fbpx

Dialogo sull'amicizia: aspetti buoni e da evitare

L'amicizia, un bene talmente prezioso che è raro. Ovviamente mi riferisco all'amicizia vera, profonda, che è cosa ben diversa dalla semplice conoscenza, se pur di lunga durata. Il dizionario etimologico sul termine amicizia riporta:

"affetto vivo e reciproco fra due o più persone". Un aspetto, quello dell'amicizia, davvero importante e significativo nella vita di una persona, e proprio per questo, riprendendo i miei appunti, voglio elencare una serie di "precetti" che caratterizzano l'amicizia. Li divido in due momenti, nel primo sottolineo l'aspetto buono dell'amicizia, nel secondo ciò che è bene evitare in un rapporto di amicizia.amicizia cavallo pix

ASPETTI BUONI DI UNA AMICIZIA

  • Rispetto reciproco. È basilare, se viene a mancare l'amicizia è tarlata.
  • Ascolto e dialogo. Saper ascoltare è indispensabile, attenzione: ho detto ascoltare non sentire, che è ben diverso. Saper ascoltare significa anche saper impostare un dialogo serio e profondo.
  • Accettare i rimandi come aiuto. Un rimando, se fatto col cuore, è segno di amicizia vera, ed ascoltarlo è da persona saggia.
  • Umiltà e riflessione. Un atteggiamento umile è importante, non perché sminuisce, ma perché permette di entrare in se stessi e fare una riflessione più libera e veritiera.
  • Sincerità e schiettezza. Essere sinceri non vuol dire offendere, così come l'essere schietti, ma significa dire semplicemente la verità, ossia la realtà. Ovviamente vanno dette con un atteggiamento amorevole e non per ripicca o per offendere.
  • Incoraggiandosi e coinvolgendosi nel bene. È cosa sicura: il Bene fa bene, e un vero amico può solo volere il vero bene dell'altro, altrimenti è una amicizia farlocca.
  • Essere leali. È un aspetto indispensabile per una vera e salda amicizia.
  • Massima collaborazione. Non solo nei momenti in cui tutto va per il meglio, ma soprattutto quando sorgono delle difficoltà, è proprio lì che si prova il valore della vera amicizia.
  • Capacità di comprensione. Che non vuol dire perdonare tutto con un falso buonismo o pietismo – purtroppo oggi di moda – ma capire, sentire, fare propri i sentimenti dell'altro e aiutarlo ove necessario, con sincerità, schiettezza e amorevolezza.

ASPETTI DA EVITARE IN UNA AMICIZIA

  • Mancanza di lealtà. È sicuramente un comportamento che distrugge una amicizia.
  • Mancanza di rispetto. Un atteggiamento così genera inevitabilmente malumore e risentimento.
  • Pretendere di avere sempre ragione. È una modalità errata poiché esclude una parità, mettendo in auge un aspetto di "comandante e subalterno".
  • Tacere ciò che è giusto dire. Un vero amico non può accettare questo comportamento, è un atto contrario ad una vera e sana amicizia.
  • Evitare di prendere le proprie responsabilità. Magari scaricandole proprio sull'altro/i.
  • Vedere nei rimandi attacchi premeditati. È evidente che un atteggiamento così porta inevitabilmente al conflitto.
  • Fare favoritismi in base a simpatie o convenienze. L'amicizia, se vera, mette da parte questo comportamento meschino.
  • Essere superficiali. Una vera amicizia non può essere superficiale, è più conoscenza.
  • Evitare il confronto. È un modo per non crescere e rafforzare l'amicizia.
  • Il malignare sugli altri. Attenzione bene a questa cattiva modalità, perché chi in tua presenza parla male o spettegola degli altri, con gli altri lo farà di te, e questa non è assolutamente amicizia.
  • Approfittarsi della debolezza dell'altro. Un azione vile e che ripugna ad una vera amicizia.
  • Il fare ripicche. Fare ripicche appartiene a un animo debole e meschino, cosa che non può e non deve esserci in una amicizia vera e leale.
  • Creare complicità negative. Un vero amico non può volere il danno o il male dell'altro, altrimenti è una amicizia minata che, prima o poi, porta a spiacevoli conseguenze.
  • Individualismo e menefreghismo. Due nemici pericolosissimi perché nasca una vera e profonda amicizia.

Questo è tutto, spero di essere stato utile.

Copyright © 2006 - 2021 MilanoFree.it, testata registrata Trib. Milano n. 367 del 19/11/2014  IT11086080964