Proverbi agricoli e meteorologici

campagna lombarda mfI Contadini, e lo scrivo con la ci maiuscola perché è un lavoro di tutto rispetto, hanno, ma soprattutto avevano la capacità di trarre dal comportarsi di madre natura auspici legati alla meteorologia e non solo, facendo così nascere dei proverbi o dei modi di dire che difficilmente non ci azzeccavano.

Ve ne voglio elencare alcuni.

  • Quattam 'l còo che poeu te foo vedè quell che son bon de fà. È il chicco di grano che dice al contadino di interrarlo, così gli potrà dimostrare il miracolo della germinazione e la ricchezza della spiga.
  • Per voré oeuv a cavagn te devet cambià gaine tùcc i ànn. Significa che se vuoi avere un cesto sempre pieno di fresche uova devi cambiare galline ogni anno e, a quelle più vecchie, riservargli il "piacere" di diventare un buon brodo.
  • La legna tajada cont la luna che la cress la var nagott. Cioè bruciando non fornisce calore, anche se alcuni sostengono che la Luna non ha nessuna influenza sul taglio.
  • Se le cornaggie stànn quiett sora i ramm o che 'l pioeuv o che'l fiocca. Se le cornacchie si ritrovano quiete sui rami, o che piove o che nevica.
  • Da dove el ven el primm tròn la ven l' acquada. Vale a dire che da dove viene il primo tuono viene l'acquazzone.
  • Piantà e innestà l'è mezz lavorà e mezz dormì. È un modo di dire che fa capire di come il contadino, dopo aver piantato e innestato, può andare a riposare poiché adesso penserà madre terra a continuare il lavoro.
  • Se ti te me dee la terza part, mi te doo el doppi trii volt. Questo è quello che il campo, se potesse parlare, direbbe all'agricoltore. La terra è generosa, ecco un altro motivo per cui dobbiamo trattarla bene.proverbi milanesi
  • Se'l fioris a magg se impieniss el sacch, se'l fioris domà en giugn se impieniss el pugn. Se la segale e/o il frumento fiorisce a maggio si riempie il sacco, altrimenti si riempie solo un pugno.
  • El fèn in fior, el trifoeui cont i sò color. Indica il tempo in cui si devono falciare l'erba e il trifoglio.
  • Se'l pioeuv de San Giovann le niscioeule vànn a marsci. Se piove nel giorno della festa di San Giovanni, il 24 giugno, le nocciole marciscono.
  • La vid tajala ben e piantala indove ti te voeuret. La vite viene bene dovunque, purché le talee siano buone e innestate a tempo e luogo.
  • El bottegar el vend domà quell ch'el gh'ha. È un modo per far intendere, soprattutto ai maleducati, che ognuno vende del suo.
  • L' oeuv crud el gh'ha noeuv merit, l' oeuv cott el ne perd vott. È più salutare l'uovo crudo che cotto.
  • On bòn biccerot de vin l'è el baston dè i vecc. Il vino buono, bevuto con avvedutezza, sostiene il vecchio, gli da vigore e lo rende allegro.
  • A sbagascià senza misura, tànt temp se dura minga. È un giusto monito e opposto a quanto detto sopra.
  • O da giovin o da vecc l'è necessari tirà el carrett. Si vuole sottolineare che i momenti difficili possono accadere ad ogni età.

Per questa volta mi fermo qui e, a ben guardare, ai nostri contadini non mancava la saggezza.

Leggi anche:

Copyright © 2006 - 2020 MilanoFree.it, testata registrata Trib. Milano n. 367 del 19/11/2014  IT11086080964