fbpx
  • Dialetto
  • Canzoni popolari milanesi d'autore: Walter Valdi

Canzoni popolari milanesi d'autore: Walter Valdi

Con quest'articolo vi voglio presentare alcuni testi di canzoni milanesi d'autore, in questo caso mi riferisco al cantautore e attore italiano, appassionato di teatro e cabaret, Walter Giovanni Nicola Pinnetti, in arte, Walter Valdi.

Le sue ambientazioni preferite erano quelle della Milano del popolo semplice, dei cortili di ringhiera e della periferia, troppo spesso dimenticata, ma che rappresentava la Milano umile e lavoratrice, e dove trovavano spesso rifugio i malavitosi di serie ci; quelli per intenderci che nove volte su dieci finivano al "Filangieri al nùmer dù", per chi non avesse inteso, è il carcere di San Vittore. In proposito viene in mente la canzone: "faceva il palo nella banda dell'Ortica". (l'Ortica è un quartiere popolare di Milano).

walter valdi canzone milanese

Ma veniamo al motivo dell'articolo, ovvero quello di presentare due o tre canzoni che parlano della nostra bella e sempre attiva Milano.

La prima è un po' nostalgica, nel senso che le parole riportano a una Milano dei tempi passati, e che tra l'altro, almeno per alcune situazioni, anch'io ricordo benissimo, e che ora esiste solo nei libri di storia locale, in qualche poesia o, appunto, nel testo di alcune canzoni di repertorio. Ecco il testo:

    Quand Milan l'era Milan

Le sa el Signor cosa m'è vegnuu in ment

de andà a pensà stasera an'mò ai mè temp,

a quand, tanto temp fà, s'eri on pinella

e l'era piscininna anca Milan!

M'è vegnuu adoss ona grand malinconia

e tanta nostalgia in del pensà...

 

Quand Milan l'era Milan,

Milanin piscinin,

coi palazz e i sò giardin,

moresin, verdesin,

coi navili e i so barcon,

lumagon, buseccon,

coi carrozz e i biroccin!

Quand Milan l'era Milan,

Milanin pastrugnin,

col moletta e l'ortolan,

scigollin, patanin,

l'offellee col ciappacan,

sciabalin, patuscin,

che bellissima Milan!

Se stava ben!

L'era proppi ona delizia!

Tucc bei 'me el so

senza on'ombra de malizia!

Quand Milan l'era Milan

gh'era sì on quaj maraman.

Gh'era el gratta e l'imbrojon,

el ligera e el gargagnan,

ma eren tutti de Milan! 

Milan, mì e tì semm vegnuu grand insemma

e el sann tucc che mì te voeuri ben.

Te voeuri ben inscì come te seet,

con quell che te g'hee avuu e quell che te g'heet.

Donca, sta nò a ciappattela, valà

se gh'hoo la nostalgia del temp andaa.

 

Quand Milan l'era Milan,

Milanin piscinin,

coi palazz e i sò giardin,

moresin, verdesin,

coi navili e i so barcon,

lumagon, buseccon,

coi carrozz e i biroccin!

Quand Milan l'era Milan,

Milanin pastrugnin,

col moletta e l'ortolan,

scigollin, patanin,

l'offellee col ciappacan,

sciabalin, patuscin,

che bellissima Milan!

Se stava ben!

L'era proppi ona delizia!

Tucc bei 'me el so

senza on'ombra de malizia!

Quand Milan l'era Milan

gh'era sì on quaj maraman.

Gh'era el gratta e l'imbrojon,

el ligera e el gargagnan,

ma eren tutti de Milan!

Quand Milan l’era Milan…

Quand Milan l’era Milan!

Una seconda canzone descrive la situazione del manto stradale dove si è aperta una nuova buca, ma il bello, o meglio il disagio, non è solo la buca, ma la trafila burocratica che il nostro pedone si è dovuto assorbire per far presente la situazione e reclamare dell'accaduto per poi provvedere alla sua copertura. Purtroppo ancora oggi a dettare legge è una insulsa burocrazia, per cui prima di coprire una buca ne deve passare di tempo, e intanto...

La canzone si intitola: La busa noeuva. La buca nuova appunto, e dice così:

   La busa noeuva

In de la mia strada gh'è ona busa noeuva,

ona busa noeuva che jer la gh'era nò.

L'hoo minga vista, porca d'ona Eva,

quella busa noeuva e, pamm, son borlaa giò!

 

Me sont incazzaa e hoo dii: "Voo in del Sindich.

M'hann dii de andà a parlà a on sportell.

Sont andaa là e g'hoo dii: Ma come...

gh'è in gir i bus senza cartell?!...

 

In de la mia strada... sì... ona busa noeuva...

ona busa noeuva che jer la gh'era nò...

Me son faa mal tutt chì in su la gengiva,

in de la busa noeuva, e me fa mal an'mò!"

 

El fa: Ma a mì cosa m’importa

de la soa busa?... Cosa gh'entri mì...

Ch'el vaga sù al quint pian, seconda porta:

l'è competenza del reparto “C”

 

Sont andaa sù finna al quint pian de corsa.

Quand son staa sù, dopo, m'hann mandaa giò.

M'hann mandaa giò in d'on altra stanza

e, quand son staa giò, m'hann mandaa sù ancamò!

 

Ghe l'hoo dii a tucc mì: "Gh'è ona busa noeuva,

ona busa noeuva che jer la gh'era nò,

in de la mia strada; bisognaria quattalla,

se nò, porca sidella, doman l'è lì ancamò.

 

Soo proppi nò come la sia,

m'hann faa girà come on merluzz

per trovà quell che poeu el saria

el competent per stoppà i bus.

 

El dis: "Ch'el faga ona domanda,

poeu, dopo, me la porta chì,

cont ona foto bella granda,

formato duu per vintitrii!"

 

E mì hoo scritt giò che gh'è ona busa noeuva,

ona busa noeuva che jer la gh'era nò,

in de la mia strada; ghe voraria ona foto,

ma la mia machinetta l'è rotta e podi nò!

 

Son vegnuu via incazzaa 'me on negher

Sont andaa a cà e l'era an'mo lì.

El passava on ghisa, gh'hoo dii: Ch'el senta!"

L'ha minga vista, l'è andaa denter fin chì.

 

E mì g'hoo dii: 'A l'è ona busa noeuva,

ona busa noeuva che jer la gh'era nò.

Adess ch'el gh'è andaa denter lù che l'è on ghisa,

ch'el vaga e ghe le disa de quattalla giò!

Tattittottirottì Tattittottirottà Tattittottirottirottà!

 

Un'ultima breve canzone che vi presento si intitola "Mì e lu" ed è una parodia che il Valdi vuole fare nei confronti delle ballerine che durante i loro balletti si mettono a cantare con parole di cui si capisce poco o nulla. Dice così:

 

Mì e lu

Me and you we are in two

and four chaps make two cuu.

Its not useful to combact:

fifteen cuu makes thirty chaps.

 

Cosa voeur dì a volte la lingua!

Questa qui è una canzone milanese del '300 che fa...

 

Mì e tu semm in duu

e quatter ciapp fann duu cuu.

E l'è inutil stà a combatt:

 quindes cuu fann trenta ciapp!

Potrebbe interessarti leggere anche:

La Canzon Milanesa: Walter Di Gemma

I Gufi e la canzone milanese

Canzoni popolari milanesi: le più famose 

Dialetto milanese: origini, espressioni e tradizioni

Copyright © 2006 - 2020 MilanoFree.it, testata registrata Trib. Milano n. 367 del 19/11/2014  IT11086080964