fbpx
  • Storia
  • Il Rock italiano e i suoi protagonisti

Il Rock italiano e i suoi protagonisti

La musica Rock, di origine americana, arriva in Italia nella seconda metà degli anni Cinquanta, ma è con l'arrivo degli anni Sessanta, con l'esplosione della moda beat, che nascono i primi gruppi che però attingono al repertorio di successi stranieri. Un vero e proprio rock italiano prende l'avvio con l'arrivo degli anni Settanta, sempre ispirandosi alla musica anglosassone.

chitarra rock pixDobbiamo arrivare agli anni Novanta per sentire un rock italiano sempre più aperto a influenze provenienti dai vari angoli del mondo. Nel 1965 dunque esplode il movimento beat, divenendo fenomeno di massa e incidendo anche nei testi e nella musica delle canzoni.

Ecco alcuni gruppi presenti sulla scena musicale di quel tempo:

  • L'Equipe 84, gruppo nato a Modena e attivo dal 1962, è considerato il gruppo italiano di musica beat più importante e popolare. Ricordo due loro canzoni divenute tra le più famose: "Io ho in mente te" e "29 settembre".
  • I Dik Dik, gruppo musicale formatosi a Milano nel 1965, il cui nome prende origine da un'antilope africana. Tra i loro successi: "Sognando la California", "L'Isola di Wight", "Come passa il tempo", presentata al Festival di Sanremo nel 1993.
  • I Nomadi, gruppo famosissimo e molto conosciuto e apprezzato nel panorama musicale del movimento beat italiano. Delle loro molte canzoni ne ricordo alcune: "Come potete giudicar", "Ho difeso il mio amore", "Io vagabondo", "noi non ci saremo" e moltissime altre.

Altri gruppi sono ad esempio: i New Dada, i The Primitives, i Giganti, e altri ancora.

È doveroso ricordare che il rock non è solo "per uomini", ma anche le donne si fanno onore; eccone alcune:

  • Donatella Rettore, con i suoi brani come "Lamette", "Kobra", "Splendido splendente".
  • Loredana Bertè, interprete poliedrica nel panorama musicale italiano. Qui ricordo canzoni come: "Sei bellissima", "Il mare d'inverno", "Cosa ti aspetti da me", e moltissimi altri.
  • Gianna Nannini, con: "I maschi", "Sei nell'anima", "Bello e impossibile" e tantissime altre e ancora in auge nel panorama musicale italiano.

Un altro riferimento è quello inerente il Woodstock in Italia, che diede origine a festival più nostrani con musica di ottimo livello, anche se modellata sugli esempi stranieri. Molti furono i gruppi presenti nel panorama musicale del tempo, mi limito a citarne alcuni:

  • La Premiata Forneria Marconi.
  • I Delirium.
  • Gli Area.
  • Mia Martini.
  • Gli Stormy Six.
  • Circus 2000.
  • Quella Vecchia Locanda.
  • Gli Osage Tribe.

Si deve anche al Festival di Sanremo l'arrivo del Rhythm &blues in stile italico quando fece gareggiare parecchi cantanti stranieri, siamo nella seconda metà degli anni Sessanta. Ne voglio ricordare alcune divenute famose.

  • Nel 1962 Adriano Celentano canta "Pregherò"; versione italiana di Stand By Me.
  • "Stasera mi butto", cantata da Rocky Roberts, canzone mai tramontata. 
  • Altra canzone ancora presente nel panorama musicale è "Deborah", portata al successo da Wilson Pickett in coppia con Fausto Leali.
  • Anche Lucio Battisti con la canzone "Mio Dio no", dimostra una vocazione soul. La canzone è del 1971.
  • Zucchero, il più noto soul man italiano a livello internazionale, lo vediamo duettare con Solomon Burke nel 1989 nella canzone "Diavolo in me".

Nel terminare questo breve excursus nel vastissimo panorama musicale italiano e internazionale, non posso non citare il cantautore emiliano Vasco Rossi. Ecco alcune delle sue conosciutissime canzoni che ha accresciuto il rock italiano.

  • Albachiara, quella che inizia così: Respiri piano per non far rumore, ti addormenti di sera e ti risvegli col sole. Sei chiara come un'alba...
  • Cosa succede in città, con la seconda strofa che dice: Cosa succede, cosa succede in città? C'è qualche cosa, qualcosa che non va. Guarda lì, guarda là che confusione. Guarda lì, guarda là che maleducazione... 

Molto altro sul rock italiano e i suoi protagonisti si potrebbe scrivere, ma lo spazio di un articolo non lo consente, spero tuttavia di essere riuscito a incuriosire i lettori.

Copyright © 2006 - 2020 MilanoFree.it, testata registrata Trib. Milano n. 367 del 19/11/2014  IT11086080964