinaria, allegando copia del documento di riconoscimento. La disparità con i nostri colleghi del Trentino Alto Adige non è accettabile, ma soprattutto la questione mette in luce che esiste la possibilità, reale e concreta, di una procedura agile e snella. Quando si vuole agire, non ci sono scuse che reggano.

Chiediamo di riaprire le graduatorie 2020/2021 come previsto dal precedente decreto ed elaborarle tramite procedura Sidi e in forma telematica. Per i nuovi inserimenti possono essere valutate diverse soluzioni, ad esempio il riconoscimento SPID o tramite webcam.

Il disconoscimento dei nostri diritti è ingiustificato in quanto non si comprende la ragione effettiva per cui i concorsi si espleteranno regolarmente, nonostante l’emergenza sanitaria, e la riapertura delle graduatorie no, dato che non è previsto nessun assembramento di persone e potrebbe essere gestito tutto in modalità telematica.

Rammentiamo che questa è l’era della tecnologia. Una tecnologia che fa passi da gigante. Pertanto, è opportuno adeguarsi e aggiornarsi al fine di non rimanere indietro con il rischio di creare ancora più disoccupazione che, per un paese emancipato come il nostro, è  imbarazzante.

Ci chiediamo se questo governo abbia realmente preso in considerazione le nostre richieste!

Gli studenti hanno il diritto di sognare un futuro!

I neolaureati hanno il diritto di essere inseriti in una graduatoria dopo anni di studio, altrimenti non lamentatevi se le menti migliori lasciano l’Italia!

Chi ha una famiglia ha diritto di chiedere l’avvicinamento il cambio di provincia per poter stare vicino ai propri cari!

Gli insegnanti chiamati da MAD hanno diritto di essere tutelati!

I precari hanno diritto di essere stabilizzati!

I docenti hanno diritto di aggiornare la graduatoria, dopo sacrifici onerosi e tempo speso per la formazione!

Gli ITP hanno diritto ad essere riconosciuti!

Noi difendiamo i nostri diritti e non ci arrenderemo se il governo non farà un passo indietro.

Uniti per i nostri diritti!

Saluti da chi non si sente più rappresentato dal proprio governo:

Neolaureati

Studenti Universitari

ITP

Precari storici

Docenti terza fascia

 

 

Copyright © 2006 - 2020 MilanoFree.it, testata registrata Trib. Milano n. 367 del 19/11/2014  IT11086080964