• Home
  • NEWS
  • Come distinguere nei bambini l'influenza dal covid

Come distinguere nei bambini l'influenza dal covid

bambini sintomi influenza coronavirus pixL'estate sta volgendo al suo termine per lasciare il posto alle due nuove stagioni che, come è di prassi, sono portatrici di raffreddori e influenze.

Nulla di nuovo si dirà, solo che a complicare le cose c'è quel maledetto covid che, purtroppo, presenta sintomi abbastanza simili ad una influenza.

Inoltre iniziano gli asili e le scuole, e i bambini sono soggetti a raffreddori e sintomi influenzali, definiti di stagione, tuttavia è possibile, per non cadere in allarmismi inutili e dannosi poter distinguere una semplice influenza dal covid?

Diciamo subito che i sintomi sono piuttosto simili e, al momento, solo il tampone può determinarne l'origine, comunque ecco alcuni accorgimenti cui prestare attenzione usando sempre il buon senso.

  • Il bimbo/a ha il raffreddore, naso chiuso o che cola, qualche colpo di tosse, soprattutto umida, si può concludere che si tratta di un raffreddamento dovuto al clima.
  • Il bimbo/a presenta un raffreddore, febbre superiore a 37,5°, vomito, diarrea, è possibile sospettare del covid, se questi si presentano tutti insieme.
  • Il bimbo/a perde il senso del gusto e dell'olfatto, c'è da sospettare il virus del covid. Attenzione perché la perdita dell'olfatto è improvvisa e grave e non si accompagna a naso chiuso o naso che cola. Per quanto riguarda la perdita del gusto non si è in grado di distinguere tra dolce e amaro. Certo, in un bambino/a molto piccolo non è facile farselo spiegare, quindi più attenzione o rivolgersi al pediatra.
  • La tosse in caso di covid è secca, stizzosa e piuttosto insistente. Tuttavia è possibile che, data la stagione, si tratti di un virus capace di infettare l'apparato respiratorio senza che sia necessariamente covid. Qui un tampone risolverebbe il dubbio.
  • È opportuno tenere a casa da scuola il bambino/a che presenti febbre superiore a 37,5°, tosse, sintomi diarroici. Che poi è prassi comune.

È evidente che i primi conoscitori dei propri figli sono i genitori, che sanno capire se c'è qualcosa, e cosa, che non va. Comunque la scelta migliore è sempre rivolgersi al proprio pediatra qualora si fosse nel dubbio.

Tra pochi giorni apriranno gli asili e poi le scuole, e tutti sappiamo le condizione caotiche in cui la nostra scuola italiana si trovi, questo deve aumentare l'attenzione e la prevenzione, sempre usando il buon senso senza lasciarsi prendere da paure e/o isterismi vari, soprattutto nei confronti dei ragazzi, che devono vivere in un clima il più sereno possibile. Purtroppo troppe sono le voci contraddittorie che si sentono, e questo non aiuta di certo, anzi, portano ancora più confusione e incertezze nella gente che si trova, a volte, ad applicare il "fai da te".

Potrebbe interessarti anche:

Coronavirus, come utilizzare correttamente le mascherine

Calzari monouso: a casa i copri scarpe per gli ospiti

Perché togliersi le scarpe appena entrati in casa

Copyright © 2006 - 2020 MilanoFree.it, testata registrata Trib. Milano n. 367 del 19/11/2014  IT11086080964