El tramway a Milan

tram-internoEl tramway, ossia il tram, compagno inseparabile della nostra Milano, che ogni giorno attraversa in ogni direzione la città, trasportando persone, ognuna con la propria storia e il proprio affanno.

È il 2 novembre 1893 quando avviene la inaugurazion del primm tramway elettrich a Milan. Partenza da Piazza del Dòmm per l'Arc de la Pas al Sempion. El dì dopo, el servizi, el comincia a fonionà regolarment anca per el pubblich. La corsa la costa des ghei.

Per quanto mi riguarda, anche il tramway come il treno, esercita in me un certo fascino, e quindi vi voglio proporre alcune narrazioni che vedono il tram protagonista. Due di queste perle sono poesie scritte da Luigi Cazzetta, poeta meneghino, che vede una sua targa nei giardini di piazzale Gorini, dal Maggio 2005, e che riguardano proprio il tramway. La prima racconta dell'attesa del tram alla fermata mentre scende la neve e fa freddo. Immaginatevi di essere a una fermata qualsiasi. Il titolo della poesia è:

Tramway de giazz.

Fiocca... Fiocca... Fiocca

Brrr... 'me l'è gelada!

E rivà el tramm a la fermada,

ch no'l sent;

l'è 'me l'andass sù l'oli.

Scrolli l'ombrella

e monti sù:

sont l'unich passegger.

Intant che picchi i pee

ravanni in di sacocc,

trentacinqu franch e pass.

Ma Sacforment, che frecc!

No ' l voeur calmass.

On cantoscell doe l'è,

'n poo riparaa?

Macchee...

l'è voeuj sto tramm,

i duu tramvier

lontan fra lor cent meter,

longh ' me la famm.

Sedij, spaller... nient'alter

e tutt gelaa ' me biss.

Queste strofe mi ricorda i vecchi tram dove il riscaldamento era quello che era e, quando i passeggeri erano pochi, il freddo si sentiva ancora meglio. Invece quando il tram era pieno, a volte strapieno, e dovevi salire chiudendo l'ombrello e poi stare attento a che qualcuno non ti infilava la punta nella scarpa o, come mi è capitato di vedere una volta, una signora nel chiudere il suo ombrello mentre saliva i gradini del mezzo, ne ha infilato la punta sotto il parrucchino di un signore sollevandola. È stato un momento divertente... certo non per lo sfortunato protagonista.

L'altra poesia, sempre dedicata al tramway, si intitola:

Tram con la coccarda.

Cartell denanz, per no' desmentegass:

" Proibii fà cicciarà el manovrador";

vesin, vesin apèna de sfiorass

den-den... el va el biròcc, el va che 'l corr.

Attent, el giovinòtt, a nò incantass,

el respirava el fiaa de quell sò amor

che el gh'eva a fianch. In quant a nò

parlass,

tasend se intendeven fra de lor.

La tòsa cont i oggioni adòss a lù;

el tranvierin, ciappaa in del sò dover...

e intorna el sò profumm de gioventù.

Duu fior, 'me ona coccarda, su on

tramway

che rinfrescaven l'aria. E i passegger,

se ne vardaven ben de disturbai.

 

Credo descriva semplicemente bene il momento di due innamorati in viaggio sul tram; magari sarà capitato a moltissimi, leggendo la poesia, di ritrovarsi in quei versi e rivedersi su un tram con a fianco la sua lei o il suo lui, ignorando l'intorno. Anche con una poesia si può descrive un avvenimento che accade nella nostra bella Milano.

Leggi anche:

Alla scoperta del Tram Carrelli di Milano
Dall'Ippovia al Tram a Milano

Copyright © 2006 - 2020 MilanoFree.it, testata registrata Trib. Milano n. 367 del 19/11/2014  IT11086080964