fbpx
  • BENESSERE
  • Da una parte la Natura, dall'altra la Scienza. Nel mezzo la salute della nostra pelle

Da una parte la Natura, dall'altra la Scienza. Nel mezzo la salute della nostra pelle

  • Agnese Pasquinelli

DA UNA PARTE LA NATURA, DALL'ALTRA LA SCIENZA. Nel mezzo c’è la salute della nostra pelle e la continua voglia di sentirsi belle, dentro e fuori. 

L’affascinante mondo del beauty, si sa, è in continua evoluzione ed è uno di quei settori che non conosce crisi. bellezza ragazza pix

Attenendoci ai dati che i diversi studi effettuati ci offrono, possiamo riscontrare quanto la cura della nostra pelle sia fondamentale nella quotidianità, specie ora, in cui siamo costretti ad indossare costantemente la mascherina. D’altro canto anche l’estetica gioca un ruolo significativo sul nostro status e stare in casa non deve essere sinonimo di trasandatezza. 

Da una parte la natura, dall'altra la scienza dicevamo. Nel mezzo, in un equilibrio perfetto tra le due, sono in grado di riportare alla quasi normalità una cute in crisi. La cosmetica ha analizzato e studiato i comportamenti della mutazione della pelle e ne ha trovato che chiave di volta, nel rivolgersi a pelli sensibili e ipersensibili, sta nell'attingere dall'una e dall'altra per la messa a punto di soin efficaci su più fronti. 

La buona dieta

Non tutto il buono per la pelle si trovo in un pot. Talvolta, basta fare un salto … in dispensa! 

Alla base di tutto c’è senza alcun dubbio una buona dieta che non è sinonimo di drastiche restrizione, bensì piccoli accorgimenti dai quali trarre benefici a breve termine. La dieta funzionale, come insegna la dottoressa Sara Farnetti, è una valida soluzione. Attraverso una combinazione personalizzata degli alimenti si va a creare una sinergia giusta di nutrienti capace di condizionare il lavoro degli organi e la liberazione degli ormoni che sono alla base dell’insorgenza di numerose patologie e accumuli di grasso localizzati sulle diverse parti del corpo. Il detto “noi siamo ciò che mangiamo” si rivela ancora una volta corretto; ingerendo le giuste combo siamo noi i piloti del nostro corpo, capendo quali sono i cibi che attivano o inibiscono il metabolismo. 

Care alle pelli sensibili sono le vitamine, con particolare attenzione di quelle del Gruppo B: troxerutina (B4) e niacina (B3 o niamicinamide). La prima ha il compito di aumentare la resistenza dei vasi sanguigni e ne diminuisce la permabilità. La seconda, invece, antesignana dei cofattori NAD E NADP, validi antiossidanti. Inoltre, attenua la visibilità delle rughe, argomento all'ordine del giorno per le donne, e ne accresce elasticità cutanea. La niamicinamide possiede doti lenitive ed è un preziosissimo alleato anti-rossori; fondamentale in questo momento in cui la pelle deve sopportare lo stress causato dalla mascherina.

Verde come il colore della speranza. Ricchi come gli eccipienti al suo interno, a partire dal Beta Glucano (stimolatore del sistema immunitario cutaneo) e Acido 18 beta-glicirretico (lenitivo), che sono rispettivamente estratti dal lievito di birra e dalla pianta di liquirizia. 

Grazie al loro potenziale sono entrambi ottimi alleati del benessere della nostra pelle, in quanto vanno a lavorare in profondità. Il Beta Glucano, ancora, ci  protegge dallo stress ossidativo e ne favorisce la l’ autoriparazione cutanea. A questi due si va ad aggiungere una pianta conosciuta in tutto il mondo, di cui sono fondamentali le sue proprietà rigeneranti, antinfiammatorie e stimolanti del sistema difensivo della pelle: sua maestà l’Aloe Vera. 

 

Finora ci siamo soffermate su quello che aiuta il nostro interno, ma per sentirsi al top anche di fronte allo specchio, esistono piccoli accorgimenti che ci permettono di affrontare le giornate con uno spirito ed un entusiasmo differente. 

Lo sguardo, ad esempio, ha un ruolo di responsabilità sul viso e va valorizzato, adattandolo ai lineamenti di ciascuna di noi. 

Sua parte complementare sono le sopracciglia, le quali se trattate con attenzione e con i giusti prodotti, cattureranno tutti i riflettori su di loro!! 

Per questo campo è meglio affidarsi a professionisti del settore per non correre il rischio di fare disastri al nostro volto. Leila Pasar è la numero uno in questo. 

Ampliare gli orizzonti per trarne evidenti benefici

Persiana, nata in Iran e cresciuta a Teheran, sin da bambina ha nutrito una forte attrazione verso il mondo di una bellezza quanto più naturale possibile, propria di insegnamenti che si tramandano da generazioni e che si fondano nell'antichità, percorrendo i secoli di una delle civiltà più affascinanti e antiche del mondo, quella persiana per l’appunto. 

Il metodo di Leila si basa su un approfondito studio di tecniche efficaci e naturali per la cura delle sopracciglia, quali la colorazione con henné e la depilazione (indolore) con il filo. Entrambe sono molto diffuse nel suo paese, ma fino a qualche anno fa lo erano poco in Italia, così grazie alla sua tenacia, caparbietà e amore per lo stivale ha ben pensato di trasportarle anche qui. 

 

L’improvvisazione non è mai una valida alleata e Leila lo sa bene, tanto che ha viaggiato in largo e lungo nei territori iraniani alla ricerca delle realtà artigianali che attraverso antichissime ricette producono prodotti dedicati alla cosmesi che non hanno nulla a che fare con la chimica. 

Trattando un’area così delicata come quella degli occhi e sopracciglia, bisogna focalizzarci principalmente sugli olii, che provenendo da resine ed  estratti da semi, fiori e frutti garantiscono dei risultati visibili, lasciando a bocca aperta gli increduli o i fan di creme più blasonate, ma magari ricche di inci che a lungo andare danneggiano la pelle. 

 

Dunque donne, ma anche uomini, non gettiamoci nello sconforto provocato dal momento. Continuiamo, o iniziamo, a prenderci cura di noi stessi attraverso questi validi consigli e fissiamo davanti a noi degli obiettivi, che siano motivazionali. 

Al termine ne usciremo di sicuro migliori e con una maggiore consapevolezza nell'affrontare le sfide quotidiane che la vita ci presenta.  

Agnese Pasquinelli

Copyright © 2006 - 2021 MilanoFree.it, testata registrata Trib. Milano n. 367 del 19/11/2014  IT11086080964