• Home
  • CRONACA
  • Inascoltato l'appello dell'ABI. Fila per entrare in banca

Inascoltato l'appello dell'ABI. Fila per entrare in banca

fila banca coronavirusScene come quelle viste nei giorni scorsi da assalto ai supermercati, ma questa volta per andare in banca. In barba all'appello dell'Associazione Bancaria Italiana che invitava i cittadini a NON andare in banca, anche se gli sportelli sono aperti con i presidi sanitari, ma di utilizzare il più possibile i servizi online e il bancomat.

Follia pura, si sfoga un dipendente bancario, gente che entra senza mascherine solo per fare un bonifico o pagare una bolletta. Nulla di urgente e fondamentale se poi si pensa che sono tutte operazioni che ormai si possono fare da casa al telefono o al pc.

L'Abi aveva proprio invitato gli anziani che avessero meno confidenza con le tecnologie, a "telefonare in banca per consigliarsi su come risolvere il problema, ma senza uscire di casa".

L'esatto opposto è quello che molte agenzie bancarie si sono trovate: file chilometriche di persone incoscienti che vogliono pagare bollettini o prelevare qualche centinaio di euro alla faccia dell'emergenza in corso.

I sindacati non stanno a guardare e vista la situazione chiedono a gran voce di valutare di chiudere le filiali stesse, se necessario allertando anche le forze dell'ordine segnalando i clienti che disattendono le disposizioni del governo. Ricordiamo che per uscire di casa è necessaria un'Autocertificazione per gli spostamenti e andare a fare un bonifico o chiedere l'estratto conto in banca non è certo una valida ragione e si rischia penalmente.

E' necessario fermare tutta questa mandria di persone che si sposta senza raziocinio, è questo il sentiment comune. Appelli e inviti a restare a casa per contenere il contagio dal Coronavirus non bastano. Questo tipo di comportamento denota irresponsabilità, scarso rispetto delle leggi e di chi ora, negli ospedali, sta lottando per sopravvivere. 

Leggi anche:

M5S Lombardia propone di requisire mascherine alle aziende

Emergenza Coronavirus: l’Unione Europea ci sta aiutando? Un esperto ci risponde

Copyright © 2006 - 2020 MilanoFree.it, testata registrata Trib. Milano n. 367 del 19/11/2014  IT11086080964