La colonna del Diavolo a Milano

Sant'Ambrogio a Milano è un luogo ricco di storia e di leggende, ma forse una delle leggende più intriganti è quella della Colonna del Diavolo.colonna_del_diavolo.jpg

Secondo la leggenda, la famosa "Colonna del Diavolo" - una colonna di epoca romana situata in Piazza Sant'Ambrogio, al lato della basilica ambrosiana - è stata scalfita da un calcio del santo patrono milanese, Sant'Ambrogio. La colonna in marmo è impreziosita da un capitello in stile corinzio e presenta due buchi sulla parte inferiore, che si dice siano stati causati dallo sbattere delle corna di Satana. Solo a fatica il Diavolo riuscì a svincolarsi e a fuggire tornando all'inferno attraverso un portale magico. Questi due fori circolari sembra emanino perennemente un forte odore di zolfo che ricorda l'inferno.

Si dice che Satana fosse solito presentarsi di fronte a Sant'Ambrogio per metterlo alla prova e scatenare la sua rabbia nel caso fosse stato respinto. Si dice anche che Massimino III abbia fatto erigere il palazzo imperiale di Milano - di cui rimangono alcune rovine presso l'odierna Via Brisa - in cui sarebbe stata posta la colonna. Per ricordare questa leggenda, ogni anno, il 7 dicembre, viene celebrata una processione intorno alla colonna con l'esposizione di reliquie e preghiere dedicate a Sant'Ambrogio.

La domenica che precede la Pasqua, il Diavolo arriva al monumento a bordo di un carro, e raccoglie le anime dei dannati per portarle con sé all'Inferno. Durante il Sacro Romano Impero si diceva che la colonna avesse poteri speciali, e che gli imperatori incoronati dovessero abbracciarla durante un rituale di buona auspicio per assicurarsi la benevolenza divina. Il monumento è quindi considerato maledetto ma allo stesso tempo ricco di fascino e mistero.

buchi

Secondo la tradizione, infilando le dita nei fori si attira la fortuna, ma accostandovi l’orecchio è anche possibile sentire rumori provenienti dall'inferno.  La leggenda ci racconta anche che la notte precedente alla domenica di Pasqua si può avere la fortuna, o meglio la sfortuna,  di vedere il carro che traghetta le anime dei dannati all'inferno, alla cui guida c’è il Diavolo in persona.

Su un’altra colonna all'interno della Chiesa, possiamo notare il serpente di bronzo di Sant'Ambrogio, il quale, sembra risalire all'epoca di Mosè.

Potrebbe interessarti anche:
 
Pin It

Copyright © 2006 - 2023 MilanoFree.it, testata registrata Trib. Milano n. 367 del 19/11/2014  IT11086080964